Primož Roglič

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Primož Roglič
Tour de France 2017, roglic (36124022596).jpg
Primož Roglič al Tour de France 2017
Nazionalità Slovenia Slovenia
Altezza 177 cm
Peso 65 kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Squadra Lotto NL-Jumbo
Carriera
Squadre di club
2013-2015 Adria Mobil
2016- Lotto NL-Jumbo
Nazionale
2016- Slovenia Slovenia
Palmarès
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Argento Bergen 2017 Cronometro
Salto con gli sci Ski jumping pictogram.svg
Squadra SSK Costella Ilirija
Ritirato 2011
Palmarès
Mondiali juniores 1 1 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 29 luglio 2018

Primož Roglič (Trbovlje, 29 ottobre 1989) è un ciclista su strada ed ex saltatore con gli sci sloveno, che corre per il team Team Lotto NL-Jumbo. Professionista dal 2013, con caratteristiche di scalatore-cronoman, ha vinto una tappa al Giro d'Italia, due tappe al Tour de France, la Vuelta al País Vasco 2018 e il Tour de Romandie 2018.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

In gioventù gareggia nel salto con gli sci, entrando nel settore giovanile nazionale a quattordici anni e ottenendo la prima vittoria nel 2006 a Planica. Nel gennaio 2007 a Tarvisio è campione del mondo juniores a squadre con il quartetto sloveno, e a fine anno debutta nelle gare senior FIS; tuttavia, non riuscendo a ottenere risultati di rilievo, abbandona l'attività nel gennaio 2011 per dedicarsi al ciclismo.[1][2]

Nel 2013 viene messo sotto contratto dal team sloveno Adria Mobil, e in stagione prende parte a diverse prove del circuito Europe Tour, senza particolari risultati.[2] L'anno dopo coglie le prime vittorie, facendo sue una tappa al Tour d'Azerbaïdjan in maggio, e la Croatia-Slovenia in solitaria a fine agosto; è anche terzo e miglior scalatore al Sibiu Cycling Tour (con tre podi parziali), e quarto ai campionati nazionali in linea.[2] A fine anno partecipa anche, con la sua squadra, alla cronometro a squadre dei campionati del mondo di Ponferrada.[2] Nel 2015, ancora in maglia Adria Mobil, ottiene numerose vittorie e piazzamenti nelle gare dell'Europe Tour. A inizio anno è secondo al Grand Prix Izola, quinto all'Istrian Spring Trophy, miglior scalatore alla Settimana Internazionale di Coppi e Bartali e secondo nella graduatoria finale del Giro di Croazia (battuto da Maciej Paterski).[2] In maggio vince invece una tappa e la classifica finale del Tour d'Azerbaïdjan, mentre in giugno fa sue una frazione e la graduatoria finale del Giro di Slovenia, precedendo l'esperto Mikel Nieve, e in luglio una tappa al Tour of Qinghai Lake in Cina.[2] Le prestazioni gli valgono la firma di un contratto biennale con il team World Tour olandese Lotto NL-Jumbo per il 2016.[2][1]

Nel 2016, al primo anno nel World Tour, si piazza quinto alla Volta ao Algarve e secondo nella tappa finale della Volta Ciclista a Catalunya.[2] Al Giro d'Italia si mette quindi in evidenza, prima mancando per un solo centesimo la maglia rosa nella prima tappa a cronometro (battuto da Tom Dumoulin), ad Apeldoorn, e poi vincendo l'ottava frazione, sempre a cronometro, a Greve in Chianti.[2] Dopo il Giro vince anche il titolo nazionale a cronometro ed è anche terzo nella cronometro del Tour de Pologne, mentre tra agosto e settembre, sempre nelle prove contro il tempo, si classifica decimo ai Giochi olimpici di Rio de Janeiro e settimo ai campionati europei.

Apre la stagione 2017 con la vittoria finale alla Volta ao Algarve, ottenuta grazie al secondo posto sull'Alto da Fóia e al terzo posto nella cronometro di Sagres. È poi di nuovo in evidenza tra marzo e aprile, prima alla Tirreno-Adriatico, con il terzo posto nella tappa dei muri a Fermo e il quarto posto finale, e poi alla Vuelta al País Vasco, in cui si aggiudica due vittorie di tappa, una in linea e una a cronometro, e il quinto posto finale. Poi vince la tappa finale, a cronometro, al Tour de Romandie concludendolo al terzo posto della classifica a 26" da Richie Porte. A settembre è medaglia d'argento ai campionati del mondo di ciclismo su strada 2017 nella prova a cronometro, concludendo la prova contro il tempo al secondo posto alle spalle di Tom Dumoulin con un ritardo di 57 secondi dall'olandese e davanti a Chris Froome, facendo 24 secondi meglio del corridore britannico.

