Primož Roglič

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Primož Roglič
Primož Roglič nel 2019
Nazionalità Bandiera della Slovenia Slovenia
Altezza 177[1] cm
Peso 65[1] kg
Ciclismo
Specialità Strada
Squadra Bora
Carriera
Squadre di club
2013-2015Adria Mobil
2016-2018Lotto NL-Jumbo
2019-2023Jumbo-Visma
2024-Bora
Nazionale
2016-Bandiera della Slovenia Slovenia
Palmarès
 Giochi olimpici
Oro Tokyo 2020 Cronometro
 Mondiali
Argento Bergen 2017 Cronometro
Salto con gli sci
Squadra SSK Costella Ilirija
Termine carriera 2011
Palmarès
Competizione Ori Argenti Bronzi
Mondiali juniores 1 1 0

Per maggiori dettagli vedi qui

Statistiche aggiornate al 1º gennaio 2024

Primož Roglič (Trbovlje, 29 ottobre 1989) è un ciclista su strada ed ex saltatore con gli sci sloveno che corre per il team Bora-Hansgrohe. Professionista dal 2013, ha caratteristiche di scalatore-cronoman ed è veloce allo sprint. In carriera ha vinto un'edizione del Giro d'Italia (nel 2023), tre consecutive della Vuelta a España (nel 2019, 2020 e 2021), una della Liegi-Bastogne-Liegi (nel 2020), una medaglia d'oro a cronometro ai Giochi olimpici 2020 di Tokyo, oltre a quattro tappe al Giro d'Italia, tre al Tour de France e dodici alla Vuelta a España; è stato inoltre argento a cronometro ai campionati del mondo 2017 di Bergen, facendo sue anche svariate corse a tappe di una settimana.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

L'attività nel salto con gli sci e gli esordi nel ciclismo[modifica | modifica wikitesto]

In gioventù gareggia nel salto con gli sci, entrando nel settore giovanile nazionale a quattordici anni e ottenendo la prima vittoria nel 2006 a Planica. Nel gennaio 2007 a Tarvisio è campione del mondo juniores a squadre con il quartetto sloveno e a fine anno debutta nelle gare senior FIS; tuttavia, non riuscendo a ottenere risultati di rilievo, abbandona l'attività nel gennaio 2011 per dedicarsi al ciclismo.[2][3]

Nel 2013 viene messo sotto contratto dal team sloveno Adria Mobil e nella stagione prende parte a diverse prove del circuito Europe Tour, senza particolari risultati.[3] L'anno dopo coglie le prime vittorie, facendo sue una tappa al Tour d'Azerbaïdjan in maggio[4] e la Croatia-Slovenia in solitaria a fine agosto;[5] è terzo e miglior scalatore al Sibiu Cycling Tour (con tre podi parziali) e quarto ai campionati nazionali in linea.[3] A fine anno partecipa con la sua squadra alla cronometro a squadre dei campionati del mondo di Ponferrada.[3] Nel 2015, ancora in maglia Adria Mobil, ottiene numerose vittorie e piazzamenti nelle gare dell'Europe Tour. A inizio anno è secondo al Grand Prix Izola, quinto all'Istrian Spring Trophy, miglior scalatore alla Settimana Internazionale di Coppi e Bartali e secondo nella graduatoria finale del Tour of Croatia (battuto da Maciej Paterski).[3] In maggio vince una tappa[6] e la classifica finale del Tour d'Azerbaïdjan,[7] mentre in giugno fa sue una frazione[8] e la graduatoria finale del Giro di Slovenia,[9] precedendo l'esperto Mikel Nieve, e in luglio una tappa al Tour of Qinghai Lake in Cina.[10] Le belle prestazioni gli valgono la firma di un contratto biennale con il team World Tour olandese Lotto NL-Jumbo per il 2016.[2][3]

2016-2017: i primi risultati nel World Tour e l'argento mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Roglič in azione in una discesa della diciassettesima tappa del Tour de France 2017

Nel 2016, al primo anno nel World Tour, si piazza quinto alla Volta ao Algarve e secondo nella tappa finale della Volta Ciclista a Catalunya.[3] Al Giro d'Italia si mette in evidenza, prima mancando per un solo centesimo la maglia rosa nella prima tappa a cronometro (battuto da Tom Dumoulin) ad Apeldoorn[11] e poi vincendo la nona frazione, sempre a cronometro, a Greve in Chianti.[12] Fa suo il titolo nazionale a cronometro[13] ed è terzo nella cronometro del Giro di Polonia, mentre tra agosto e settembre, sempre nelle prove contro il tempo, si classifica decimo ai Giochi olimpici di Rio de Janeiro e settimo ai campionati europei di Plumelec.

Apre la stagione 2017 con la vittoria finale alla Volta ao Algarve,[14] ottenuta grazie al secondo posto sull'Alto da Fóia e al terzo posto nella cronometro di Sagres. Si mette in evidenza tra marzo e aprile, prima alla Tirreno-Adriatico, con il terzo posto nella tappa dei muri a Fermo e il quarto posto finale, e poi al Giro dei Paesi Baschi, in cui si aggiudica due vittorie di tappa, una in linea[15] e una a cronometro,[16] con il quinto posto finale. Vince la tappa finale, a cronometro, al Giro di Romandia,[17] concludendo la corsa al terzo posto della generale a 26" dal vincitore Richie Porte. Nel mese di giugno vince il prologo iniziale dello Ster ZLM Toer,[18] che conclude al secondo posto, 11" dietro José Gonçalves. A luglio corre il suo primo Tour de France: in quella Grande Boucle si piazza quarto nella tappa di Le Puy-en-Velay, si aggiudica in solitaria la frazione alpina di Serre Chevalier al termine di una lunga fuga[19] e conclude secondo nella classifica scalatori della corsa. A settembre è medaglia d'argento nella prova a cronometro ai campionati del mondo di Bergen, concludendo la prova contro il tempo al secondo posto alle spalle di Dumoulin con un ritardo di 57", ma davanti ad altri specialisti come Chris Froome, Rohan Dennis e Tony Martin.

2018: il quarto posto al Tour de France[modifica | modifica wikitesto]

Roglič precede Romain Bardet sull'Aubisque in un momento della diciannovesima frazione del Tour de France 2018

Debutta nel 2018 alla Volta a la Comunitat Valenciana, chiudendo sesto a 42" dal vincitore Alejandro Valverde. Il primo successo per Roglič arriva alla Tirreno-Adriatico, con la vittoria della terza tappa grazie ad un bello scatto sul muro conclusivo di Trevi.[20] Ad aprile partecipa al Giro dei Paesi Baschi, vincendo sia la quarta tappa[21] che la classifica generale,[22] precedendo Mikel Landa e Ion Izagirre rispettivamente di 1'09" e 1'42". Nello stesso mese conquista anche il Giro di Romandia dopo un'accesa battaglia con Egan Bernal, che chiude a soli 8" dallo sloveno.[23] Decide quindi di correre a giugno il Giro di Slovenia in preparazione al Tour de France: vince la quarta[24] e la quinta tappa (a cronometro),[25] nonché la classifica generale con 1'50" di vantaggio su Rigoberto Urán e 2'14" su Matej Mohorič.[25] Disputa il seguente Tour de France puntando alla classifica, concludendo costantemente con i migliori nelle tappe di montagna. Si impone al termine della diciannovesima frazione: rimasto con i migliori sull'Aubisque, ultima salita di giornata, stacca i big in discesa trionfando a Laruns con 19" sul poi vincitore finale Geraint Thomas.[26] Momentaneamente terzo grazie alla vittoria, perde il podio il giorno seguente nella cronometro di Espelette, superato da Froome,[27] concludendo la corsa al quarto posto. Nel finale di stagione è terzo al Tour of Britain, dopo aver vinto la cronometro a squadre della quinta frazione[28] e vestito per un giorno la maglia di leader, e settimo al Giro dell'Emilia.

