Philippe Gilbert

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Philippe Gilbert
Philippe Gilbert, Vuelta al Pais Vasco 2013 (cropped).jpg
Philippe Gilbert alla Vuelta al País Vasco 2013
Nazionalità Belgio Belgio
Altezza 179[1] cm
Peso 69[1] kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Squadra Quick Step
Carriera
Squadre di club
2002 Française des Jeux Stagista
2003-2004 fdjeux.com
2005-2008 Française des Jeux
2009 Silence
2010-2011 Omega Pharma
2012-2016 BMC
2017- Quick Step
Nazionale
2003- Belgio Belgio
Palmarès
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Argento Limburgo 2012 Cronosq.
Oro Limburgo 2012 In linea
Statistiche aggiornate al gennaio 2017

Philippe Gilbert (Verviers, 5 luglio 1982) è un ciclista su strada belga che corre per il team Quick-Step Floors.

Professionista dal 2003,[1] ha doti da scattista ed è uno specialista delle classiche:[2] in carriera ha vinto un'edizione del Giro delle Fiandre (nel 2017), quattro dell'Amstel Gold Race (nel 2010, 2011, 2014 e 2017), una della Freccia Vallone (nel 2011), una della Liegi-Bastogne-Liegi (nel 2011), due del Giro di Lombardia (nel 2009 e 2010) e due della Parigi-Tours (nel 2008 e 2009), oltre a tre tappe al Giro d'Italia, una al Tour de France e cinque alla Vuelta a España. Si è inoltre laureato campione del mondo in linea a Limburgo 2012.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Gilbert con la divisa Française des Jeux nel 2006

Vallone, discendente da una famiglia di ciclisti, inizia a gareggiare appena adolescente ottenendo buoni risultati nei circuiti provinciali delle Ardenne. Notato giovanissimo da Dirk De Wolf,[senza fonte] direttore sportivo già attivo come ciclista tra gli anni 1980 e 1990, Gilbert lascia gli studi in agraria per dedicarsi esclusivamente alla bicicletta e alle corse.[3]

Passa professionista nel 2003 con la Française des Jeux (all'epoca fdjeux.com): la prima vittoria nella massima categoria giunge nel gennaio 2004, in una tappa del Tour Down Under in Australia.[4] Nel 2005 fa suoi il Trophée des Grimpeurs[5] e le tappe al Tour Méditerranéen[6] e alla Quatre Jours de Dunkerque,[7] mentre nel 2006, oltre ad una frazione al Critérium du Dauphiné Libéré,[3] conquista l'Omloop Het Volk, importante classica delle Fiandre Orientali,[8] e il Grand Prix de Fourmies nel dipartimento Nord francese.[9] Il suo 2007 è invece meno brillante: dopo essersi operato in gennaio per l'asportazione di un melanoma,[10] nel corso della stagione non va infatti oltre qualche piazzamento e una vittoria di tappa al Tour du Limousin.[11]

2008-2009: le due Parigi-Tours e il Giro di Lombardia[modifica | modifica wikitesto]

Gilbert sul palco premiazione al termine della Napoli-Anagni del Giro d'Italia 2009

Apre quindi il 2008 con quattro successi in due mesi (Trofeo Mallorca,[12] Trofeo Sóller,[13] Omloop Het Volk[14] e Le Samyn[15]) e con il terzo posto alla Milano-Sanremo.[16] In giugno, poi, dopo l'incontro con il team manager della Silence-Lotto Marc Sergeant e la firma di una dichiarazione d'intenti, viene ufficializzato il suo passaggio alla squadra belga a partire dalla stagione 2009.[17] In ottobre ottiene la sua prima vittoria di grande prestigio, aggiudicandosi l'ultracentenaria Parigi-Tours: nell'occasione prevale in volata sui tre battistrada che aveva ripreso tutto solo a 4 km dal traguardo.[18]

Alle "classiche di primavera" del 2009 si mette ottimamente in mostra (terzo al Giro delle Fiandre, quarto all'Amstel Gold Race e alla Liegi-Bastogne-Liegi) prima dell'importante successo in solitaria al Giro d'Italia, quando conquista la ventesima tappa da Napoli ad Anagni.[19] Un mese dopo primeggia nella penultima tappa dello Ster Elektrotoer, vincendo anche la classifica generale della corsa a tappe olandese.[20] In settembre partecipa alla prova in linea dei campionati del mondo di Mendrisio concludendola in sesta posizione.

