Architettura preistorica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Storia dell'architettura
occidentale

SaintPierre1.JPG
Architettura preistorica
Architettura minoica
Architettura micenea
Architettura greca
Architettura romana
Architettura paleocristiana
Architettura bizantina
Architettura merovingia
Architettura carolingia
Architettura ottoniana
Architettura longobarda
Architettura preromanica
Architettura romanica
Architettura arabo-normanna
Architettura gotica
Architettura rinascimentale
Architettura manierista
Architettura barocca
Architettura del Settecento
Architettura dell'Ottocento
Architettura del Novecento
Architettura contemporanea
Categoria:Architettura
Storia dell'arte
modifica

I primi esempi di architettura in Europa in epoca preistorica sono fatti risalire all'età del Bronzo. I più significativi si trovano nelle isole britanniche, Bretagna, Alpi Centro-orientali, Sardegna (e, in minor misura, Corsica, Malta e Pantelleria), Lunigiana, Puglia, Sicilia[1] e altre regioni.[2] Si trattava in massima parte di architettura megalitica, cioè basato sull'uso di grandi blocchi di pietra e la realizzazione di imponenti opere.[2]

Architetture preistoriche[modifica | modifica wikitesto]

Le tipologie individuate comprendono i dolmen, i menhir, i cromlech, i nuraghi.

Dolmen[modifica | modifica wikitesto]

Esempio di dolmen
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Dolmen.
Lo pseudo dolmen di Avola (SR)

I dolmen[2] (che in lingua bretone significa tavole di pietra) erano costruzioni formate da due pietre verticali sormontate da una o più grosse lastre disposte orizzontalmente (sistema trilitico); in origine erano coperti da tumuli di terra o pietrisco e usati come sepolcri collettivi per gli elementi. Poteva svolgere la funzione di sepolcro collettivo o di luoghi di culto.

Menhir[modifica | modifica wikitesto]

Esempio di menhir
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Menhir.

I menhir[2] (che in lingua bretone significa pietra lunga) costituiti da un unico blocco di pietra posto verticalmente sul suolo. Spesso i menhir erano organizzati in lunghissimi allineamenti composti di migliaia di queste pietre; avevano funzione di segnacolo tombale.

I menhir, nella loro forma più evoluta, potevano assumere un vago aspetto umano; in alcuni casi, l'uomo era rappresentato da un'arma e la donna da piccoli seni.[senza fonte]

Cromlech[modifica | modifica wikitesto]

Vista di Stonehenge
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Cromlech e Stonehenge.

I cromlech[2] (che in lingua bretone significa circoli di pietra) erano costruzioni circolari formate da pietre poste verticalmente sul terreno coperte da grandi lastre di pietra. Queste costruzioni sarebbero stati adibiti al culto del Sole. Il maggiore cromlech al mondo è il complesso di Stonehenge, vicino a Salisbury.

Nuraghi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Nuraghi.

I nuraghi[2] sono un particolare tipo di costruzione megalitica in Sardegna, che ha riscontri in costruzioni simili anche in altre isole mediterranee. Erano case-fortezza ed emblema della struttura sociale delle popolazioni di pastori sarde. Si contano 7000 di queste costruzioni e le datazioni vanno dal XV all'VIII secolo a.C.

Esempi di manufatti preistorici in Europa[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Salvatore Piccolo, Antiche Pietre: La Cultura dei Dolmen nella Preistoria della Sicilia sud-orientale, Morrone, 2007.
  2. ^ a b c d e f Piero Adorno, Adriana Mastrangelo, Dal mesolitico alla fine dell'età del bronzo - Le costruzioni megalitiche, in Segni d'arte, Casa editrice G. D'Anna, 2007, pp. 7-8, ISBN 88-8104-843-4.