Libertà civili

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Libertà rotta: Istanbul Museo Archeologico.

Libertà civili è l'espressione riguardante quelle libertà che appartengono ai cittadini di uno stato. Le libertà civili pongono limiti al governo tali che esso non possa abusare dei propri poteri ed interferire con la vita dei cittadini.

Libertà civili comuni sono: libertà di associazione, libertà di assemblea, libertà religiosa, e libertà di parola, ed inoltre, il diritto di difesa, il diritto ad un equo processo, il diritto al porto d'armi e il diritto alla privacy.

Il concetto formale di libertà civile risale ai tempi della Magna Carta del 1215 che a sua volta era basata su documenti preesistenti.

Le repubbliche o democrazie hanno una Costituzione[1], alcuni, come gli Stati Uniti anche una Carta dei diritti e altri documenti costituzionali che elencano le libertà civili e cercano di garantirle.

Alcuni paesi hanno una varietà di mezzi legali, incluso quello di firmare o ratificare o dare atto a convenzioni quali la Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali e la Convenzione internazionale sui diritti civili e politici.

Si potrebbe dire che la tutela delle libertà civili è una responsabilità chiave di tutti i cittadini degli stati democratici che così si contraddistinguono dagli Stati autoritari.

L'esistenza di alcune proclamate libertà civili è materia di disputa riguardo all'estensione di molte libertà civili. Esempi controversi includono i diritti di riproduzione, matrimonio tra persone dello stesso sesso, possesso di armi e l'uso di certe droghe.

Un'altra materia di dibattito è la sospensione o l'alterazione di talune libertà civili durante il tempo di guerra o durante uno stato di emergenza, e fino a che punto esse possano essere sospese. Per limitare i danni sociali alla sospensione temporanea di alcune libertà, soprattutto a livello internazionale, la giurisprudenza ha elaborato varie forme di diritto bellico, diritto internazionale e diritto umanitario. Gli stati hanno inoltre elaborato forme di unione e associazione transnazionale e sovranazionale.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ad esempio in Italia, la Costituzione della Repubblica Italiana all'articolo 3, comma 1 recita: «Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.»