Differenze tra le versioni di "Architettura romanica"

Jump to navigation Jump to search
(→‎Italia: amplio e nota)
 
L'estrema duttilità con cui i costruttori romanici interpretavano liberamente i modelli degli edifici principali permise anche l'innesto di motivi più disparati, compresi elementi bizantini ed islamici (si pensi per esempio all'architettura [[sicilia]]na o [[venezia]]na dell'epoca).
 
L'unità del linguaggio romanico, la concezione unitaria dell'edificio è di natura dinamica, inventiva e sperimentale.<ref>"Un nuovo mondo di forme", in ''Arte in Italia'' di Eleonora Bailati e Anna Finocchi; Loescher, Torino, 1988, pag. 287. </ref> Ne deriva una costruzione religiosa strutturalmente possente, una "fortezza della fede".
 
=== La questione delle volte a crociera ===
3 473

contributi

Menu di navigazione