Altre vittorie arrivano in ottobre alla Coppa Sabatini[21] e soprattutto alla Parigi-Tours: qui, bissando il successo dell'anno precedente, regola in volata sulla storica Avenue de Grammont il fiammingo compagno di fuga Tom Boonen, riscattando così il secondo posto al campionato belga ottenuto proprio alle spalle del fiammingo.[22] Nella settimana seguente fa sue anche Giro del Piemonte e Giro di Lombardia, riuscendo nell'impresa di vincere quattro corse su quattro in dieci giorni.[23] Poche ore dopo l'ultimo trionfo gli viene conferito il Trofeo Flandrien (assegnato dal quotidiano Het Nieuwsblad e dalla rete tv Één) come miglior ciclista belga dell'anno;[24] successivamente viene anche nominato miglior sportivo belga dell'anno.[25]

2010: l'Amstel Gold Race e il secondo Lombardia[modifica | modifica wikitesto]

Il 2010 di Gilbert si apre con due piazzamenti nelle classiche del pavé fiamminghe: terzo sia alla Gand-Wevelgem[26] che al Giro delle Fiandre. Ad aprile è protagonista sulle strade dell'Amstel Gold Race, gara di apertura della cosiddetta "settimana delle Ardenne": rintuzza gli attacchi, insegue, scatta in prima persona e infine, sull'ascesa finale del Cauberg, stacca tutti gli avversari a 350 metri dall'arrivo riconsegnando al Belgio la vittoria in terra olandese sedici anni dopo Johan Museeuw.[27] Solo alcuni giorni dopo è sesto alla Freccia Vallone e terzo[28] alla Liegi-Bastogne-Liegi.

In settembre partecipa alla Vuelta a España ottenendo due successi di tappa: nella terza con arrivo a Malaga,[29] conquistando anche la maglia rossa di leader che manterrà per cinque giorni, e nella diciannovesima vincendo davanti allo statunitense Tyler Farrar a Toledo.[30][31] Si presenta in gran forma per la prova iridata dei campionati del mondo di Geelong: sulla penultima salita dell'ultimo giro scatta facendo il vuoto dietro di sé, acquisendo un buon margine di vantaggio; tuttavia il vento, contrario negli ultimi 5 km, fa naufragare la sua azione solitaria ai 2 000 m dal traguardo: chiuderà ultimo del gruppo di testa, con lo sprint che vedrà la vittoria del norvegese Thor Hushovd.

Incoraggiamenti a Gilbert (Phil) sulla Côte de La Redoute (Liegi-Bastogne-Liegi) presso Remouchamps

Il 14 ottobre, a Cherasco, fa suo per il secondo anno consecutivo il Giro del Piemonte[32] con un'azione sull'ultima salita a meno 800 m dall'arrivo; due giorni dopo fa il bis anche nel Giro di Lombardia aggiudicandosi la 104ª edizione della corsa.[33] Nella stessa giornata, come già accaduto l'anno precedente, riceve il Trofeo Flandrien quale miglior ciclista belga dell'anno[34] e verrà inoltre eletto sportivo belga dell'anno.[35] Chiude l'annata al terzo posto del calendario mondiale UCI (diventerà secondo dopo la squalifica dello spagnolo Alberto Contador, che lo precedeva).

2011: nella leggenda, la tripletta delle Ardenne[modifica | modifica wikitesto]

Inizia il 2011 con la vittoria nella prima tappa del Volta ao Algarve[36] e in Piazza del Campo, a Siena, nella quinta edizione della Monte Paschi Strade Bianche, precedendo gli italiani Alessandro Ballan e Damiano Cunego;[37] a seguire si aggiudica la tappa di Castelraimondo alla Tirreno-Adriatico[38] e si classifica terzo alla Milano-Sanremo.

Gilbert in un momento del Tour de France 2011

In aprile, dopo il nono posto al Giro delle Fiandre, vince, nell'arco di sette giorni, la Freccia del Brabante,[39] l'Amstel Gold Race – secondo trionfo dopo quello del 2010 –[40] e la Freccia Vallone.[41] Domenica 24 aprile ottiene quindi il successo più prestigioso aggiudicandosi la Liegi-Bastogne-Liegi, la corsa di casa (è vallone) e da sempre suo primario obiettivo.[42] Iscrivendo il proprio nome nell'albo d'oro della "Decana", Gilbert consegue la quarta vittoria consecutiva su quattro gare – unico corridore nella storia a centrare il poker –, come già riuscitogli in chiusura dell'anno precedente, e completa al contempo la tripletta delle classiche delle Ardenne, primo belga a riuscirvi (in precedenza, nel 2004, vi era riuscito l'italiano Davide Rebellin).[42]

