David Friedman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
David Friedman (2008)

David Friedman (2 febbraio 1945) è un economista statunitense, figlio del premio Nobel Milton Friedman, filosofo politico anarco-capitalista.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

David Friedman proviene da una famiglia molto accademica: il padre è il famoso premio Nobel Milton Friedman, padre del monetarismo ed importante esponente del liberismo del XX secolo, la madre è l'economista Rose Friedman, lo zio, Aaron Director, è un docente di legge e lo stesso figlio di David Friedman, Patri, si è occupato di libertarianismo.

David Friedman ha ottenuto il dottorato in fisica, anche se è certamente più famoso per le sue teorie economiche.

A inizio carriera accademica fu docente di economia, oggi insegna legge alla Santa Clara University.

Il pensiero[modifica | modifica wikitesto]

David Friedman è un importante anarco-capitalista americano, favorevole quindi all'eliminazione dello stato a favore di un vero libero mercato. E' il più autorevole esponente di quella corrente libertaria che inferisce la necessità di contenimento radicale dello Stato da un approccio pragmatistico e non dogmatico, e che proprio dall'indagine economico-empirica trae conferma del ruolo essenziale che il diritto naturale di proprietà e il principio di non aggressione giocano per realizzare una società di uomini liberi.

La differenza che separa Friedman dal padre dell'anarco-capitalismo, ossia Murray N. Rothbard, si può indicare nel gradualismo. Friedman propone infatti prima l'accettazione da parte dell'intera società del codice legale libertario, successivamente un processo di privatizzazione dei settori controllati dallo Stato, fino ad arrivare alla privatizzazione del diritto, quindi all'abolizione dello Stato stesso.

La sua opera più importante, dove possiamo trovare tutto il suo pensiero, è sicuramente The machinery of freedom del 1973 ( L'ingranaggio della libertà. Guida a un capitalismo radicale). Muovendo dalla elementare constatazione: «Sembra esserci una stretta correlazione tra le leggi che rendono libera la gente e quelle che la rendono felice», David Friedman avvia un'analisi concreta dei vari settori del vivere associato in cui, con vantaggio di tutti, sarebbe possibile riappropriarsi degli spazi di autonomia confiscati dalle cricche di politici, legislatori e burocrati che costituiscono le mille membra del Moloch statale. Scuola, sanità, previdenza, giustizia, sistema viario, sicurezza, tutela ambientale, mass media e tanti altri servizi vengono riprogettati da Friedman sulla base di principî non coercitivi, dimostrando come lo Stato sia la negazione di efficienza e giustizia, le quali non nascono da obblighi, divieti, costrizioni, ma dalla cooperazione di individui liberi e consenzienti. Il senso di questo libro - come dice lo stesso Autore - è quello di «persuadere la gente che una società potrebbe essere sia libera che desiderabile, che le istituzioni della proprietà privata costituiscono il meccanismo della libertà, rendendo possibile ad ognuno, in un mondo interdipendente e complesso, di raggiungere il proprio scopo»[1].

Altri interessi[modifica | modifica wikitesto]

Friedman fa parte della Society for Creative Anachronism, un gruppo che si occupa dello studio delle condizioni di vita e degli usi del medioevo.

È anche conosciuto come un importante studioso degli usi e delle tradizioni del passato, e anche della ricreazione di quelle condizione, soprattutto del medioevo.

Ha scritto inoltre libri fantasy, il più importante dei quali è Harald, pubblicato nel 2006.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Opere di economia[modifica | modifica wikitesto]

  • The machinery of freedom, 1973, trad. it. Paola Landi e Michael Lacey Freeman, L'ingranaggio della libertà, Macerata: Liberilibri, [1997], 2005
  • Price Theory: An Intermediate Text, 1986
  • AA.VV Saggi sull'individualità, Macerata, Liberilibri, [1994] 1996.
  • Hidden Order: The Economics of Everyday Life, 1996
  • Law’s Order: What Economics Has to Do with Law and Why It Matters, 2000
  • Future Imperfect, prevista uscita nel 2008

Opere fantasy[modifica | modifica wikitesto]

  • Harald, 2006
  • Salamander, prossima uscita

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 54203147 LCCN: n86140775

  1. ^ David Friedman, L'ingranaggio della libertà. Guida a un capitalismo radicale., Macerata, Liberilibri, [1997] 2005.