2019: il podio al Giro d'Italia e il trionfo alla Vuelta a España[modifica | modifica wikitesto]

Roglič in maglia rossa sul gradino più alto del podio della Vuelta a España 2019 con Valverde (2º) e Pogačar (3º)

Il 2019 inizia con la vittoria della cronometro a squadre inaugurale dell'UAE Tour;[29] si ripete nell'arrivo in salita della sesta tappa a Jebel Jais con uno sprint a ranghi ristretti,[30] aggiudicandosi poi la classifica generale con 31" sullo spagnolo Valverde.[31] In seguito partecipa alla Tirreno-Adriatico, rimanendo alle spalle di Adam Yates in classifica per le prime sei tappe: nella cronometro individuale finale di San Benedetto del Tronto, tuttavia, Roglič recupera i 25" di ritardo dal rivale, sopravanzandolo nella generale per un solo secondo.[32] A fine aprile corre il Giro di Romandia, in preparazione al Giro d'Italia: lo sloveno domina la breve corsa a tappe elvetica vincendo la prima,[33] la quarta[34] e la quinta tappa,[35] conquistando per il secondo anno consecutivo la classifica finale con 49" su Rui Costa e 1'12" su Thomas.[35] A maggio è ai nastri di partenza del Giro: si veste di rosa alla prima tappa, vincendo nettamente la breve cronometro iniziale con arrivo al San Luca di Bologna.[36] Perde le insegne del primato dopo cinque frazioni in favore di Valerio Conti,[37] poi vince anche la seconda cronometro, quella della nona tappa con arrivo a San Marino.[38] Complice dapprima un marcamento diretto con il rivale Vincenzo Nibali che gli fa perdere il vantaggio accumulato sul resto dei favoriti,[39] anche per una serie di situazioni sfavorevoli,[40][41] cui si aggiunge un netto calo di forma nell'ultima settimana di corsa,[42] Roglič scivola fino al quarto posto della generale;[43] sul podio finale dell'Arena di Verona è comunque terzo dietro Richard Carapaz e Nibali, recuperando nella terza e ultima prova contro il tempo il lieve distacco che lo separava da Landa.[44]

Dopo quasi un mese di assenza dalle corse, prende il via ai campionati nazionali sloveni, nella prova in linea, dove termina in quarta posizione. A fine agosto è alla partenza della Vuelta a España con ambizioni di vittoria: orbita sempre nelle posizioni di vertice, fin quando vince la cronometro di Pau della decima frazione e si veste di rosso,[45] colore che porterà fino a Madrid, precedendo Valverde e il connazionale Tadej Pogačar,[46] facendo inoltre sua la classifica a punti della corsa. Il finale di stagione è incentrato sul Giro di Lombardia, che concluderà in settima posizione: in preparazione all'evento, vince Giro dell'Emilia[47] e Tre Valli Varesine.[48]

2020: il Tour sfiorato, la Liegi e il bis alla Vuelta[modifica | modifica wikitesto]

Roglič alla Liegi-Bastogne-Liegi 2020

Nel 2020 in un'annata segnata dallo stop delle competizioni causa pandemia globale,[49] ci riprova al Tour de France, posticipato a settembre. In preparazione si laurea per la prima volta in carriera campione nazionale in linea davanti a Pogačar,[50] proseguendo facendo suo il Tour de l'Ain,[51] vincendo anche la seconda[52] e la terza tappa[51] della breve corsa a tappe francese, e con una tappa al Giro del Delfinato.[53]

Al Tour, dopo aver vinto la quarta tappa[54] e aver indossato la maglia gialla per parecchi giorni, deve cederla nell'ultima cronoscalata della Planche des Belles Filles al connazionale Pogačar,[55] che lo precederà poi a Parigi.[56] Partecipa poi alla prova in linea dei Mondiali di Imola vinti dal francese Julian Alaphilippe, terminando con il gruppetto degli inseguitori in sesta posizione. Si rifà alla Liegi-Bastogne-Liegi, beffando con un colpo di reni sul traguardo lo stesso Alaphilippe, poi declassato per volata irregolare.[57] Partecipa alla Vuelta a España come campione in carica: vince la prima,[58] l'ottava,[59] la decima[60] e la tredicesima tappa[61] e veste la maglia di leader per 13 giorni totali, portandola fino al traguardo finale di Madrid, davanti all'ecuadoriano Carapaz e al britannico Hugh Carthy.[62] Oltre alla generale, fa sua per la seconda volta consecutiva anche la classifica a punti.

2021: la caduta al Tour, il titolo olimpico a cronometro e la terza Vuelta[modifica | modifica wikitesto]

Così come l'anno precedente, l'obiettivo stagionale è il Tour de France. Il lungo percorso di avvicinamento alla Grande Boucle parte proprio in Francia, sulle strade della Parigi-Nizza: nella corsa di una settimana di inizio marzo riesce ad imporsi nella quarta,[63] nella sesta[64] e nella settima tappa,[65] non riuscendo tuttavia ad aggiudicarsi la generale, in quanto, nell'ultima frazione in cui è leader della classifica, rimane coinvolto in due cadute, perdendo oltre tre minuti e terminando la corsa in quindicesima piazza.[66] Successivamente è al via del Giro dei Paesi Baschi, dove si aggiudica la cronometro inaugurale[67] e la classifica generale.[68] Nello stesso mese di aprile prende parte alla Freccia Vallone, che chiude secondo, alle spalle di Alaphilippe, mentre è tredicesimo alla Liegi-Bastogne-Liegi.