In giugno, dopo un terzo (2007) e tre secondi posti (2006, 2009, 2010), si laurea campione nazionale in linea. Comincia bene anche il Tour de France, vincendo la prima tappa e conquistando la prima maglia gialla della 98ª Grande Boucle.[43] Non riesce a difendere la maglia nella cronosquadre del secondo giorno – il primato passa a Hushovd – ma ottiene comunque due secondi posti nella quinta e nell'ottava tappa, e il terzo posto finale nella graduatoria a punti. Sei giorni dopo la conclusione del Tour torna al successo vincendo anche la Clásica San Sebastián.[44] Nel mese d'agosto arrivano un successo di tappa all'Eneco Tour,[45] concluso in seconda posizione finale, e la vittoria nel campionato belga a cronometro, bis dopo il titolo nella corsa in linea;[46] in settembre invece si aggiudica il Grand Prix Cycliste de Québec[47] e il Grand Prix de Wallonie.[48] Al termine della stagione, conclusa con diciotto vittorie all'attivo, e la vittoria con ampio margine della classifica dell'UCI World Tour,[49] viene insignito del prestigioso Vélo d'Or.[50]

2012: il passaggio alla BMC e il titolo mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Gilbert mentre sferra l'attacco decisivo sul Cauberg al Mondiale su strada 2012

Per la stagione 2012 si trasferisce tra le file della squadra statunitense BMC Racing Team, capitanata dall'australiano Cadel Evans, dopo aver firmato un pre-contratto nell'agosto precedente.[51] In primavera Gilbert, a differenza della stagione precedente, non ottiene alcun successo: conclude sesto all'Amstel Gold Race, terzo alla Freccia Vallone e sedicesimo alla Liegi-Bastogne-Liegi. Nel prosieguo di stagione partecipa quindi al Tour de France, con due quarti posti di tappa, alle prove in linea e a cronometro dei Giochi olimpici di Londra e ai campionati belgi a cronometro, dove chiude terzo. Il 26 agosto ottiene la prima vittoria stagionale, imponendosi nella nona tappa della Vuelta a España, quella con arrivo a Barcellona;[52] si ripete nella stessa corsa dodici giorni dopo, aggiudicandosi anche la frazione con traguardo a La Lastrilla.[53]

In settembre partecipa ai campionati del mondo nel Limburgo, classificandosi subito secondo nella cronometro a squadre con la BMC.[54] Sette giorni dopo, il 23 settembre, è invece al via della prova in linea iridata; il percorso della gara ben si adatta alle sue caratteristiche, con l'ascesa del Cauberg prima dei 2 km finali in falsopiano che portano al traguardo di Valkenburg. Proprio il passaggio finale sul Cauberg è decisivo: a metà ascesa Gilbert attacca, mentre tentano l'inseguimento il russo Aleksandr Kolobnev, lo spagnolo Alejandro Valverde e il norvegese Edvald Boasson Hagen, ma invano: Gilbert trionfa in solitaria,[55][56] diventando così il secondo vallone della storia a laurearsi campione del mondo dopo Claude Criquielion.

2013-2016: le altre stagioni alla BMC[modifica | modifica wikitesto]

Gilbert alla partenza del Grand Prix Pino Cerami 2015, da lui vinto

Nel 2013 coglie il primo risultato di prestigio in aprile, quando arriva secondo alla Freccia del Brabante dietro allo slovacco Peter Sagan.[57] All'Amstel Gold Race è protagonista nel finale – cerca di raggiungere il fuggitivo ceco Roman Kreuziger, poi vincitore, – e si piazza quinto in volata; chiude poi settimo alla Liegi-Bastogne-Liegi. In maggio è terzo nella graduatoria generale del Giro del Belgio, mentre in giugno è secondo ai campionati nazionali a cronometro. Il 5 settembre vince la dodicesima tappa della Vuelta a España da Maella a Tarragona, primo successo stagionale e unico trionfo con la maglia iridata di campione del mondo, precedendo Boasson Hagen in uno sprint in leggera salita.[58]

Apre la stagione 2014 in preparazione delle classiche delle Ardenne; ottiene la prima vittoria il 16 aprile imponendosi nella Freccia del Brabante battendo in volata l'australiano Michael Matthews e il francese Tony Gallopin, rifacendosi così del secondo posto dell'anno precedente.[59] Quattro giorni dopo conquista la sua terza Amstel Gold Race; nell'occasione sferra l'attacco decisivo sul Cauberg, staccando tutti i principali rivali e arrivando da solo al traguardo di Valkenburg, in una vittoria fotocopia del trionfo mondiale del 2012.[60] Dopo aver concluso al decimo posto la Freccia Vallone e all'ottavo la Liegi-Bastogne-Liegi, torna al successo nel mese di giugno vincendo due tappe[61] e la classifica finale dello Ster ZLM Toer, aggiudicandosi così la breve corsa a tappe olandese per la terza volta in carriera.[62] Chiude la stagione, nel mese di ottobre, conquistando una tappa[63] e la classifica finale del Tour of Beijing, ultima prova del calendario World Tour.[64]

