Cattedrale di Trani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Basilica Cattedrale di Trani
Cattedrale Trani apr06 01.jpg
La facciata e il campanile
Stato Italia Italia
Regione Puglia
Località Trani
Religione Cristiana cattolica di rito romano
Titolare Santa Maria Assunta
Diocesi Arcidiocesi di Trani-Barletta-Bisceglie
Consacrazione 1143
Stile architettonico Romanico
Inizio costruzione 1099
Completamento dopo il 1200

La Basilica cattedrale di Santa Maria Assunta è il principale luogo di culto cattolico della città di Trani, in Puglia. È la chiesa cattedrale dell'Arcidiocesi di Trani-Barletta-Bisceglie.

Inserita nella lista delle "meraviglie italiane",[1], si tratta di un esempio di architettura romanica pugliese. La sua costruzione è legata alle vicende di san Nicola Pellegrino, risalenti all'epoca della dominazione normanna.

Fu costruita usando la pietra di Trani, un materiale da costruzione tipico della zona: si tratta un tufo calcareo, estratto dalle cave della città, caratterizzato da un colore roseo chiarissimo, quasi bianco.

La chiesa si distingue per il suo vistoso transetto e per l'uso dell'arco a sesto acuto nel passaggio situato sotto il campanile, fenomeno non molto diffuso nell'architettura romanica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La tradizione vuole che Nicola Pellegrino sia sbarcato a Trani nell'imminenza della morte,[2] dopo la quale sarebbero avvenuti svariati miracoli, sicché egli fu canonizzato per iniziativa dell'arcivescovo Bisanzio, su autorizzazione di Urbano II.[3]

Iniziata nel 1099, la chiesa fu edificata sulla base di quella più vecchia di Santa Maria della Scala[2]. Un primo edificio di culto risalente al IV secolo, come evidenziato da recenti scavi archeologici, sarebbe sorto sull'area dove è attualmente ubicata la Cattedrale. Successivamente venne costruita la chiesa di Santa Maria, all'interno della quale venne scavato un sacello per ospitare le reliquie di San Leucio, trafugate da Brindisi nell'VIII secolo. Le reliquie di San Nicola sarebbero state sistemate nella parte inferiore della chiesa. La cattedrale fu poi consacrata prima ancora del completamento.

La fase decisiva della costruzione si ebbe presumibilmente tra il 1159 e il 1186 sotto l'impulso del vescovo Bertrando II, mentre verso il 1200 il completamento era da considerarsi raggiunto, eccezion fatta per il campanile.[4]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Esterno[modifica | modifica wikitesto]

La costruzione, importante dal punto di vista urbanistico, vanta una posizione relativamente isolata rispetto agli edifici circostanti e si trova nelle immediate vicinanze della costa, con l'effetto di creare un chiaro punto di riferimento sia a chi la guardi dalla città sia a chi la guardi dal mare.

Vi si accede tramite una doppia rampa di scale che conduce al portale, dato che il pianterreno si trova in posizione leggermente rialzata, a 5 metri dall'attuale livello stradale.

Situazione urbanistica, vista dal fortino del borgo medievale.
Rosone laterale

Tramite la doppia rampa si accede a un ballatoio situato davanti alla facciata, dove al centro di un'arcata cieca si trova un portale romanico accuratamente ornato. Lo stile tradisce l'influenza architettonica araba.

La porta centrale di bronzo è opera di Barisano da Trani e fu realizzata nel 1175: si tratta peraltro di uno dei più interessanti esempi del genere nell'Italia meridionale. La porta originale è esposta all'interno dell'edificio, mentre all'esterno è stata collocata una fedele replica, inaugurata nel 2012.

Tre finestre e un piccolo rosone sulla navata centrale decorano la facciata, con le loro aperture ornate da figure zoomorfe, che le conferiscono una certa plasticità. Come suggerisce la forma della facciata, la chiesa segue lo schema architettonico della basilica a tre navate. Inoltre, il fatto che l'entrata sia rialzata suggerisce l'idea della presenza di una cripta di una certa importanza. Una visita all'interno rivelerà che si tratta effettivamente di una chiesa doppia.

Dalla parte posteriore, l'edificio è invece delimitato da un massiccio transetto rivolto verso il mare e dotato di tre absidi. È questo senz'altro uno dei maggiori elementi di originalità della chiesa. Anche questa parte della costruzione è decorata da arcate cieche in stile romanico. Al di sopra di queste, le facciate laterali sono decorate, a sud da due bifore e da un rosone, e a nord da due bifore e una quadrifora.

L'elegante torre campanaria accanto alla facciata fu eretta soltanto in seguito, essenzialmente tra il 1230 e il 1239, ma il completamento, con la costruzione dei piani superiori al secondo, si ebbe poco dopo la metà del Trecento sotto il vescovo Giacomo Tura Scottini[2]. Tipicamente romanico è l'alleggerirsi della massa procedendo verso l'alto, ottenuto con l'accorgimento architettonico delle aperture che diventano sempre più ampie salendo in alto: dalla finestra bifora si passa a quella trifora, ecc.

Sotto il campanile, un ampio arco a sesto acuto crea un effetto architettonico piuttosto insolito, dato che dematerializza sensibilmente la base su cui si scarica la massa sovrastante della torre: pare infatti che la scelta, all'epoca, di praticare un'apertura di passaggio sotto il campanile (vedi prima foto), fosse dovuta alla necessità di garantire la circolazione nella zona della piazza antistante l'edificio, che era molto diversa da oggi. Si tratta di una scelta architettonica piuttosto ardita: la torre (alta 59 m) finì del resto per diventare pericolante e fu riedificata su un base rifatta negli anni cinquanta del XX secolo.[5]

Interno[modifica | modifica wikitesto]

Navata centrale della chiesa superiore

La tripartizione in navate nella parte principale dell'edificio è data da colonne binate, che sorreggono i rispettivi matronei. Le due navate laterali sono ricoperte da volte a crociera, mentre quella centrale ha delle capriate a vista.

La parte posteriore della chiesa, quella del transetto, forma uno spazio unico, anche se le tre absidi riprendono la tripartizione del corpo principale. Si distingue per una vistosa copertura a capriate simile a quella della navata centrale.

Il carattere sobrio e quasi disadorno della cattedrale (un tempo molto più fastosa di oggi) è dovuto ai continui rifacimenti delle decorazioni (capitelli, volta, stucchi), compresi quelli controproducenti nell'Ottocento e quelli di riparo negli anni cinquanta e sessanta del Novecento. In occasione di questi ultimi si scelse di conservare soprattutto gli elementi medievali per obliterare, laddove possibile, le superfetazioni di epoche successive. È questo il caso, per esempio, della volta settecentesca del transetto, rimossa negli anni cinquanta per riportare il soffitto allo stato originale con capriate a vista.

Nonostante i continui mutamenti intervenuti nel corso dei secoli, conserva in parte il suo carattere originale la parte inferiore della chiesa, che costituisce una parte essenziale dell'insieme.[6] Suddivisa in due unità (Cripta di San Nicola, che conserva le reliquie del santo e Cripta di Santa Maria, che risale alla costruzione precedente), la parte inferiore ricalca la pianta dell'edificio e si distingue per l'eleganza dei capitelli romanici. Tramite una scaletta è possibile accedere all'ipogeo di San Leucio, scavato sotto il livello del mare e ornato di affreschi ormai in cattivo stato di conservazione.

Della pavimentazione musiva, ispirata a quella della cattedrale di Otranto, rimangono solo alcuni brandelli nella zona del presbiterio, in cui, oltre a elementi decorativi, è possibile riconoscere l'allegoria dell'"Ascesa in volo di Alessandro Magno" e l'episodio del Peccato originale di Adamo ed Eva, rappresentati ai lati dell'Albero della conoscenza del Bene e del Male[7]

Organo a canne[modifica | modifica wikitesto]

L'organo a canne della Basilica Cattedrale è situato nel braccio destro del transetto, a ridosso della parete di fondo; è stato costruito nel 2013-2014 da Francesco Zanin riutilizzando il materiale fonico del precedente strumento, opera dei Fratelli Ruffatti. Quest'ultimo era stato costruito nel 1962 ed era a trasmissione elettrica, con 48 registri, molti dei quali ottenuti per prolungamento e derivazione. La consolle, mobile indipendente, situata presso il corpo d'organo, aveva tre tastiere di 61 note ciascuna e pedaliera concavo-radiale di 32 note; il materiale fonico era integralmente racchiuso all'interno di una cassa lignea moderna geometrica, il cui profilo seguiva l'andamento delle canne di facciata.[8]

Lo strumento attuale dispone di 46 registri ed è ospitato dentro una nuova cassa asimmetrica; le consolle sono due: una è a finestra, con trasmissione meccanica servoassistita elettronicamente per i registri; l'altra (quella dell'organo precedente riadattata) è mobile indipendente, con trasmissione elettronica fino al corpo d'organo; entrambe hanno tre tastiere di 58 note ciascuna e pedaliera concavo-radiale di 30 note.[9]

Romanico Tranese

Sculturaromanicatrani.jpg

Voci principali (in ordine cronologico):

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pagina Cattedrale di Trani dal sito Meraviglia italiana, progetto del Forum nazionale dei giovani
  2. ^ a b c Stefania Mola, pagina Trani: la cattedrale, dal sito Mondi medievali dell'Associazione culturale Italia medievale
  3. ^ La storia di San Nicola. Dalle origini alla canonizzazione, dal sito Trani viva
  4. ^ Rolf Legler, Apulien. 7000 Jahre Geschichte und Kunst im Land der Kathedralen, Kastelle und Trulli , DuMont, Colonia 1989 (terza edizione), pag. 172 e segg.
  5. ^ Pagina Trani, la cattedrale, dal sito dismesso Pugliainfo, ricuperata da Internet Archive
  6. ^ Traniweb, informazioni sulla cattedrale <link non più attivo>
  7. ^ Rachele Carrino, Il mosaico pavimentale medioevale della cattedrale di Trani, in: XLII Corso di Cultura sull'arte ravennate e bizantina. Ravenna: 1995 (CARB 42), Ravenna, 1996, pp. 175-214.
  8. ^ L'organo F.lli Ruffatti della cattedrale di Trani (Ba) su organoacanne.altervista.org. URL consultato il 30 maggio 2015.
  9. ^ Nuovo organo della Cattedrale di Trani, ecco come sarà. I dettagli costruttivi e il prospetto della nuova cassa armonica su traniviva.it, 31 ottobre 2015. URL consultato il 30 maggio 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4416447-6