Roglič a Tarancón, sede di partenza della quinta tappa della Vuelta a España 2021

In giugno è al via del Tour come grande favorito: brillante nelle prime due tappe, dove ottiene in entrambe le occasioni il terzo posto, durante la terza frazione rimane vittima di una caduta e lascia sul traguardo di Pontivy 1'21" di ritardo.[69] Evidentemente debilitato, pur ottenendo un settimo posto nella cronometro della quinta giornata di gara, durante l'ottava tappa va alla deriva, giungendo terzultimo sul traguardo di Le Grand-Bornand, pagando oltre 35' di ritardo dal vincitore Dylan Teuns: il giorno successivo decide di non prendere il via alla corsa, per preparare la seconda parte della stagione.[70] Selezionato dalla nazionale slovena, partecipa ad entrambe le prove olimpiche di Tokyo: nella prova in linea è a disposizione del connazionale Pogačar e chiude ventottesimo, mentre nella prova a cronometro riesce a riscattarsi, vincendo nettamente e laureandosi campione olimpico.[71] In agosto è al via della Vuelta a España, da campione in carica e nuovamente come favorito per la vittoria finale: vince subito la cronometro inaugurale di Burgos, prendendosi subito la maglia rossa di capoclassifica.[72] Gestisce la corsa, lasciando la leadership per due tappe all'estone Rein Taaramäe e una al francese Kenny Elissonde; ritorna in possesso della roja per quattro frazioni, prima di ricederla per sette tappe al norvegese Odd Christian Eiking: in questo lasso di tempo conquista la sua seconda affermazione parziale sul traguardo di Valdepeñas de Jaén.[73] Durante la diciassettesima tappa torna in possesso della maglia di leader, vincendo sull'arrivo in salita di Lagos de Covadonga,[74] ipotecando di fatto la generale. Nella diciottesima e ventesima tappa, rispettivamente sui traguardi di Altu d'El Gamoniteiru e Mos/Castro de Herville, ottiene due secondi posti, guadagnando ulteriormente terreno, mentre nella cronometro conclusiva di Santiago de Compostela ottiene il poker di tappe, facendo sua per la terza volta consecutiva la generale della Vuelta.[75] È infine al via delle classiche italiane di inizio ottobre, vincendo il suo secondo Giro dell'Emilia[76] e la Milano-Torino,[77] per poi concludere al quarto posto il Giro di Lombardia.

2022: i ritiri al Tour e alla Vuelta[modifica | modifica wikitesto]

Roglič impegnato nella cronometro Elche-Alicante della decima tappa della Vuelta a España 2022

Con il Tour de France nuovamente nel mirino, comincia il 2022 alla Parigi-Nizza: dopo due secondi posti nella prima e nella quarta frazione, vince sul Col de Turini la settima tappa,[78] conquistando il giorno successivo la classifica generale, quando riesce, grazie al fondamentale apporto del compagno di squadra Wout Van Aert, a limitare i danni dal tentativo di rimonta del britannico Simon Yates, che precede di 29".[79] In aprile è al via del Giro dei Paesi Baschi durante i quali vince la cronometro d'apertura[80] e tiene le insegne di capoclassifica fino al termine della quarta tappa, prima di scivolare fino all'ottavo posto finale. In vista Tour, a giugno partecipa al Giro del Delfinato: balza in testa alla classifica con il secondo posto nell'arrivo in salita della settima tappa, piazzamento che ripete anche il giorno successivo nell'ultima frazione, giungendo in parata assieme al più giovane compagno di squadra Jonas Vingegaard a Plateau de Solaison, aggiudicandosi in tal modo per la prima volta in carriera la generale della corsa.[81] È poi la volta della Grande Boucle, che ancora una volta non parte nel migliore dei modi: è infatti vittima di una caduta durante la quinta frazione, caratterizzata da numerosi tratti di pavé, rimediando la lussazione di una spalla e perdendo terreno dai rivali sul traguardo di Arenberg Porte du Hainaut.[82] Conclude al terzo posto la settima tappa sull'arrivo de La Super Planche des Belles Filles, risultando poi fondamentale nell'economia del successo finale del compagno Vingegaard nel corso dell'undicesima giornata di gara: nell'occasione attaccano a turno e a più riprese il momentaneo leader Pogačar su Télégraphe e Galibier, con il danese che staccherà poi definitivamente il portacolori della UAE sull'arrivo finale a Col du Granon Serre Chevalier, andandosi a prendere tappa e maglia gialla,[83] che porterà poi fin sugli Champs-Élysées. Ormai fuori classifica, si mette quindi a completa disposizione di Vingegaard nelle giornate seguenti, vedendosi tuttavia costretto al ritiro al termine della quattordicesima tappa, a causa dei postumi della caduta.[84]

Riuscito a recuperare in tempo per la Vuelta a España,[85] vince a Utrecht con la sua Jumbo la cronosquadre d'apertura,[86] mentre a livello individuale fa sua con uno sprint ristretto la quarta tappa di Laguardia, vestendo la maglia rossa.[87] Ceduto il primato subito il giorno seguente in favore del francese Rudy Molard, non dimostra lo stesso livello di forma delle edizioni precedenti,[88] assestandosi comunque in seconda posizione virtuale al termine della decima frazione, la cronometro Elche-Alicante, alle spalle del belga Remco Evenepoel,[89] poi vincitore finale. Distante 1'34" dalla vetta, al termine di un attacco nei chilometri conclusivi della sedicesima frazione con arrivo a Tomares, in cui riesce peraltro a recuperare 8" al più giovane belga,[90] è tuttavia vittima di una rovinosa caduta a pochi metri del traguardo a causa di un contatto col britannico Fred Wright nel corso della volata a cinque finale:[91] il giorno successivo, dopo il Tour, è costretto ad abbandonare anche la corsa spagnola, terminando di fatto la stagione.[92]

2023: la vittoria al Giro d'Italia e il podio alla Vuelta[modifica | modifica wikitesto]

Roglič in maglia rosa al Giro d'Italia 2023 riceve il Trofeo Senza Fine dal Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella

Con il nuovo obiettivo Giro d'Italia, Roglic apre la stagione a inizio marzo alla Tirreno-Adriatico: durante la Corsa dei Due Mari è assoluto protagonista, conquistando quarta,[93] quinta[94] e sesta tappa[95] e aggiudicandosi la classifica generale a quattro anni dal precedente successo.[96] A fine mese fa sua anche la Volta Ciclista a Catalunya[97] rendendosi artefice di un bel duello con Evenepoel, che precede nella classifica finale di soli 6": durante i sette giorni di gara vince la prima[98] e la quinta frazione,[99] cogliendo altri tre secondi posti parziali.

Per il successivo Giro d'Italia si prospetta un inizio difficile, con la Jumbo-Visma che si ritrova costretta a sostituire quattro degli otto ciclisti con brevissimo preavviso a causa di malanni[100][101] e infortuni:[102] ciononostante Roglič è tra i favoriti per la vittoria finale insieme a Evenepoel, Geraint Thomas e João Almeida.[103] Nella cronometro inaugurale, con arrivo a Ortona, accumula 43" di ritardo dal rivale belga,[104] aumentati a 47" dopo la seconda prova contro il tempo di Cesena della nona tappa,[105] al termine della quale quest'ultimo è tuttavia costretto al ritiro a causa di una positività al COVID-19, lasciando Roglič a soli 2" dalla nuova maglia rosa Thomas.[106] Il distacco rimane costante fino alla sedicesima frazione, quando Thomas risponde a un attacco di Almeida sul Monte Bondone, mentre Roglič accumula un ulteriore ritardo di 27", riuscendo a limitare i danni grazie al prezioso supporto del gregario Sepp Kuss.[107] Recuperati appena 3" al gallese nella "tappa regina" della diciannovesima giornata di gara, l'impegnativa Longarone-Tre Cime di Lavaredo,[108] arriva con un ritardo di 26" dal leader alla ventesima tappa, una cronoscalata al Monte Lussari decisiva ai fini della classifica generale: davanti a migliaia di sostenitori sloveni, Roglič domina la frazione nonostante un inconveniente meccanico avvenuto in uno dei punti più ripidi della salita, recuperando 40" a Thomas, secondo, e garantendosi così la vittoria finale con un vantaggio di 14".[109] Conserva quindi la leadership nella passerella conclusiva di Roma[110] e diventa il primo sloveno a conquistare la Corsa Rosa, nella sua quarta vittoria in un grande Giro.[111]

