The Japan Times

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Japan Times
Stato Giappone Giappone
Lingua inglese
Periodicità quotidiano
Genere stampa nazionale
Formato Broadsheet
Fondatore Motosada Zumoto
Fondazione 1897
Sede Tokyo, Osaka
Editore The Japan Times, Ltd.
Capitale sociale 476.437.000 ¥
Distribuzione
cartacea
Edizione cartacea singola copia
abbonamento
Sito web japantimes.co.jp
 

The Japan Times è un quotidiano giapponese scritto in lingua inglese. È pubblicato da The Japan Times, Ltd. (株式会社ジヤパンタイムズ Kabushiki Kaisha Japan Taimuzu?), azienda che ha sede nel Japan Times Nifco Building (ジャパンタイムズ・ニフコビル Japan Taimuzu Nifuko Biru?) nel quartiere di Minato, a Tokyo.[1]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Fu fondato a Tokyo nel 1897 da Motosada Zumoto, per dare ai giapponesi la possibilità di leggere e discutere in inglese le notizie, allo scopo di favorire una maggior coinvolgimento del paese nella comunità internazionale.[2] Il giornale rimase al di fuori del controllo governativo fino al 1933, quando il Ministero degli Esteri del Giappone riuscì a far nominare caporedattore Hitoshi Ashida, un suo ex funzionaro.[3] Durante la seconda guerra mondiale, la testata divenne oggetto della propaganda governativa.[2]

Cronologia[modifica | modifica sorgente]

Vignetta pubblicata nel 1942 da The Japan Times, in cui Zio Sam e John Bull piantano croci in corrispondenza delle navi alleate affondate dai giapponesi nei mari orientali nella seconda guerra mondiale
  • 1897: primo numero di The Japan Times (22 marzo)
  • 1918: cambia il nome in The Japan Times and Mail
  • 1940: cambia il nome in The Japan Times and Advertiser
  • 1943: cambia il nome in Nippon Times
  • 1951: primo numero dell'inserto settimanale The Student Times (l'attuale Shukan ST)
  • 1961: primo numero dell'inserto settimanale The Japan Times Weekly
  • 1966: la testata si sposta dal quartiere di Chiyoda (Tōkyō) al quartiere di Minato
  • 1983: Toshiaki Ogasawara diventa il 18º presidente
  • 1987: la sede di Osaka inizia a lavorare a tempo pieno
  • 1989: completamento della nuova sede
  • 1996: inaugurazione della stazione radio InterFM
  • 1997: The Japan Times celebra il centenario
  • 2006: Yukiko Ogasawara diventa il 19º presidente

Composizione[modifica | modifica sorgente]

The Japan Times, Inc. pubblica anche i settimanali in formato tabloid The Japan Times Weekly[4] e Shukan ST, quest'ultimo destinato allo studio della lingua inglese.

Il quotidiano comprende le seguenti notizie:

  1. Cronaca ed economia nazionali ed internazionali
  2. Opinioni: editoriali, op-ed e la corrispondenza con i lettori
  3. Speciali: comunità, media, tecnologia, culinaria, viaggi, ambiente, educazione ecc.
  4. Intrattenimento: film, arte, musica, spettacoli ed altri eventi dal vivo, libri ecc.
  5. Sport: notizie sportive dal Giappone e dall'estero, prevalentemente su baseball, calcio, basket, sumo, pattinaggio artistico su ghiaccio

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Map to the Japan Times." (Image) The Japan Times. "4-5-4 Shibaura Minato-ku"
  2. ^ a b (EN) Kamiya, Setsuko: "Japan Times not just wartime mouthpiece", The Japan Times, 13 agosto 2011, pag. 3.
  3. ^ (EN) Peter O'Connor: The Japan Times at War Time: Mouth piece or Moderator?
  4. ^ (EN) English daily, The Japan Times.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

editoria Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di editoria