Stefan Mutter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stefan Mutter
Nazionalità Svizzera Svizzera
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada, pista
Ritirato 1991
Carriera
Squadre di club
1979-1980 TI-Raleigh
1981 Cilo
1982 Puch
1983 Eorotex
1983-1984 Cilo
1985 Carrera Jeans
1986-1988 PDM
1989-1990 Concorde
1991 Schrade
Pegasus
Nazionale
1977-1981 Svizzera Svizzera
Palmarès
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Bronzo Nürburgring 1978 In linea Dil.
Bronzo Nürburgring 1978 Cronosquadre
 

Stefan Mutter (Basilea, 3 ottobre 1956) è un ex ciclista su strada e pistard svizzero.

Professionista dal 1979 al 1991, ottenne successi di tappa sia al Tour de France che al Giro d'Italia e vinse il titolo nazionale in linea nel 1981.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Si mise in luce già da dilettante, nel 1977, riuscendo a vincere alcune tappe in corse a tappe di categoria quali il Tour de l'Avenir, che terminò anche al quinto posto, e al Grand Prix Tell, in cui fu nono. Vinse il Campionato di Zurigo dilettanti, corsa in cui coglierà risultati anche da professionistà, ma che non riuscì mai ad aggiudicarsi nella categoria maggiore.

Nel 1978 Mutter ottenne due medaglie di bronzo ai campionati del mondo dilettanti e questi risultati gli permisero il passaggio fra i professionisti a fine stagione.

Iniziò la carriera professionistica nel 1979 partecipando alla Parigi-Nizza, che cocluse tredicesimo. Riuscì a far meglio nel corso della stessa stagione, arrivando ottavo al Giro del Delfinato e quarto al Tour de Romandie, mentre nelle corse in linea fu quarto al Gran Premio di Lugano e riuscì anche ad aggiudicarsi un criterium nella natia Svizzera.

Nel 1980 iniziò la stagione concludendo al secondo posto la Parigi-Nizza e continuò arrivando ottavo al Giro del Belgio e terzo al Campionato di Zurigo.

Il 1981 fu l'anno della conferma. Vinse ad inizio stagione il Giro del Mediterraneo e fu poi quarto alla Tirreno-Adriatico. successivamente, durante la "campagna del nord" in primavera, fu nono nel Giro delle Fiandre e all'Amstel Gold Race, e durante la settimana delle Ardenne quinto alla Freccia Vallone e secondo alla "decana", la Liegi-Bastogne-Liegi, battuto dal connazionale e compagno di squadra Josef Fuchs.

Altri piazzamenti arrivarono anche a stagione inoltrata, con un settimo posto ancora nel Campionato di Zurigo ed un nono nella Coppa Bernocchi. Fu di conseguenza convocato per i mondiali in cui colse un ottavo posto.

Nel 1982 confermò i risultati nelle classiche del nord, fu quarto alla Parigi-Roubaix e terzo alla Liegi-Bastogne-Liegi, e al Tour de France riuscì a conseguire un successo nella nona tappa. Fu anche settimo nella classifica generale del Tour de Suisse e ottavo al Giro del Piemonte.

Nel 1983 fu quinto nella Tre Valli Varesine e al Tour de Suisse, decimo a nel Campionato di Zurigo e ottavo alla Gand-Wevelgem. La stagione seguente si aggiudicò una tappa al Giro d'Italia, nelle classiche del nord fu settimo alla Gand-Wevelgem e lo stesso risultato raggiunse successivamente al Campionato di Zurigo, cui si aggiunsero un settimo posto alla Tirreno-Adriatico e un sesto alla Coppa Placci.

Pur non vincendo nel 1985 conseguì ancora diversi piazzamenti, soprattutto nelle corse italiane, e fu terzo alla Tirreno-Adriatico, secondo alla Milano-Torino, settimo al Trofeo Laigueglia e al Giro di Campania.

Nel 1986 si fece notare solo alla Vuelta a España con un paio di piazzamenti nelle tappe; furono anche i suoi ultimi risultati, prima del ritiro avvenuto nel 1991.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Campionato di Zurigo Dilettanti
Cronoprologo Tour de l'Avenir
5ª tappa Grand Prix Wihllam Tell
Giro del Mendrisiotto
Campionati svizzeri, Prova in linea
3ª tappa Tour Méditerranéen (Cronoscalata)
Classifica generale Tour Méditerranéen
9ª tappa, 2ª semitappa Tour de France
Visp-Graechen
3ª tappa 2ª semitappa Vuelta a les Tres Provincias
4ª tappa Giro d'Italia
3ª tappa Settimana Ciclistica Internazionale

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

4ª tappa Tour de France (Cronosquadre)
8ª tappa Tour de France (Cronosquadre)
Criterium di Leimentalrundfahrt
Classifica a punti Vuelta a España
Criterium di Leimentalrundfahrt
Zürich-Hongg (Criterium)
Criterium di Leimentalrundfahrt
Criterium di Oberhof

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

1979: 76º
1982: 21º
1985: ritirato
1987: ritirato
1981: 39º
1983: 42º
1984: ritirato
1985: 44°

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

1980: 28º
1981: 26º
1983: 58º
1985: 14º
1987: 47º
1981: 9º
1982: 19º
1985: 10º
1979: 33º
1982: 4º
1983: 23º
1984: 23º
1988: 41º
1980: 14º
1981: 2º
1982: 3º
1984: 30º
1986: 33º
1987: 63º

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

San Cristóbal 1977 - In linea Dilettanti: 7º
Nürburgring 1978 - In linea Dilettanti: 3°
Nürburgring 1978 - Dilettanti Cronosquadre: 3º
Valkenburg 1979 - In linea: 33º
Valkenburg 1980 - In linea: ritirato
Praga 1981 - In linea: 8º
Goodwood 1982 - In linea: 12º
Altenrhein 1983 - In linea: 10º
Barcellona 1984 - In linea: ritirato

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]