Roglič al termine della cronometro di Valladolid, meta della decima frazione della Vuelta a España 2023

In vista della Vuelta a España torna alle competizioni alla Vuelta a Burgos, dove oltre alla cronosquadre,[112] vince la terza[113] e la quinta tappa[114] della corsa, andando a conquistare anche la classifica generale.[115] Alla Vuelta condivide i gradi di leader della squadra con Vingegaard, sfidando il vincitore uscente Evenepoel.[116] Complice una foratura del danese nella cronosquadre d'apertura di Barcellona, lo sloveno perde subito secondi preziosi in favore del belga,[117] vantaggio che viene consolidato con una vittoria allo sprint sul gruppetto dei favoriti nel primo arrivo in salita di Arinsal.[118] Il duo Jumbo recupera tuttavia gran parte del terreno perso durante gli ultimi chilometri di ascesa verso l'Observatorio Astrofísico de Javalambre, meta della sesta frazione, nel giorno del successo in fuga del loro compagno di squadra Kuss, che gli guadagna circa tre minuti.[119] Due giorni più tardi Roglič vince a Xorret de Catí con una volata ristretta su Evenepoel, mentre Kuss balza al comando della classifica generale.[120] Un'inaspettata crisi nelle fasi iniziali della tredicesima tappa, una delle due "giornate chiave" con arrivo sul Col du Tourmalet, colpisce tuttavia il giovane alfiere della Quick-Step, che all'arrivo paga più di 27 minuti di ritardo, tagliandolo irrimediabilmente fuori per la lotta alla maglia rossa: Kuss, Roglič e Vingegaard, vincitore sull'iconica salita, occupano così nell'ordine i momentanei primi tre posti della generale, con l'americano che conserva ancora rispettivamente 1'37" e 1'44" sui due capitani,[121] in seguito all'egregia difesa nella cronometro di Valladolid di tre giorni prima.[122] Con un margine pari a poco più di un minuto con il quale Vingegaard distanzia nuovamente tutti i rivali a Bejes, prendendosi anche la sedicesima frazione, questi scavalca Roglič in classifica;[123] lo sloveno lo precede invece il giorno seguente sul durissimo e decisivo Alto de l'Angliru in un arrivo in coppia, con Kuss, terzo e staccato di 19", che difende comunque la leadership per 8".[124] Dopo aver dominato la corsa in lungo e in largo nell'arco delle tre settimane e aver controllato la situazione nelle restanti giornate di gara, la Jumbo piazza i suoi tre atleti di riferimento sul podio di Madrid, con Roglič a occupare il terzo gradino, a 1'08" dal sorprendente vincitore Kuss.[125] Conclude un'ottima e proficua annata con le gare autunnali del calendario italiano: dopo aver vinto per la terza volta sul San Luca il Giro dell'Emilia,[126] è quarto alla Tre Valli Varesine e terzo al Giro di Lombardia.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Strada[modifica | modifica wikitesto]

  • 2014 (Adria Mobil, due vittorie)
2ª tappa Tour d'Azerbaïdjan (Baku > İsmayıllı)
Croatia-Slovenia
  • 2015 (Adria Mobil, cinque vittorie)
2ª tappa Tour d'Azerbaïdjan (Baku > İsmayıllı)
Classifica generale Tour d'Azerbaïdjan
3ª tappa Giro di Slovenia (Dobrovnik > Trije Kralji)
Classifica generale Giro di Slovenia
5ª tappa Tour of Qinghai Lake (Xihaizhen > Gonghe)
  • 2016 (Team Lotto NL-Jumbo, due vittorie)
9ª tappa Giro d'Italia (Radda in Chianti > Greve in Chianti, cronometro)
Campionati sloveni, Prova a cronometro
  • 2017 (Team Lotto NL-Jumbo, sei vittorie)
Classifica generale Volta ao Algarve
4ª tappa Giro dei Paesi Baschi (San Sebastián > Bilbao)
6ª tappa Giro dei Paesi Baschi (Eibar > Eibar, cronometro)
5ª tappa Giro di Romandia (Losanna > Losanna, cronometro)
Prologo Ster ZLM Toer (Westkapelle > Westkapelle, cronometro)
17ª tappa Tour de France (La Mure > Serre Chevalier)
  • 2018 (Team Lotto NL-Jumbo, otto vittorie)
3ª tappa Tirreno-Adriatico (Follonica > Trevi)
4ª tappa Giro dei Paesi Baschi (Lodosa > Lodosa, cronometro)
Classifica generale Giro dei Paesi Baschi
Classifica generale Giro di Romandia
4ª tappa Giro di Slovenia (Lubiana > Kamnik)
5ª tappa Giro di Slovenia (Trebnje > Novo mesto, cronometro)
Classifica generale Giro di Slovenia
19ª tappa Tour de France (Lourdes > Laruns)
  • 2019 (Team Jumbo-Visma, tredici vittorie)
6ª tappa UAE Tour (Ajman > Jebel Jais)
Classifica generale UAE Tour
Classifica generale Tirreno-Adriatico
1ª tappa Giro di Romandia (Neuchâtel > La Chaux-de-Fonds)
4ª tappa Giro di Romandia (Lucens > Torgon)
5ª tappa Giro di Romandia (Ginevra > Ginevra, cronometro)
Classifica generale Giro di Romandia
1ª tappa Giro d'Italia (Bologna > San Luca, cronometro)
9ª tappa Giro d'Italia (Riccione > San Marino, cronometro)
10ª tappa Vuelta a España (Jurançon > Pau, cronometro)
Classifica generale Vuelta a España
Giro dell'Emilia
Tre Valli Varesine
  • 2020 (Jumbo-Visma, dodici vittorie)
Campionati sloveni, Prova in linea
2ª tappa Tour de l'Ain (Lagnieu > Lélex Monts-Jura)
3ª tappa Tour de l'Ain (Saint-Vulbas > Grand Colombier)
Classifica generale Tour de l'Ain
2ª tappa Giro del Delfinato (Vienne > Col de Porte)
4ª tappa Tour de France (Sisteron > Orcières-Merlette)
Liegi-Bastogne-Liegi
1ª tappa Vuelta a España (Irun > Eibar/Arrate)
8ª tappa Vuelta a España (Logroño > Alto de Moncalvillo)
10ª tappa Vuelta a España (Castro-Urdiales > Suances)
13ª tappa Vuelta a España (Muros > Mirador de Ézaro, cronometro)
Classifica generale Vuelta a España
  • 2021 (Jumbo-Visma, tredici vittorie)
4ª tappa Parigi-Nizza (Chalon-sur-Saône > Chiroubles)
6ª tappa Parigi-Nizza (Brignoles > Biot)
7ª tappa Parigi-Nizza (Le Broc > Valdeblore La Colmiane)
1ª tappa Giro dei Paesi Baschi (Bilbao > Bilbao, cronometro)
Classifica generale Giro dei Paesi Baschi
Giochi olimpici, Prova a cronometro
1ª tappa Vuelta a España (Burgos > Burgos, cronometro)
11ª tappa Vuelta a España (Antequera > Valdepeñas de Jaén)
17ª tappa Vuelta a España (Unquera > Lagos de Covadonga)
21ª tappa Vuelta a España (Padrón > Santiago de Compostela, cronometro)
Classifica generale Vuelta a España
Giro dell'Emilia
Milano-Torino
  • 2022 (Jumbo-Visma, cinque vittorie)
7ª tappa Parigi-Nizza (Nizza > Col de Turini)
Classifica generale Parigi-Nizza
1ª tappa Giro dei Paesi Baschi (Hondarribia > Hondarribia, cronometro)
Classifica generale Giro del Delfinato
4ª tappa Vuelta a España (Vitoria-Gasteiz > Laguardia)
  • 2023 (Jumbo-Visma, quindici vittorie)
4ª tappa Tirreno-Adriatico (Greccio > Tortoreto)
5ª tappa Tirreno-Adriatico (Morro d'Oro > Sarnano-Sassotetto)
6ª tappa Tirreno-Adriatico (Osimo Stazione > Osimo)
Classifica generale Tirreno-Adriatico
1ª tappa Volta Ciclista a Catalunya (Sant Feliu de Guíxols > Sant Feliu de Guíxols)
5ª tappa Volta Ciclista a Catalunya (Tortosa > Lo Port)
Classifica generale Volta Ciclista a Catalunya
20ª tappa Giro d'Italia (Tarvisio > Monte Lussari, cronometro)
Classifica generale Giro d'Italia
3ª tappa Vuelta a Burgos (Sargentes de la Lora > Villarcayo)
5ª tappa Vuelta a Burgos (Golmayo > Lagunas de Neila)
Classifica generale Vuelta a Burgos
8ª tappa Vuelta a España (Dénia > Xorret de Catí)
17ª tappa Vuelta a España (Ribadesella > Alto de l'Angliru)
Giro dell'Emilia