Debutta nel 2018 alla Volta a la Comunitat Valenciana, chiudendo sesto a 42" dal vincitore Alejandro Valverde. Il primo successo arriva alla Tirreno-Adriatico, con la vittoria della terza tappa da Follonica a Trevi grazie ad uno scatto sul muro conclusivo.[3] Ad aprile partecipa alla Vuelta al País Vasco, vincendo sia la quarta tappa che la classifica generale, precedendo Mikel Landa e Jon Izagirre rispettivamente di 1'09" e 1'42". Conquista anche il Tour de Romandie dopo un'accesa battaglia con Egan Bernal, che chiude a soli 8" dallo sloveno. Decide quindi di correre a giugno il Tour of Slovenia in preparazione al Tour de France: vince due tappe, di cui una a cronometro, e la classifica generale con 1'50" di vantaggio su Rigoberto Urán e 2'14" su Matej Mohorič. Disputa il Tour de France puntando alla classifica, arrivando sempre a poca distanza dai migliori nelle tappe di montagna. Si impone al termine della diciannovesima tappa: resta con i migliori sull'Aubisque, ultima montagna del giorno, e li stacca in discesa trionfando a Laruns con 19" su Geraint Thomas. La vittoria di permette di risalire momentaneamente al terzo posto della classifica.[4] Perde il podio il giorno seguente, nella cronometro, superato da Chris Froome e concludendo così la corsa al quarto posto.

Palmarès: ciclismo[modifica | modifica wikitesto]

  • 2014 (Adria Mobil, due vittorie)
2ª tappa Tour d'Azerbaïdjan (Baku > İsmayıllı)
Croatia-Slovenia
  • 2015 (Adria Mobil, cinque vittorie)
2ª tappa Tour d'Azerbaïdjan (Baku > İsmayıllı)
Classifica generale Tour d'Azerbaïdjan
3ª tappa Giro di Slovenia (Dobrovnik > Trije Kralji)
Classifica generale Giro di Slovenia
5ª tappa Tour of Qinghai Lake (Xihaizhen > Gonghe)
  • 2016 (Team Lotto NL-Jumbo, una vittoria)
9ª tappa Giro d'Italia (Radda in Chianti > Greve in Chianti, cronometro)
Campionati sloveni, Prova a cronometro
  • 2017 (Team Lotto NL-Jumbo, cinque vittorie)
Classifica generale Volta ao Algarve
4ª tappa Vuelta al País Vasco (San Sebastián > Bilbao)
6ª tappa Vuelta al País Vasco (Eibar > Eibar, cronometro)
5ª tappa Tour de Romandie (Losanna > Losanna, cronometro)
17ª tappa Tour de France (La Mure > Serre Chevalier)
  • 2018 (Team Lotto NL-Jumbo, otto vittorie)
3ª tappa Tirreno-Adriatico (Follonica > Trevi)
4ª tappa Vuelta al País Vasco (Lodosa > Lodosa, cronometro)
Classifica generale Vuelta al País Vasco
Classifica generale Tour de Romandie
4ª tappa Tour of Slovenia (Lubiana > Kamnik)
5ª tappa Tour of Slovenia (Trebnje > Novo mesto, cronometro)
Classifica generale Tour of Slovenia
19ª tappa Tour de France (Lourdes > Laruns)

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

Classifica scalatori Sibiu Cycling Tour
Classifica scalatori Settimana Internazionale di Coppi e Bartali
  • 2018 (Team Lotto NL-Jumbo)
Classifica a punti Vuelta al País Vasco

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

2017: 38º
2018: 4º

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Palmarès: salto con gli sci[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali juniores[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Former ski jumper Primož Roglič on domestique duty at Tour Down Under, su Cyclingnews.com, 20 gennaio 2016. URL consultato il 9 aprile 2017.
  2. ^ a b c d e f g h i Primoz di nome e di fatto, su Cicloweb.it, 15 maggio 2016. URL consultato il 9 aprile 2017.
  3. ^ Ciclismo, Tirreno-Adriatico: Roglic doma il muro di Trevi. Thomas nuovo leader, su repubblica.it. URL consultato il 3 agosto 2018.
  4. ^ Tour, Roglic vince la tappa e riapre la lotta per il podio, su gazzetta.it. URL consultato il 3 agosto 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]