Democrazia liberale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La democrazia liberale è una forma di stato e di governo che si fonda sul principio della separazione dei poteri: legislativo, esecutivo e giudiziario. Deriva dalla stato liberale, con la presenza di una più ampia democrazia e , solitamente, di uno stato sociale.

Storia e origine[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Stato liberale.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La democrazia liberale promuove e protegge i diritti e le libertà individuali (libertà di parola, di associazione, di religione e di proprietà), la divisione dei poteri, il giusto processo, attraverso una costituzione. In origine in nessuna democrazia liberale il suffragio era universale (solo maschile, basato sul censo o ristretto ad alcuni gruppi etnici).[1] Tutte le democrazie liberali odierne garantiscono invece - fatta salva la cittadinanza - il diritto di voto per tutti gli adulti, indipendentemente dal genere, dall'etnia e dai diritti di proprietà.[2]

Le elezioni debbono svolgersi in modo libero e ad esse, in virtù del principio di pluralismo, possono partecipare più partiti in competizione tra loro. La Costituzione è intesa come il limite all'autorità del governo e come garanzia dello stato di diritto. L'autorità di governo è legittimamente esercitata solo se ciò avviene nel rispetto di leggi scritte, approvate e pubblicate in conformità alla Costituzione.[3] Molte democrazie adottano forme di federalismo in modo da attuare una "separazione verticale dei poteri" volta a evitare gli abusi del governo, distribuendo le competenze tra i vari livelli di governo.

La democrazia liberale inoltre garantirebbe un equilibrio da volontà della maggioranza e volontà dell'individuo. Alexis de Tocqueville propose infatti, come contrappeso ai mali intrinseci di una democrazia assoluta, una pluralità di idee, tramite l'associazionismo e i corpi intermedi, che garantisca un controllo della maggioranza da parte delle minoranze politiche e le opposizioni, come nel modello di democrazia liberale degli Stati Uniti, in cui "pesi e contrappesi" bilanciano i vari poteri.[4]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carter, April - Stokes, Geoffrey, Liberal democracy and its critics. Perspectives in contemporary political thought, Polity Press, Cambridge (UK) 1998
  • Compagna, Luigi, Dal costituzionalismo liberale alla democrazia politica, Giuffrè, Milano 1988
  • Cofrancesco, Dino, La democrazia liberale (e le altre), Rubettino, Soveria Mannelli (CZ) 2003
  • Dunleavy, Patrick - O'Leary, Brendan, Theories of the state. The politics of liberal democracy, New Amsterdam, New York 1989
  • Macpherson, Crawford, La vita e i tempi della democrazia liberale, Il Saggiatore, Milano 1977
  • Montesquieu, Charles Louis, Lo spirito delle leggi, UTET, Torino 1952
  • Salvadori, Massimo, La democrazia liberale, Opere Nuove, Roma 1958

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [http://www.usc.edu/dept/LAS/factech/mkann/to104/liberalism.html LIBERAL DEMOCRACY: ITS MAJOR CHARACTERISTICS]
  2. ^ F. Fukuyama, La fine della storia e l'ultimo uomo, Milano, 1992.
  3. ^ Democracy
  4. ^ A. de Tocqueville, La democrazia in America

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]