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

Classifica scalatori Sibiu Cycling Tour
Classifica scalatori Settimana Internazionale di Coppi e Bartali
  • 2017 (Team Lotto NL-Jumbo)
Profronde van Zevenbergen
  • 2018 (Team Lotto NL-Jumbo)
Classifica a punti Giro dei Paesi Baschi
5ª tappa Tour of Britain (Cockermouth > Whinlatter Pass, cronosquadre)
  • 2019 (Team Jumbo-Visma)
1ª tappa UAE Tour (Al Hudayriat Island > Al Hudayriat Island, cronosquadre)
Classifica a punti Giro di Romandia
Classifica a punti Vuelta a España
Classifica generale UCI Europe Tour
Classifica generale UCI World Ranking
Classifica a punti Tour de l'Ain
Classifica a punti Vuelta a España
Classifica generale UCI Europe Tour
Classifica generale UCI World Ranking
Classifica a punti Parigi-Nizza
Classifica a punti Giro dei Paesi Baschi
Classifica scalatori Giro dei Paesi Baschi
Beking Monaco
1ª tappa Vuelta a España (Utrecht > Utrecht, cronosquadre)
Classifica a punti Tirreno-Adriatico
Classifica scalatori Tirreno-Adriatico
Classifica a punti Volta Ciclista a Catalunya
2ª tappa Vuelta a Burgos (Oña > Poza de la Sal, cronosquadre)
Classifica a punti Vuelta a Burgos

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

2016: 58º
2019: 3º
2023: vincitore
2017: 38º
2018: 4º
2020: 2º
2021: ritirato (9ª tappa)
2022: non partito (15ª tappa)
2019: vincitore
2020: vincitore
2021: vincitore
2022: non partito (17ª tappa)
2023: 3º

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

2017: 67º
2022: 17º
2020: vincitore
2021: 13º
2017: 40º
2018: 17º
2019: 7º
2021: 4º
2023: 3º

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

UCI World Ranking 2015: 116º
UCI World Tour 2016: 112º
UCI World Ranking 2016: 131º
UCI World Tour 2017: 27º
UCI World Ranking 2017: 21º
UCI World Tour 2018: 11º
UCI World Ranking 2018: 12º
UCI World Ranking 2019: vincitore
UCI World Ranking 2020: vincitore
UCI World Ranking 2021: 3º
UCI World Ranking 2022: 24º
UCI World Ranking 2023: 4º

Competizioni europee[modifica | modifica wikitesto]