Gilbert dopo una conferenza stampa, a Verbania, del Giro d'Italia 2015

Per la stagione 2015 gli obiettivi sono ancora le classiche del Nord. Dopo aver corso, in aprile, la Vuelta al País Vasco come gara di preparazione, coglie un terzo posto alla Freccia del Brabante e pochi giorni dopo si classifica al decimo posto all'Amstel Gold Race, sferrando senza successo un attacco sul Cauberg, ultimo strappo della corsa olandese.[65] Tre giorni dopo è costretto al ritiro alla Freccia Vallone a causa di una caduta;[66] ciò gli pregiudica la prestazione alla Liegi-Bastogne-Liegi, che conclude lontano dai migliori. Successivamente partecipa, nel mese di maggio, al Giro d'Italia: dopo aver raccolto alcuni piazzamenti nelle prime tappe, si impone nella dodicesima frazione con arrivo a Vicenza, mettendo in luce le sue doti di finisseur sulle rampe del Monte Berico, distanziando di pochi secondi sul traguardo Contador e l'italiano Diego Ulissi.[67][68] Si ripete anche nella diciottesima tappa quando, inseritosi nella fuga di giornata, riesce ad imporsi in solitaria sul traguardo di Verbania, dopo essersi prodigato in un'azione a 20 km dall'arrivo;[69][70] per il vallone, che al termine della manifestazione si aggiudicherà anche il Premio della Combattività e il Trofeo Bonacossa,[71] si tratta della terza vittoria di tappa nella Corsa Rosa, a distanza di sei anni dal primo trionfo.[72] Costretto a saltare il Tour de France a causa di una microfrattura alla tibia riscontrata al Tour de Suisse,[73] torna al successo a fine luglio conquistando il Grand Prix Pino Cerami[74] e una tappa al Tour de Wallonie.[75] Dopo un secondo posto alla Clásica San Sebastián e un quarto nella classifica finale dell'Eneco Tour, chiude la stagione con alcuni piazzamenti, tra cui figura il decimo posto ai Mondiali di Richmond.

Apre il 2016 al Dubai Tour, chiuso al quinto posto. Il 13 febbraio conquista la Vuelta a Murcia,[76] mentre nel percorso di avvicinamento alle Ardenne ottiene come migliori risultati due terzi posti in una tappa della Volta Ciclista a Catalunya e alla Volta Limburg Classic. Tuttavia all'Amstel Gold Race e alla Freccia Vallone, a causa di problemi fisici,[77] conclude lontano dai migliori. Ad inizio giugno torna al successo vincendo la seconda[78] e la quarta tappa[79] al Tour de Luxembourg, concluso al secondo posto, 9" dietro l'olandese Maurits Lammertink. Il 22 dello stesso mese ottiene la quarta e ultima vittoria stagionale, laureandosi campione nazionale in linea per la seconda volta in carriera.[80] Concluso il Tour de Pologne in sedicesima posizione, il 6 agosto termina quarantaduesimo nella prova in linea dei Giochi Olimpici di Rio de Janeiro. Dopo l'ottavo posto all'Arctic Race of Norway, a fine agosto è al via della Vuelta a España: nella corsa iberica ottiene come miglior risultato solamente un quarto posto nella settima tappa, prima del ritiro durante la quattordicesima. Nel finale dell'annata si piazza ottavo nella prova in linea dei campionati europei di Plumelec, sesto sia alla Tre Valli Varesine sia al Giro del Piemonte, e trentaquattresimo al Giro di Lombardia.

2017: il trasferimento alla Quick-Step e la vittoria al Fiandre[modifica | modifica wikitesto]

