Giro di Lombardia 2014

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Italia Giro di Lombardia 2014
Edizione 108ª
Data 5 ottobre
Partenza Como
Arrivo Bergamo
Percorso 260 km
Tempo 6h25'33"
Media 40,46 km/h
Valida per UCI World Tour 2014
Ordine d'arrivo
Primo Irlanda Daniel Martin
Secondo Spagna Alejandro Valverde
Terzo Portogallo Rui Costa
Cronologia
Edizione precedente
Giro di Lombardia 2013
Edizione successiva
Giro di Lombardia 2015

Il Giro di Lombardia 2014, centottesima edizione della "classica delle foglie morte" e valido come ventisettesima prova dell'UCI World Tour 2014, si è disputato domenica 5 ottobre 2014. La vittoria è stata conseguita dall'irlandese Daniel Martin. Ha concluso i 260 km del percorso in 6h25'33", alla velocità media di 40,46 km/h; il podio è stato completato dallo spagnolo Alejandro Valverde e dal portoghese Rui Costa.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Partenza da Como per affrontare una prima parte classica che culmina con la scalata del Ghisallo da Bellagio al km 58, con pendenze al 14%. Si prosegue attraverso l'Alta Brianza e il Meratese fino a entrare in Provincia di Bergamo a Calusco d’Adda. Dopo un primo passaggio su Bergamo la corsa effettua un ampio anello costellato di difficoltà altimetriche, quali il Colle dei Pasta (413 m), il Colle Gallo (763 m) e il Passo di Ganda (1060 m). Discesa veloce verso il fondovalle, dove la strada si impenna per superare lo strappo di Bracca (600 m) e la discesa tecnica che segue fino a Zogno e Brembilla dove è prevista la scalata classica di Berbenno (695 m) a 26 km dall'arrivo. Discesa veloce fino a Almenno San Salvatore e ingresso nell'abitato di Bergamo da Almè per affrontare il finale che, attraverso il passaggio in Città Alta, porta al traguardo del Sentierone.

Ultimi chilometri attraverso Bergamo Alta. Nella prima parte le pendenze sono sempre tra il 10% e il 12%. Ai 1800 m dall'arrivo svolta secca con breve strettoia per il superamento di Porta Sant'Agostino. Dopo l'ultimo chilometro svolta a sinistra e ai 250 m ultima curva verso destra che conduce all'arrivo.[1]

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

N. Cod. Squadra
1-8 KAT Russia Team Katusha
11-18 ALM Francia AG2R La Mondiale
21-28 AND Italia Androni Giocattoli-Venezuela
31-38 AST Kazakistan Astana Pro Team
41-48 BAR Italia Bardiani-CSF
51-58 BEL Paesi Bassi Belkin Pro Cycling Team
61-68 BMC Stati Uniti BMC Racing Team
71-78 CJR Spagna Caja Rural-Seguros RGA
81-88 CAN Italia Cannondale
91-98 COL Colombia Colombia
101-108 FDJ Francia FDJ.fr
111-118 GRS Stati Uniti Garmin-Sharp
121-128 IAM Svizzera IAM Cycling
N. Cod. Squadra
131-138 LAM Italia Lampre-Merida
141-148 LTB Belgio Lotto-Belisol
151-158 MOV Spagna Movistar Team
161-168 NRI Italia Neri Sottoli
171-178 OPQ Belgio Omega Pharma-Quickstep
181-188 OGE Australia Orica-GreenEDGE
191-198 EUC Francia Team Europcar
201-208 GIA Paesi Bassi Team Giant-Shimano
211-218 TNE Germania Team NetApp-Endura
221-228 SKY Gran Bretagna Team Sky
231-238 TCS Danimarca Tinkoff-Saxo
241-248 TFR Stati Uniti Trek Factory Racing

Ordine d'arrivo (Top 10)[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Irlanda Daniel Martin Garmin-Sharp 6h25'33"
2 Spagna Alejandro Valverde Movistar Team a 1"
3 Portogallo Rui Costa Lampre-Merida s.t.
4 Belgio Tim Wellens Lotto-Belisol s.t.
5 Spagna Samuel Sánchez BMC Racing s.t.
6 Svizzera Michael Albasini Orica-GreenE. s.t.
7 Belgio Philippe Gilbert BMC Racing s.t.
8 Spagna Joaquim Rodríguez Team Katusha s.t.
9 Italia Fabio Aru Astana s.t.
10 Italia Rinaldo Nocentini AG2R La M. a 14"

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Gazzetta dello Sport: Il Lombardia, su www.gazzetta.it. URL consultato il 23 giugno 2015.