Plumelec 2016 - Cronometro Elite: 7º

Palmarès - Salto con gli sci[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali juniores[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ordine d'oro al merito - nastrino per uniforme ordinaria
«Per i grandiosi successi sportivi ottenuti, promuovendo l'immagine della Slovenia nel mondo e ispirando i cittadini»
— Lubiana, 10 ottobre 2022[134]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Primož Roglič, su bora-hansgrohe.com.
  2. ^ a b (EN) Zeb Woodpower, Former ski jumper Primož Roglič on domestique duty at Tour Down Under, su cyclingnews.com, 20 gennaio 2016.
  3. ^ a b c d e f g Alberto Vigonesi, Primoz di nome e di fatto, su cicloweb.it, 15 maggio 2016.
  4. ^ Cronache azere: la nuova sfida di Roglic, il miracolato dal trampolino, su gianpaologrossi.wordpress.com, 10 maggio 2014.
  5. ^ (EN) Srečko Glivar, Primož Roglič wins international race Croatia-Slovenia [collegamento interrotto], su adria-mobil-cycling.com, 31 agosto 2014.
  6. ^ (EN) Emil Axelgaard, Roglic wins Azerbaijan queen stage, su cyclingquotes.com, 7 maggio 2015.
  7. ^ Azerbaijan. Tour a Roglic, ultima tappa a Firsanov, su tuttobiciweb.it, 10 maggio 2015.
  8. ^ (EN) Tour de Slovénie: Roglic wins on climb to Trije Kralji, su cyclingnews.com, 20 giugno 2015.
  9. ^ Ster Zlm Toer: trionfa Greipel. In Slovenia festa Roglic, su gazzetta.it, 21 giugno 2015.
  10. ^ (EN) Tour of Qinghai Lake: Roglic wins stage 5, su cyclingnews.com, 9 luglio 2015.
  11. ^ Mattia Bazzoni, Giro d'Italia, crono: Dumoulin prima maglia rosa. Cancellara 8º, bene Nibali, su gazzetta.it, 6 maggio 2016.
  12. ^ Giro d'Italia, 9ª tappa, crono a Roglic. Brambilla resta in rosa, Nibali recupera, su gazzetta.it, 15 maggio 2016.
  13. ^ (EN) Emil Axelgaard, Roglic wins Slovenian TT Championships, su cyclingquotes.com, 11 giugno 2016.
  14. ^ Bianchi, Algarve d'oro con Roglic, su tuttobiciweb.it, 20 febbraio 2017.
  15. ^ Marco Gaviglio, Giro dei Paesi Baschi, stoccata di Roglic a Bilbao. E Contador cade ancora, su quotidiano.net, 6 aprile 2017.
  16. ^ Gianluca Santo, Vuelta Paesi Baschi 2017: Alejandro Valverde conquista la generale, Roglic si impone nella crono di Eibar, su oasport.it, 8 aprile 2017.
  17. ^ Ciro Scognamiglio, Romandia: Roglic nella crono, a Porte la classifica, su gazzetta.it, 30 aprile 2017.
  18. ^ Ster ZLM Toer 2017, Roglic conquista il prologo, su cyclingpro.net, 14 giugno 2017.
  19. ^ Luca Stamerra, Contador ci prova, ma vince Roglic! Bardet fa fuori Aru: sardo giù dal podio, Froome sempre leader, su eurosport.it, 19 luglio 2017.
  20. ^ Luigi Panella, Ciclismo, Tirreno-Adriatico: Roglic doma il muro di Trevi. Thomas nuovo leader, su repubblica.it, 9 marzo 2018.
  21. ^ Claudio Ghisalberti, Paesi Baschi, crono: Roglic strapazza Alaphilippe, ora è leader con 34", su gazzetta.it, 5 aprile 2018.
  22. ^ Claudio Ghisalberti, L'Itzulia è di Roglic, a Mas l'ultima tappa, su gazzetta.it, 7 aprile 2018.
  23. ^ Ciro Scognamiglio, Romandia, è ancora festa per Roglic, su gazzetta.it, 29 aprile 2018.
  24. ^ Marco Ferri, Giro di Slovenia 2018, Roglič vince in solitaria e diventa il nuovo leader della corsa, su cyclingpro.net, 16 giugno 2018.
  25. ^ a b Carlo Malvestio, Giro di Slovenia 2018, Roglic domina anche la crono e si porta a casa la corsa!, su cyclingpro.net, 17 giugno 2018.
  26. ^ Ciro Scognamiglio, Tour, Roglic vince a Laruns. E toglie a Froome il terzo posto in classifica, su gazzetta.it, 27 luglio 2018.
  27. ^ Claudio Ghisalberti, Il Tour è di Thomas, un grande Froome ritrova il podio, su gazzetta.it, 28 luglio 2018.
  28. ^ (EN) Owen Rogers, LottoNL-Jumbo take Tour of Britain team time trial to put Roglič in race lead, su cyclingweekly.com, 6 settembre 2018.
  29. ^ Gianluca Bruno, UAE Tour 2019: Team Jumbo-Visma in trionfo nella cronosquadre, maglia a Roglic. Terza la Bahrain-Merida di Vincenzo Nibali, su oasport.it, 24 febbraio 2019.
  30. ^ Ciro Scognamiglio, Uae Tour, sesta tappa: vince Roglic su Dumoulin, Nibali a 30", su gazzetta.it, 1º marzo 2019.
  31. ^ Ciro Scognamiglio, Ciclismo, Uae Tour: 7ª tappa a Bennett, Viviani 5º, ma a vincere è Roglic, su gazzetta.it, 2 marzo 2019.
  32. ^ Claudio Ghisalberti, La Tirreno-Adriatico è dello sloveno Roglic, su gazzetta.it, 19 marzo 2019.
  33. ^ Ciclismo, Giro di Romandia: prima tappa e maglia leader a Roglic, su repubblica.it, 1º maggio 2019.
  34. ^ Ciro Scognamiglio, Giro di Romandia: il padrone è Primoz Roglic, su gazzetta.it, 4 maggio 2019.
  35. ^ a b Ciclismo, Giro di Romandia, trionfo bis per Roglic, Ganna 3º nella crono, su gazzetta.it, 5 maggio 2019.
  36. ^ Giro, 1ª tappa: Roglic prima rosa! Ottimo Nibali, male Dumoulin, su gazzetta.it, 12 maggio 2019.
  37. ^ Sesta tappa, trionfo italiano: Masnada batte Conti che si prende la rosa, su gazzetta.it, 16 maggio 2019.
  38. ^ Roglic domina la crono, ma Nibali c'è. Conti difende la maglia rosa, su gazzetta.it, 19 maggio 2019.
  39. ^ Stefano Villa, Vincenzo Nibali vs Primoz Roglic, è nata una nuova rivalità! Squalo al veleno contro il Saltatore: duello al Giro d'Italia, sfida da brividi, su oasport.it, 24 maggio 2019.
  40. ^ Gianluca Bruno, Giro d'Italia 2019, Primoz Roglic e la sfortuna: fora e poi cade. Lo sloveno si salva ma..., su oasport.it, 26 maggio 2019.
  41. ^ Stefano Villa, Giro d'Italia 2019, Primoz Roglic penalizzato di 10 secondi! Spinto da un tifoso in salita, su oasport.it, 1º giugno 2019.
  42. ^ Roberto Pozzi, Giro d'Italia 2019: Primoz Roglic, addio sogni di gloria? Sloveno da podio, ma che fatica in salita..., su oasport.it, 28 maggio 2019.
  43. ^ Giro d'Italia 2019, classifica dopo la tappa 20. Nibali stoico, Roglic cede, su quotidiano.net, 1º giugno 2019.
  44. ^ Luigi Panella, Ciclismo, Carapaz ha vinto il Giro d'Italia. Nibali secondo, terzo Roglic. Ultima crono ad Haga, su repubblica.it, 2 giugno 2019.