Gilbert impegnato nella cronometro d'apertura del Tour de France 2017

Dopo cinque stagioni passate tra le file del team americano, Gilbert passa alla Quick-Step Floors di Patrick Lefevere:[81] dopo aver esordito alla Volta a la Comunitat Valenciana, incentra la preparazione per le classiche del pavé: nell'avvicinamento coglie come migliori risultati un tredicesimo posto alla Omloop Het Nieuwsblad e un quarto nella prima tappa della Parigi-Nizza, mentre è ventinovesimo alla Milano-Sanremo. Proprio nelle corse in terra belga dimostra un ottimo stato di forma, concludendo secondo sia alla Dwars door Vlaanderen, coadiuvando il compatriota vincitore e compagno di squadra Yves Lampaert,[82] sia all'E3 Harelbeke, battuto dal connazionale Greg Van Avermaet.[83] Alla Driedaagse De Panne - Koksijde arrivano i primi successi in stagione con la conquista della prima tappa[84] e della classifica finale[85] della tre giorni belga. Il 2 aprile si aggiudica la quarta "monumento" in carriera, trionfando alla 101esima edizione del Giro delle Fiandre al termine di un assolo di 55 km, precedendo sul traguardo di Oudenaarde Van Avermaet, il favorito della vigilia.[86] In preparazione alle Ardenne conclude al quindicesimo posto la Freccia del Brabante del 12 aprile, per poi trionfare quattro giorni più tardi all'Amstel Gold Race per la quarta volta;[87] tuttavia, in seguito ai danni riportati da una caduta occorsagli proprio durante la corsa olandese, è costretto a rinunciare a Freccia Vallone e Liegi-Bastogne-Liegi,[88] oltre che al Giro d'Italia.[89] Torna alle gare a fine maggio al Giro del Belgio, gara in cui palesa una buona condizione, ottenendo un secondo posto di tappa e un quarto nella generale. Ritrova il successo al Tour de Suisse, vincendo in volata la seconda frazione.[90] Il 1º luglio è al via del Tour de France: ottiene come miglior piazzamento un quarto posto nella quattordicesima tappa, per poi non ripartire nella sedicesima[91] a causa di problemi fisici.[92] Ad agosto è nono nella generale del BinckBank Tour, in cui coglie un secondo posto nell'ultima tappa; a fine settembre, dopo aver corso senza particolari acuti il Tour of Britain, è invece quarto nella cronosquadre dei campionati del mondo di Bergen e diciassettesimo nella prova in linea.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Strada[modifica | modifica wikitesto]

Trofee van Haspengouw
1ª tappa Oberösterreich-Rundfahrt (České Budějovice > Bad Leonfelden)
Classifica generale Oberösterreich-Rundfahrt
6ª tappa Tour du Loir-et-Cher (Blois Ville > Blois Ville)
3ª tappa Triptyque Ardennais (Malmedy > Malmedy)
Classifica generale Triptyque Ardennais
Romsée-Stavelot-Romsée
1ª tappa Triptyque des Barrages (Tarcienne > Tarcienne)
  • 2003 (fdjeux.com, una vittoria)
9ª tappa Tour de l'Avenir (Rousset-sur-Arc > Solliès-Ville)
  • 2004 (fdjeux.com, due vittorie)
3ª tappa Tour Down Under (Goolwa > Victor Harbor)
Classifica generale Paris-Corrèze
  • 2005 (La Française des Jeux, cinque vittorie)
2ª tappa Tour Méditerranéen (Villeneuve-Loubet > Bormes-les-Mimosas)
Tour du Haut-Var
Trophée des Grimpeurs
2ª tappa Quatre Jours de Dunkerque (Marcq-en-Barœul > Lens)
La Poly Normande
  • 2006 (La Française des Jeux, cinque vittorie)
Omloop Het Volk
2ª tappa Critérium du Dauphiné Libéré (Bourgoin-Jallieu > Saint-Galmier)
7ª tappa Eneco Tour (Ans > Ans)
Grand Prix de Fourmies
Grand Prix de Wallonie
  • 2007 (La Française des Jeux, una vittoria)
1ª tappa Tour du Limousin (Limoges > La Souterraine)
  • 2008 (La Française des Jeux, cinque vittorie)
Trofeo Mallorca
Trofeo Sóller
Omloop Het Volk
Le Samyn
Parigi-Tours
  • 2009 (Silence-Lotto, sette vittorie)
20ª tappa Giro d'Italia (Napoli > Anagni)
4ª tappa Ster Elektrotoer (Verviers > La Gileppe)
Classifica generale Ster Elektrotoer
Coppa Sabatini
Parigi-Tours
Giro del Piemonte
Giro di Lombardia
  • 2010 (Omega Pharma-Lotto, sei vittorie)
Amstel Gold Race
1ª tappa Giro del Belgio (Eeklo > Eeklo)
3ª tappa Vuelta a España (Marbella > Malaga)
19ª tappa Vuelta a España (Piedrahíta > Toledo)
Giro del Piemonte
Giro di Lombardia
  • 2011 (Omega Pharma-Lotto, diciotto vittorie)
1ª tappa Volta ao Algarve (Estádio Algarve > Albufeira)
Monte Paschi Strade Bianche
5ª tappa Tirreno-Adriatico (Chieti > Castelraimondo)
Freccia del Brabante
Amstel Gold Race
Freccia Vallone
Liegi-Bastogne-Liegi
3ª tappa Giro del Belgio (Bertem > Eupen)
Classifica generale Giro del Belgio
4ª tappa Ster ZLM Toer (Verviers > La Gileppe)
Classifica generale Ster ZLM Toer
Campionati belgi, Prova in linea
1ª tappa Tour de France (Passage du Gois > Mont des Alouettes)
Clásica San Sebastián
3ª tappa Eneco Tour (Heers > Andenne)
Campionati belgi, Prova a cronometro
Grand Prix Cycliste de Québec
Grand Prix de Wallonie
  • 2012 (BMC Racing Team, tre vittorie)
9ª tappa Vuelta a España (Andorra > Barcellona)
19ª tappa Vuelta a España (Peñafiel > La Lastrilla)
Campionati del mondo, Prova in linea
  • 2013 (BMC Racing Team, una vittoria)
12ª tappa Vuelta a España (Maella > Tarragona)
  • 2014 (BMC Racing Team, sette vittorie)
Freccia del Brabante
Amstel Gold Race
Prologo Ster ZLM Toer (Bladel, cronometro)
4ª tappa Ster ZLM Toer (Verviers > La Gileppe)
Classifica generale Ster ZLM Toer
2ª tappa Tour of Beijing (Chong Li > Yan Jia Ping)
Classifica generale Tour of Beijing
  • 2015 (BMC Racing Team, quattro vittorie)
12ª tappa Giro d'Italia (Imola > Vicenza/Monte Berico)
18ª tappa Giro d'Italia (Melide > Verbania)
Grand Prix Pino Cerami
3ª tappa Tour de Wallonie (Bastogne > Namur)
  • 2016 (BMC Racing Team, quattro vittorie)
Vuelta a Murcia
2ª tappa Tour de Luxembourg (Rosport > Schifflange)
4ª tappa Tour de Luxembourg (Mersch > Lussemburgo)
Campionati belgi, Prova in linea
  • 2017 (Quick-Step Floors, cinque vittorie)
1ª tappa Driedaagse De Panne - Koksijde (De Panne > Zottegem)
Classifica generale Driedaagse De Panne - Koksijde
Giro delle Fiandre
Amstel Gold Race
2ª tappa Tour de Suisse (Cham > Cham)

