Basilica di Santa Maria in Campidoglio (Colonia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Basilica di Santa Maria in Campidoglio
Bazilika Sankt Maria im Kapitol
St. Maria in Kapitol.jpg
Veduta esterna della zona absidale
Stato Germania Germania
Land Renania Settentrionale-Vestfalia Renania Settentrionale-Vestfalia
Località DEU Koeln COA.svg Colonia
Religione Cristiana cattolica di rito romano
Titolare Maria
Diocesi Arcidiocesi di Colonia
Consacrazione 1049
Stile architettonico romanico, neoromanico
Inizio costruzione 1040
Completamento 1065

Coordinate: 50°56′04.7″N 6°57′31″E / 50.934639°N 6.958611°E50.934639; 6.958611

La basilica di Santa Maria in Campidoglio (in tedesco: Bazilika Sankt Maria im Kapitol) è una delle più interessanti tra le dodici chiese romaniche di Colonia, in Germania.

Per secoli fu la chiesa più importante della città dopo il duomo e nel 1965 è stata insignita del titolo di basilica minore[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La pianta della chiesa, a croce latina trilobata.

La chiesa venne eretta nel 690 sulle fondazioni del Tempio della Triade Capitolina (da cui il nome attuale), e nel 717 Plectrude vi fondò un monastero femminile[2], passato nell'XI secolo all'Ordine Nobili Dame di Santa Maria in Campidoglio.

Nel 1040 la chiesa venne ricostruita su iniziativa dell'arcivescovo di Colonia Herimann II e di sua sorella, la badessa Ida. Fu uno dei cantieri più importanti dell'epoca ottoniana e venne consacrata nel 1049 da Bruno von Worms, neoeletto Papa Leone IX. Tuttavia la sua costruzione continuò fino al 1065, cui prese parte anche l'Imperatore Enrico III il Nero. Anticamente la chiesa presentava anche un westwerk con due torri scalari, ma in seguito alla distruzione nel XVIII secolo non venne mai ricostruito.

Venne parzialmente distrutta durante la seconda guerra mondiale e ricostruita in seguito secondo l'aspetto dell'XI secolo. I lavori di restauro continuarono fino al 1979.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Veduta della struttura interna.
Il Coro.

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

L'interno, preceduto da nartece, si presenta a pianta a croce latina trilobata, diviso a tre navate da regolari arcate su pilastri dai capitelli cubici. Il presbiterio e il transetto sono chiusi, inconsuetamente per l'epoca, da tre maestose absidi gemelle a due ordini di arcate su colonne e cinte da un deambulatorio. Quest'ultimo è impostato come prosecuzione delle navate laterali, già coperte da volte a crociera, anticipando le caratteristiche dello stile romanico.

La razionalità della pianta garantisce equilibrio e grandiosità.

Opere d'arte[modifica | modifica wikitesto]

All'interno si conservano importanti opere d'arte:

  • Porte lignee del Transetto sinistro. A due battenti, presentano 26 scene della Vita di Cristo. Risalgono al 1060 circa e sono fra le porte più antiche della cristianità.
  • Limburger Madonna Madonna di Limburgo, della fine del XIII e inizio del XIV secolo.
  • Crux miraculosa, croce smaltata del 1304.
  • Sarcofago di Plectrude, fondatrice del monastero, con rilievi romanici del XII secolo e statua giacente del '300.
  • Tribuna d'Organo, antico tramezzo rinascimentale eseguito in alabastro e marmo nero nel 1523 da Jan Van Roome da Mechelen
  • morte della Vergine, tavola del 1521 della Scuola di Hans Baldung Grien.

Organo a canne[modifica | modifica wikitesto]

L'organo con la tribuna rinascimentale.

Sullo jubé, che divide la navata centrale dall'area absidale, si trova l'organo a canne, costruito nel 1991 dalla ditta organaria Johannes Klais Orgelbau. Lo strumento ha tre tastiere di 54 note ciascuna ed una pedaliera di 30 e la seguente disposizione fonica:

Prima tastiera - Hauptwerk
Bordun 16'
Principal 8'
Flöte 8'
Octave 4'
Blockflöte 4'
Quinte 2.2/3'
Superoctave 2'
Mixtur IV 1.1/3'
Cornet V 8'
Trompete 8'
Seconda tastiera - Positiv
Traversflöte 8'
Gedackt 8'
Praestant 4'
Rohrflöte 4'
Nasard 2.2/3'
Principal 2'
Terz 1.3/5'
Cymbel IV 1'
Cromorne 8'
Tremulant
Terza tastiera - Schwellwerk
Bourdon 8'
Gamba 8'
Vox Coelestis 8'
Principal 4'
Traversflöte 4'
Flageolett 2'
Larigot 1.1/3'
Dulcian 16'
Hautbois 8'
Tremulant
Pedal
Violon 16'
Subbaß 16'
Octave 8'
Spillflöte 8'
Tenoroctave 4'
Posaune 16'
Trompete 8'

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note e referenze[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Sito GCatholic.org
  2. ^ "Germania", Guida TCI, 1997, pag.176.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN137339103 · LCCN: (ENn91011661 · GND: (DE4237104-1 · ULAN: (EN500304385 · BAV: ADV12520561