  45. ^ Roglic super a crono: si prende la maglia rossa. Crolla Quintana, male anche Lopez, su gazzetta.it, 3 settembre 2019.
  46. ^ Ciclismo, Vuelta: Madrid incorona Roglic. Fa festa anche Jacobsen, su repubblica.it, 15 settembre 2019.
  47. ^ Claudio Ghisalberti, Giro dell'Emilia, sul San Luca vola ancora Roglic, su gazzetta.it, 5 ottobre 2019.
  48. ^ Luca Gialanella, Vince ancora Roglic. Nibali trascinato nella strada sbagliata, su gazzetta.it, 8 ottobre 2019.
  49. ^ Giampaolo Almeida, UCI, stop alle corse fino a luglio (agosto per il World Tour), su cyclingpro.net, 15 aprile 2020.
  50. ^ Cosimo Cito, Ciclismo, Roglic apre col botto: suo il campionato sloveno, su repubblica.it, 21 giugno 2020.
  51. ^ a b Ciro Scognamiglio, Tour de l'Ain, Roglic si prende tutto: ultima tappa e successo finale, su gazzetta.it, 9 agosto 2020.
  52. ^ Gianluca Bruno, Tour de l'Ain 2020: tappa e maglia per Primoz Roglic, bene Valerio Conti e Fabio Aru, su oasport.it, 8 agosto 2020.
  53. ^ Ciro Scognamiglio, Delfinato: Roglic irresistibile. Staccato Bernal. Jumbo ottava vittoria in 13 giorni, su gazzetta.it, 13 agosto 2020.
  54. ^ Tour, colpo Roglic sull'arrivo di Orcieres-Merlette. Alaphilippe resta in giallo, su gazzetta.it, 1º settembre 2020.
  55. ^ Andrea Madera, Favoloso Pogacar! Schianta Roglic nella cronoscalata decisiva e si prende il Tour, su gazzetta.it, 19 settembre 2020.
  56. ^ Andrea Madera, Sam Bennett vince in volata sui Campi Elisi, Pogacar festeggia il trionfo, su gazzetta.it, 20 settembre 2020.
  57. ^ Jacopo Vergari, La Decana parla sloveno, la Liegi-Bastogne-Liegi è di Roglic. Alaphilippe, che errore!, su gazzetta.it, 4 ottobre 2020.
  58. ^ Filippo Maria Ricci, Roglic, subito tappa e maglia rossa. Froome sprofonda a 11', su gazzetta.it, 20 ottobre 2020.
  59. ^ Jacopo Vergari, Sull'Alto de Moncalvillo Roglic stacca tutti. Carapaz conserva la maglia rossa, su gazzetta.it, 28 ottobre 2020.
  60. ^ Filippo Maria Ricci, Vuelta, a Suances Roglic trionfa e si prende la maglia rossa, su gazzetta.it, 30 ottobre 2020.
  61. ^ Filippo Maria Ricci, Nella cronometro vince Roglic, la maglia rossa è di nuovo sua, su gazzetta.it, 3 novembre 2020.
  62. ^ Andrea Madera, Passerella per Roglic, ad Ackermann l'ultimo sprint al fotofinish, su gazzetta.it, 8 novembre 2020.
  63. ^ Roglic padrone a Chiroubles: tappa e leader della Parigi-Nizza, su gazzetta.it, 10 marzo 2021.
  64. ^ Parigi-Nizza: Roglic si prende anche la sesta tappa, su gazzetta.it, 12 marzo 2021.
  65. ^ Matteo Pierelli, Roglic, un campione senza pietà: terzo trionfo alla Parigi-Nizza, su gazzetta.it, 13 marzo 2021.
  66. ^ Matteo Pierelli, Roglic l'invincibile perde la Parigi-Nizza al fotofinish come il Tour, su gazzetta.it, 14 marzo 2021.
  67. ^ Matteo Pierelli, Giro dei Paesi Baschi: a Roglic la prima tappa, Pogacar solo quinto, su gazzetta.it, 5 aprile 2021.
  68. ^ Matteo Pierelli, Giro dei Paesi Baschi: tappa a Gaudu, il trionfo è di Roglic, su gazzetta.it, 10 aprile 2021.
  69. ^ Matteo Pierelli, Tour de France, quante cadute! Tappa a Merlier, Roglic perde terreno, su gazzetta.it, 28 giugno 2021.
  70. ^ Tour de France 2021, Primoz Roglic si ritira: "Non ha senso continuare, ora è il momento di recuperare", su eurosport.it, 4 luglio 2021.
  71. ^ Ciro Scognamiglio, Roglic l'indistruttibile: più lo butti giù e più si tira su, su gazzetta.it, 28 luglio 2021.
  72. ^ Vuelta, Roglic subito in maglia rossa: il campione in carica ha ancora fame, su gazzetta.it, 14 agosto 2021.
  73. ^ Ciro Scognamiglio, Vuelta, la legge di Roglic: lo sloveno vince l'undicesima tappa, su gazzetta.it, 25 agosto 2021.
  74. ^ Matteo Pierelli, Vuelta, Roglic troppo forte: che impresa ai Laghi di Covadonga!, su gazzetta.it, 1º settembre 2021.
  75. ^ Matteo Pierelli, Roglic cannibale: vince la cronometro finale e conquista la terza Vuelta di fila, su gazzetta.it, 5 settembre 2021.
  76. ^ Ciro Scognamiglio, Giro dell'Emilia: vince Roglic. Roubaix donne, trionfo della Deignan, su gazzetta.it, 2 ottobre 2021.
  77. ^ Stefano Carnevale Schianca, Strepitoso Roglic, che finale con Yates: si aggiudica la Milano-Torino, su gazzetta.it, 6 ottobre 2021.
  78. ^ Parigi-Nizza: Roglic trionfa sul Col de Turini e ipoteca la corsa, su gazzetta.it, 12 marzo 2022.
  79. ^ Parigi-Nizza: Yates fa paura, Van Aert salva Roglic e si candida per la Sanremo, su gazzetta.it, 13 marzo 2022.
  80. ^ Paesi Baschi, che partenza: Roglic più veloce di Evenepoel nella crono, su gazzetta.it, 4 aprile 2022.
  81. ^ Davide Romani, Delfinato: prova di forza Jumbo, tappa a Vingegaard e corsa a Roglic, su gazzetta.it, 12 giugno 2022.
  82. ^ Roglic: "Mi sono rimesso da solo la spalla lussata. Ora cercherò di recuperare", su gazzetta.it, 6 luglio 2022.
  83. ^ Luca Gialanella, Tour de France, impresa Vingegaard nel giorno del Galibier: è maglia gialla! Crollo di Pogacar, su gazzetta.it, 13 luglio 2022.
  84. ^ Ciro Scognamiglio, Roglic si ritira: "Orgoglioso di quello che ho fatto per la squadra", su gazzetta.it, 17 luglio 2022.
  85. ^ Andrea Ziglio, Vuelta a Espana 2022: Primoz Roglic ci sarà. Lo sloveno va a caccia del poker, su oasport.it, 16 agosto 2022.
  86. ^ Ciro Scognamiglio, Vuelta, cronosquadre alla Jumbo. Gesink primo leader, su gazzetta.it, 20 agosto 2022.
  87. ^ Ciro Scognamiglio, Vuelta, quarta tappa a Roglic che passa al comando, su gazzetta.it, 23 agosto 2022.
  88. ^ Luca Stamerra, Vuelta di Spagna 2022. Stoccata di Evenepoel: Roglic e Yates perdono 1'22", crolla Carapaz! Nella nebbia vince Vine, su eurosport.it, 25 agosto 2022.
  89. ^ Gianluca Bruno, Vuelta a España 2022, Primoz Roglic: "Al momento Evenepoel è di un calibro differente", su oasport.it, 30 agosto 2022.
  90. ^ Luca Stamerra, Vuelta di Spagna 2022. Roglic stacca Evenepoel ma cade al traguardo! Vince Pedersen, su eurosport.it, 6 settembre 2022.
  91. ^ Riccardo Iacente, Vuelta a España 2022, cosa è successo a Primoz Roglic e perché ha guadagnato 8" nonostante la caduta!, su oasport.it, 6 settembre 2022.
  92. ^ Ciro Scognamiglio, Vuelta, Roglic si ritira: Evenepoel vede la conquista della corsa, su gazzetta.it, 7 settembre 2022.
  93. ^ Tirreno-Adriatico: colpo di Roglic a Tortoreto. Ganna si stacca, Kämna leader, su gazzetta.it, 9 marzo 2023.
  94. ^ Tirreno-Adriatico, Roglic fila nel vento e vince in salita a Sassotetto, su repubblica.it, 10 marzo 2023.
  95. ^ Luca Gialanella, Roglic, è un tris da campione: la Tirreno-Adriatico è sua. Vince anche a Osimo, ma che Van Aert..., su gazzetta.it, 11 marzo 2023.
  96. ^ Tirreno-Adriatico a Roglic. A San Benedetto chiusura col bis in volata di Philipsen, su gazzetta.it, 12 marzo 2023.
  97. ^ Ciro Scognamiglio, Volta Catalunya, vittoria finale di Roglic: a Barcellona l'ultima tappa la firma Evenepoel, su gazzetta.it, 26 marzo 2023.
  98. ^ Ciro Scognamiglio, Volta Catalunya, prima tappa a Roglic! In volata batte Evenepoel, su gazzetta.it, 20 marzo 2023.
  99. ^ Luca Gialanella, Catalogna, in salita è duello stellare tra Roglic ed Evenepoel: trionfa lo sloveno, su gazzetta.it, 24 marzo 2023.
  100. ^ Ciro Scognamiglio, Giro d’Italia, la Jumbo di Roglic decimata dal Covid: out Foss e Gesink, su gazzetta.it, 2 maggio 2023.
  101. ^ Ancora guai per la Jumbo-Visma: Covid per van Emden, convocato Oomen per il Giro, su tuttobiciweb.it, 4 maggio 2023.
  102. ^ Stefano Villa, Jan Tratnik salta il Giro d'Italia: incidente in allenamento, arriva Tom Gloag, su oasport.it, 5 maggio 2023.
  103. ^ Riccardo Iacente, Giro d'Italia 2023: il borsino dei favoriti. Tutti a caccia di Evenepoel e Roglic, su oasport.it, 5 maggio 2023.
  104. ^ Davide Romani, Giro d'Italia stellare: in rosa c'è subito Evenepoel, su gazzetta.it, 6 maggio 2023.
  105. ^ Davide Romani, Giro d'Italia, Evenepoel vola sul bagnato. La crono gli regala di nuovo la rosa, su gazzetta.it, 14 maggio 2023.
  106. ^ Evenepoel ha il Covid e lascia il Giro: "Ho il cuore spezzato". Thomas nuovo leader, su gazzetta.it, 14 maggio 2023.
  107. ^ Davide Romani, Sul Bondone vince Almeida davanti a Thomas, che torna in maglia rosa. Roglic in affanno, su gazzetta.it, 23 maggio 2023.
  108. ^ Claudio Ghisalberti, Tre Cime di Lavaredo, Roglic (col monocorona) prende 3" a Thomas. Almeida paga, su gazzetta.it, 26 maggio 2023.
  109. ^ Davide Romani, Giro d'Italia: capolavoro Roglic, vince la crono sul Lussari e si prende la Rosa, su gazzetta.it, 27 maggio 2023.
  110. ^ Davide Romani, Giro 2023: colpo Cavendish a Roma, trionfo rosa per Roglic, su gazzetta.it, 28 maggio 2023.
  111. ^ Daniele Gigli, La statistica, Roglic è il primo, la Slovenia è la diciassettesima, su tuttobiciweb.it, 27 maggio 2023.
  112. ^ Ciro Scognamiglio, Vuelta Burgos, la Jumbo-Visma domina la cronosquadre, su gazzetta.it, 16 agosto 2023.
  113. ^ Ciro Scognamiglio, Vuelta Burgos, colpo doppio per Roglic: tappa e maglia, su gazzetta.it, 17 agosto 2023.
  114. ^ Ciro Scognamiglio, Vuelta Burgos, Roglic chiude alla grande: tappa e classifica finale, su gazzetta.it, 19 agosto 2023.
  115. ^ Vuelta a Burgos 2023, Primoz Roglic: "Ero qui per migliorare e credo di esserci riuscito", su cyclingpro.net, 19 agosto 2023.
  116. ^ Cosimo Cito, Vuelta, Roglic-Vingegaard per la Jumbo che insegue la storia. Evenepoel in difesa. E c'è Ganna, su repubblica.it, 26 agosto 2023.
  117. ^ Daniele Fantini, Jonas Vingegaard fora e la Jumbo-Visma deve già inseguire Remco Evenepoel: cosa è successo, su eurosport.it, 26 agosto 2023.
  118. ^ Ciro Scognamiglio, Vuelta, in salita subito Evenepoel! Il belga si prende anche la maglia, ma cade all'arrivo, su gazzetta.it, 28 agosto 2023.
  119. ^ Ciro Scognamiglio, Vuelta: sul Pico del Buitre trionfa Sepp Kuss, Evenepoel si stacca, su gazzetta.it, 31 agosto 2023.
  120. ^ Ciro Scognamiglio, In salita c'è solo la Jumbo Visma: Roglic vince, Kuss nuovo leader, su gazzetta.it, 2 settembre 2023.
  121. ^ Luca Gialanella, Vingegaard, Kuss e Roglic: triplete sul Tourmalet e in classifica. Crolla Evenepoel, su gazzetta.it, 8 settembre 2023.
  122. ^ Vuelta, Ganna vince la crono di Valladolid su Evenepoel e Roglic. Kuss sempre leader, su repubblica.it, 5 settembre 2023.
  123. ^ Vuelta, Vingegaard vince in salita a Bejes e guadagna 1' su Kuss. Ora l'Angliru, su repubblica.it, 12 settembre 2023.
  124. ^ Ciro Scognamiglio, Vuelta, Roglic è il re dell'Angliru. In maglia rossa resiste Kuss, su gazzetta.it, 13 settembre 2023.
  125. ^ Ciro Scognamiglio, Madrid incorona Kuss. Ganna sfiora l'impresa nell'ultima tappa, storico tris della Jumbo-Visma, su gazzetta.it, 17 settembre 2023.
  126. ^ Ciro Scognamiglio, Giro dell'Emilia, Roglic imperiale sul San Luca. Battuto Pogacar, su gazzetta.it, 30 settembre 2023.
  127. ^ Luca Pellegrini, LottoNL-Jumbo, Roglic ciclista sloveno dell'anno, su cyclingpro.net, 10 novembre 2017.
  128. ^ Carlo Malvestio, Slovenia, Roglič eletto ciclista dell'anno, su cyclingpro.net, 7 novembre 2018.
  129. ^ Slovenia, Primož Roglič eletto ciclista dell'anno, su cyclingpro.net, 27 novembre 2019.
  130. ^ Federico Mariani, Slovenia indecisa tra Pogacar e Roglic: scelti come migliori a pari merito, su gazzetta.it, 16 dicembre 2020.
  131. ^ Michele Carpani, Slovenia, Primoz Roglic eletto sportivo dell'anno, su cyclingpro.net, 18 dicembre 2019.
  132. ^ Slovenia, stavolta la spunta Roglic: Primoz eletto Sportivo dell'Anno davanti a Tadej Pogacar, su cyclingpro.net, 17 dicembre 2020.
  133. ^ Luca Stamerra, Ciclismo, Primoz Roglic vince il Vélo d'Or 2020. Battuti Tadej Pogacar e Anna van der Breggen, su eurosport.it, 3 dicembre 2020.
  134. ^ Francesco Mitola, Jumbo-Visma, Primož Roglič premiato dal Presidente della Repubblica di Slovenia: "Il Paese lo ama, è umano e allo stesso tempo grandioso", su cyclingpro.net, 11 ottobre 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN4685157282930403640006 · GND (DE1217990518 · CONOR.SI (SL305020771 · WorldCat Identities (ENviaf-4685157282930403640006