Due trattati sul governo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Due trattati sul governo
Titolo originale Two Treatises of Government
Locke treatises of government page.jpg
Frontespizio della prima edizione
Autore John Locke
1ª ed. originale 1690
Genere saggio
Lingua originale inglese

Due trattati sul governo è un'opera di John Locke pubblicata anonima nel 1690. Delle due parti che la compongono, la più nota è la seconda, il cui titolo completo in italiano è Il secondo trattato sul governo. Saggio concernente la vera origine, l'estensione e il fine del governo civile[1].

Nel primo trattato, Locke confutava i principi contenuti nel "Patriarca", opera dell'assolutista Robert Filmer, che faceva derivare il diritto divino dei re dai diritti di Adamo e dei patriarchi. Nel secondo trattato, il fine di Locke era di esporre la sua teoria sullo Stato, ricercando le basi dell'associazione politica, delimitandone la sfera, cogliendo le leggi della sua conservazione.

L'opera esprime sentimenti di antiassolutismo, autorità limitata, sostenuta dal consenso del popolo, dal diritto naturale e una volontà di demolire la teoria del diritto divino.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ John Locke: "Il Secondo Trattato sul Governo," traduzione di Anna Gialluca, BUR 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

filosofia Portale Filosofia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di filosofia