Valerio Conti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Valerio Conti
Valerio Conti 2018.jpg
Valerio Conti alla Vuelta a España 2018
Nazionalità Italia Italia
Altezza 172 cm
Peso 61 kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Squadra UAE Emirates
Carriera
Squadre di club
2012-2013Mastromarco
2014-2016Lampre
2017- UAE Emirates
Statistiche aggiornate al 30 maggio 2019

Valerio Conti (Roma, 30 marzo 1993) è un ciclista su strada italiano che corre per il team UAE Emirates. Professionista dal 2014, ha vinto una tappa alla Vuelta a España 2016 e ha vestito la maglia rosa al Giro d'Italia 2019 per una settimana.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Passa professionista a inizio 2014 con il team Lampre-Merida, dopo alcuni mesi da stagista nella stessa squadra a fine 2013. Al primo anno da pro si classifica sesto nei campionati italiani a cronometro e in ottobre riesce anche a vincere il Gran Premio Bruno Beghelli al termine di una volata ristretta.

Nel 2016 partecipa alla Vuelta a España con l'obiettivo di entrare nelle fughe di giornata e vincere una tappa. Ci riesce in occasione della tredicesima frazione, con arrivo a Urdax-Dantxarinea. Dopo essere andato in fuga con altri undici corridori a inizio tappa, scatta da solo a 18 km dall'arrivo e si impone con 55" sui più immediati inseguitori.[1]

Nel 2017 partecipa al Giro d'Italia, con la speranza di ripetere quello fatto l'anno precedente in Spagna: centra la fuga buona all'ottava tappa (la Molfetta > Peschici), ma nell'ultimo kilometro della tappa rimane vittima di una caduta. Per il resto del 2017 e in tutto il 2018 coglie pochi piazzamenti.

Il 2019 comincia bene: si piazza secondo nella cronometro di Pocito alla Vuelta a San Juan; chiude la corsa in quarta posizione. In aprile prende parte al Presidential Cycling Tour of Turkey, dove ottiene un secondo posto nella generale, dietro al solo all'austriaco Felix Großschartner. In maggio è selezionato per il Giro d'Italia: in occasione della sesta tappa, al termine di una lunga fuga, conclusa al secondo posto sul traguardo di San Giovanni Rotondo, diviene leader della corsa, vestendosi di rosa.[2] Mantiene il simbolo del primato fino alla tappa di Pinerolo, quando cede la leadership al compagno di squadra Jan Polanc. È costretto al ritiro dopo la diciasettesima frazione, a causa di una ciste.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

1ª tappa 3Tre Bresciana
Trofeo Dorigo Porte
1ª tappa 3Tre Bresciana
3ª tappa 3Tre Bresciana
Classifica generale 3Tre Bresciana
1ª tappa Trofeo Karlsberg (Niederwürzbach > Ommersheim)
  • 2014 (Lampre-Merida, una vittoria)
Gran Premio Bruno Beghelli
  • 2015 (Lampre-Merida, una vittoria)
5ª tappa Tour of Japan
  • 2016 (Lampre-Merida, una vittoria)
13ª tappa Vuelta a España (Bilbao > Urdax-Dantxarinea)

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

2016: 27º
2017: 68º
2018: 24º
2019: non partito (18ª tappa)
2014: 112º
2015: 151º
2016: 66º
2018: 60º

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

2015: ritirato
2016: ritirato
2014: 71º
2015: 81º
2017: 35º

Competizioni europee[modifica | modifica wikitesto]

Plumelec 2016 - In linea Elite: ritirato

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]