Campionati del mondo di ciclismo su strada 1983

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
LVI campionati del mondo di ciclismo su strada 1983
Competizione Campionati del mondo di ciclismo su strada
Sport Cycling (road) pictogram.svg Ciclismo su strada
Edizione 56ª
Organizzatore UCI
Date 3-4 settembre 1983
Luogo Svizzera Altenrhein
Statistiche
Miglior nazione Stati Uniti Stati Uniti (1/1/0)
Gare 4
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1982 1984 Right arrow.svg

I Campionati del mondo di ciclismo su strada 1983 si disputarono ad Altenrhein, in Svizzera, tra il 3 e il 4 settembre 1983.

Furono assegnati quattro titoli:

  • Prova in linea Donne, gara di 60 km
  • Prova in linea Uomini Dilettanti, gara di 179,9 km
  • Cronometro a squadre Uomini Dilettanti, gara di 100 km
  • Prova in linea Uomini Professionisti, gara di 269,9 km

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La corsa dei professionisti si decise solo all'ultimo giro: il primo attacco concreto arrivò dallo scalatore spagnolo Faustino Rupérez, presto raggiunto da due giovani, l'italiano Moreno Argentin, al terzo anno tra i pro, e lo statunitense Greg LeMond, già medaglia d'argento l'anno prima, nel 1982 a Goodwood.[1] Lo spagnolo ci riprovò con un nuovo allungo, Argentin tentò di resistere ma andò in crisi e dovette cedere – chiudera 42º;[2] LeMond riuscì invece a tenere la ruota, riattaccò e staccò in maniera decisiva Rupérez.[1] Lo statunitense arrivò così al traguardo in solitaria aggiudicandosi la corsa iridata, primo non europeo a riuscirvi. Il gruppetto dei primi inseguitori, giunto a 1'11', venne regolato da un altro giovane emergente, l'olandese Adrie van der Poel; medaglia di bronzo fu Stephen Roche, a seguire Rupérez, quarto, e Claude Criquielion, quinto.[1]

La gara in linea dei dilettanti, tenutasi il giorno 3 settembre, vide la vittoria del tedesco orientale Uwe Raab davanti allo svizzero Niki Rüttimann. Nella cronosquadre di 100 chilometri si impose il quartetto sovietico composto da Jurij Kaširin, Sergej Novolokin, Oleh Čužda e Oleksandr Zinov'jev: per Kaširin si trattò della quarta medaglia iridata nella cronometro, dopo l'oro olimpico del 1980 a Mosca, l'argento del 1981 e il bronzo del 1982. Tra le donne infine la vincitrice fu la svedese Marianne Berglund.

Medagliere[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Nazione Oro Argento Bronzo Riepilogo
1 Stati Uniti Stati Uniti 1 1 0 2
2 Germania Est Germania Est 1 0 0 1
Svezia Svezia 1 0 0 1
URSS URSS 1 0 0 1
5 Svizzera Svizzera 0 2 0 2
6 Paesi Bassi Paesi Bassi 0 1 0 1
7 Irlanda Irlanda 0 0 1 1
Italia Italia 0 0 1 1
Norvegia Norvegia 0 0 1 1
Polonia Polonia 0 0 1 1
Totale 4 4 4 12

Sommario degli eventi[modifica | modifica wikitesto]

Eventi Oro Oro Tempo Argento Argento Tempo Bronzo Bronzo Tempo
Uomini Professionisti
Gara in linea
dettagli
Greg LeMond
Stati Uniti Stati Uniti
7h01'21"
Media 38,432 km/h
Adrie van der Poel
Paesi Bassi Paesi Bassi
a 1'11' Stephen Roche
Irlanda Irlanda
s.t.
Uomini Dilettanti
Gara in linea
dettagli
Uwe Raab
Germania Est Germania Est
? Niki Rüttimann
Svizzera Svizzera
? Andrzej Serediuk
Polonia Polonia
?
Cronometro a squadre
dettagli
URSS URSS
Kaširin, Novolokin, Čužda, Zinov'jev
? Svizzera Svizzera
Heggli, Imboden, Haefliger, Wiss
? Norvegia Norvegia
Gjengaar, Hopen, Odegaard, Pedersen
?
Donne
Gara in linea
dettagli
Marianne Berglund
Svezia Svezia
? Rebecca Twigg
Stati Uniti Stati Uniti
? Maria Canins
Italia Italia
?

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Mario Spairani, 100 Anni di Ciclismo: speciale mondiali 1983 - 1994 in spaziociclismo.it, 2 ottobre 2010. URL consultato il 6 ottobre 2010.
  2. ^ CycleBase - World Championships 1983, www.cyclebase.nl. URL consultato il 6 ottobre 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

ciclismo Portale Ciclismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ciclismo