Scalatore (ciclismo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nel ciclismo, lo scalatore è il corridore specializzato nelle corse e nelle tappe in salita, in particolare quando le pendenze si fanno molto ripide. Spesso per riferirsi ad uno scalatore si usa il francesismo grimpeur.

Lo scalatore puro è generalmente un atleta di statura non eccessiva, leggero, e dalla muscolatura reattiva, capace di alzarsi sui pedali e scattare in salita per distanziare i passisti, i quali di solito affrontano le tappe di montagna ad un'andatura più regolare, spesso seduti sul sellino. I passisti-scalatori hanno caratteristiche intermedie tra le due.

Gli scalatori sono fra i protagonisti più amati dal pubblico nelle grandi corse a tappe - come il Giro d'Italia, il Tour de France e la Vuelta a España - per l'entusiasmo che i loro scatti e le loro fughe solitarie scatenano negli spettatori e nei tifosi. Tuttavia, non molti sono gli scalatori puri che sono riusciti ad imporsi nei grandi giri, soprattutto a causa della loro scarsa competitività nelle frazioni a cronometro.

Le grandi corse a tappe premiano gli scalatori con classifiche dedicate:

Tra i più celebri Scalatori che fanno e hanno fatto la storia del ciclismo sono: Gino Bartali, Fausto Coppi, Eddy Merckx, Felice Gimondi, Charly Gaul, Federico Bahamontes, Luis Ocaña, Marco Pantani, Alberto Contador, Vincenzo Nibali, Nairo Quintana e altri.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Ciclismo Portale Ciclismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ciclismo