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

Classifica a punti Tour de l'Avenir
Classifica giovani Tour Down Under
Classifica giovani Paris-Corrèze
Classifica a punti Paris-Corrèze
  • 2005 (La Française des Jeux)
Classifica generale Coppa di Francia
  • 2006 (La Française des Jeux)
Ronde d'Aix-en-Provence
Dernycriterium Wetteren
  • 2007 (La Française des Jeux)
Classifica combinata Volta ao Algarve
Classifica sprint intermedi Circuit Franco-Belge
  • 2008 (La Française des Jeux)
Classifica scalatori Tour Down Under
Classifica generale Challenge de Mallorca
Dernycriterium van Wilrijk
Dernycriterium van 's-Gravenwezel
Classifica sprint intermedi Circuit Franco-Belge
  • 2009 (Silence-Lotto)
Critérium cycliste de Calais
3ª tappa Coupe Frédéric Jalton
  • 2010 (Omega Pharma-Lotto)
Classifica a punti Giro del Belgio
Grand Prix José Dubois
  • 2011 (Omega Pharma-Lotto)
Gullegem Koerse
Critérium cycliste de Calais
Classifica sprint intermedi Ster ZLM Toer
Criterium van Aalst
Sørlandsparken Grand Prix
Criterium van Herentals
Criterium van Kristiansand
Profronde van Lommel
Classifica generale UCI World Tour
  • 2013 (BMC Racing Team)
Ronde d'Aix-en-Provence
  • 2014 (BMC Racing Team)
Classifica scalatori Tour de Picardie
Classifica a punti Giro del Belgio
  • 2015 (BMC Racing Team)
Classifica a punti Tour du Haut-Var
Premio della Combattività Giro d'Italia
Trofeo Bonacossa Giro d'Italia
Kortrijk Koerse
  • 2016 (BMC Racing Team)
Classifica a punti Tour de Luxembourg
Grand Prix José Dubois
  • 2017 (Quick-Step Floors)
Classifica combinata Volta a la Comunitat Valenciana
Classifica sprint intermedi Driedaagse De Panne - Koksijde
Na-Tour Criterium Ninove
Critérium Guidon d'Or Hellemmois

Ciclocross[modifica | modifica wikitesto]

Bridel
Bridel
Kostal

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

2004: 32º
2006: ritirato (12ª tappa)
2009: 97º
2015: 39º
2005: 70º
2006: 110º
2007: ritirato (15ª tappa)
2008: 112º
2011: 38º
2012: 46º
2013: 62º
2017: non partito (16ª tappa)
2007: 69º
2008: ritirato (18ª tappa)
2009: 54º
2010: 50º
2012: 59º
2013: ritirato (15ª tappa)
2014: 45º
2016: ritirato (14ª tappa)

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

2004: 14º
2005: 6º
2006: 32º
2007: 21º
2008: 3º
2009: 23º
2010: 9º
2011: 3º
2012: 87º
2013: 32º
2014: 13º
2015: 55º
2017: 29º
2006: ritirato
2007: 25º
2008: 15º
2009: 3º
2010: 3º
2011: 9º
2012: 75º
2017: vincitore
2003: ritirato
2004: 40º
2005: ritirato
2006: 38º
2007: 16º
2008: 92º
2009: 4º
2010: 3º
2011: vincitore
2012: 16º
2013: 7º
2014: 8º
2015: 36º
2005: 74º
2006: ritirato
2009: vincitore
2010: vincitore
2011: 8º
2012: ritirato
2013: 20º
2014: 7º
2015: 33º
2016: 34º
2017: 27º

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni europee[modifica | modifica wikitesto]

Plumelec 2016 - In linea Elite: 8º

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Philippe Gilbert, quickstepfloorscycling.com.
  2. ^ Luigi Perna, Fenomeno Gilbert: «E ora voglio vincere tutte le classiche», in La Gazzetta dello Sport, 26 aprile 2011.
  3. ^ a b Gilbert: colpo grosso. Fuga, tappa e maglia, in La Gazzetta dello Sport, 7 giugno 2006.
  4. ^ Tour Down Under, Gilbert beffa i grandi, ciclismo.it, 22 gennaio 2004.
  5. ^ (FR) Gilbert en grimpeur, eurosport.fr, 1º maggio 2005.
  6. ^ Gilbert sfreccia nel paese delle mimose, ciclismo.it, 10 febbraio 2005.
  7. ^ (FR) Le bon coup de Gilbert, eurosport.fr, 5 maggio 2005.
  8. ^ (FR) Gilbert en beauté, eurosport.fr, 25 febbraio 2006.
  9. ^ (FR) Gilbert puissance 4, eurosport.fr, 10 settembre 2006.
  10. ^ (EN) Andrew Hood, Gilbert more focused after melanoma scare, velonews.competitor.com, 27 febbraio 2008. (archiviato dall'url originale il 24 maggio 2015).
  11. ^ (FR) Gilbert premier leader, eurosport.fr, 21 agosto 2007.
  12. ^ (EN) Gilbert takes Trofeo Mallorca, cyclingheroes.tripod.com, 10 febbraio 2008.
  13. ^ (NL) Gilbert ritwinnaar na incidentrijke massaspurt, nieuwsblad.be, 13 febbraio 2008.
  14. ^ (FR) Le panache de Philippe Gilbert, eurosport.fr, 1º marzo 2008.
  15. ^ (EN) Gilbert takes GP Le Samyn, cyclingheroes.tripod.com, 5 marzo 2008.
  16. ^ Cancellara da urlo, la Sanremo è sua, in La Gazzetta dello Sport, 23 marzo 2008.
  17. ^ (EN) Laura Weislo, Silence-Lotto confirms Gilbert signing, cyclingnews.com, 6 giugno 2008.
  18. ^ Paolo Marabini, Pozzato attacca, Freire lo stoppa, Gilbert beffa tutti, in La Gazzetta dello Sport, 13 ottobre 2008.
  19. ^ Marco Pastonesi, La pennellata dell'artista Gilbert: «Indimenticabile», in La Gazzetta dello Sport, 31 maggio 2009.
  20. ^ (EN) Gilbert dethrones Terpstra with time bonuses, cyclingnews.com, 22 giugno 2009.
  21. ^ Marco Pastonesi, Coppa Sabatini, sfreccia Gilbert. Evans, buona la prima da iridato, gazzetta.it, 8 ottobre 2009.
  22. ^ Luigi Perna, Parigi-Tours Gilbert, sempre lui. Batte pure Boonen, in La Gazzetta dello Sport, 12 ottobre 2009.
  23. ^ Marco Pastonesi, 4 su 4 Gilbert, un ciclone. Sbanca anche il Lombardia, in La Gazzetta dello Sport, 18 ottobre 2009.
  24. ^ (EN) Richard Tyler, Gilbert named Belgian rider of the year, cyclingnews.com, 19 ottobre 2009.
  25. ^ (EN) Philippe Gilbert Belgian Sportsman of the Year, velonation.com, 20 dicembre 2009.
  26. ^ Luigi Perna, Gand-Wevelgem a Eisel. Quinto l'italiano Oss, gazzetta.it, 28 marzo 2010.
  27. ^ Marco Pastonesi, Cunego dà la sveglia all'Italia. Vince Gilbert, in La Gazzetta dello Sport, 19 aprile 2010.
  28. ^ Ciclismo, il Tas come il Coni: Valverde squalificato per due anni, ilmessaggero.it, 31 maggio 2010. (archiviato dall'url originale il 10 settembre 2012).
  29. ^ Antonio Massariolo, È iniziata la stagione di Gilbert: suo l'arrivo a Malaga, italnews.info, 30 agosto 2010.
  30. ^ Claudio Ghisalberti, Vuelta, tappa a Gilbert. Nibali aumenta il vantaggio, gazzetta.it, 17 settembre 2010.
  31. ^ Mario Casaldi, Vuelta a España 2010: Gilbert spaziale, Nibali guadagna. Mosquera perde 12", Pozzato terzo a Toledo, cicloweb.it, 17 settembre 2010. (archiviato dall'url originale il 12 agosto 2014).
  32. ^ Marco Pastonesi, Gilbert non sbaglia strada. Che show al Piemonte, gazzetta.it, 14 ottobre 2010.
  33. ^ Ciro Scognamiglio, Gilbert: "La mia vittoria più bella", gazzetta.it, 17 ottobre 2010.
  34. ^ a b (NL) Gilbert Flandrien van het jaar, Van den Broeck niet tweede, hln.be, 16 ottobre 2010.
  35. ^ (EN) Sportsman of the year 2010: Philippe Gilbert, performance.be, 23 dicembre 2010. (archiviato dall'url originale l'11 ottobre 2014).
  36. ^ Contador ritorna. Gilbert vince, repubblica.it, 16 febbraio 2011.
  37. ^ Marco Pastonesi, Gilbert è il re dello sterrato. Il belga vince le Strade Bianche, gazzetta.it, 5 marzo 2011.
  38. ^ Francesco Sulas, Tirreno-Adriatico 2011: Gilbert, volata impressionante!! Sprint da 10 per il belga, maglia a Evans, cicloweb.it, 13 marzo 2011. (archiviato dall'url originale il 12 agosto 2014).
  39. ^ Le Ardenne parlano belga. A Gilbert la prima Freccia, gazzetta.it, 13 aprile 2011.
  40. ^ Ciro Scognamiglio, Amstel Gold Race. Trionfa Gilbert, gazzetta.it, 17 aprile 2011.
  41. ^ Ciro Scognamiglio, Il Muro di Huy si inchina a Gilbert. Sua anche la Freccia Vallone, gazzetta.it, 24 aprile 2011.
  42. ^ a b Luigi Perna, Gilbert a Liegi diventa Re Philippe. Gli Schelck e il Belgio ai suoi piedi, gazzetta.it, 24 aprile 2011.
  43. ^ Ciro Scognamiglio, Tour, Gilbert da padrone. Contador a 1'20", Basso salvo, gazzetta.it, 2 luglio 2011.
  44. ^ Gilbert troppo forte. La San Sebastian è sua, gazzetta.it, 30 luglio 2011.
  45. ^ Gilbert mattatore all'Eneco. Gavazzi vince in Portogallo, gazzetta.it, 11 agosto 2011.
  46. ^ Campionato nazionale a cronometro 2011, taccuinosportivo.blogspot.it, 17 agosto 2011.
  47. ^ (FR) Le roi, c'est Gilbert, eurosport.fr, 9 settembre 2011.
  48. ^ (FR) Gilbert fait du Gilbert, eurosport.fr, 14 settembre 2011.
  49. ^ (EN) Philippe Gilbert Winner of 2011 UCI World Tour, cyclingtips.com.au, 27 ottobre 2011.
  50. ^ Claudio Ghisalberti, «È all'antica. Ecco perché Gilbert domina», in La Gazzetta dello Sport, 28 ottobre 2011.
  51. ^ (EN) Philippe Gilbert signs for BMC, cyclingnews.com, 19 agosto 2011.
  52. ^ Marco Grassi, Vuelta a España 2012: Gilbert riemerge dal lungo sonno. E JRO dà spettacolo: attacca, fa 2º, allunga in classifica, cicloweb.it, 26 agosto 2012. (archiviato dall'url originale il 12 agosto 2014).
  53. ^ Marco Grassi, Vuelta a España 2012: Gilbert ripete il concetto. Vittoria su Valverde, Moreno e Rodríguez. Contador perde qualche secondo, cicloweb.it, 7 settembre 2012. (archiviato dall'url originale il 12 agosto 2014).
  54. ^ Omega Pharma Quick Step d'oro nella cronosquadre, fuoridibici.wordpress.com, 16 settembre 2012.
  55. ^ Pier Bergonzi, