Architettura neomicenea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'architettura neomicenea è un raro esempio di revivalismo architettonico sviluppatosi durante il XX secolo come ripresa dell'architettura della Grecia antica.[1]

La Banca Nazionale della Grecia a Nauplia, costruita nei luoghi che furono il cuore della civiltà micenea negli anni trenta dall'architetto Zouboulidis,[1] è un chiaro esempio del revival neomiceneo.[2] La porta d'ingresso della banca riprende la forma della Porta dei Leoni e della Tomba di Clitemnestra a Micene. Allo stesso modo le colonne utilizzate sono dipinte con il tipico colore rosso dei palazzi reali micenei.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Torre di Nauplia, Piazza Syntagma, nafplio-tour.gr. URL consultato il 19 aprile 2016.
  2. ^ Phyllis Rose, Greece At Its Most Greek, in New York Times, 10 settembre 2000. URL consultato il 19 aprile 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]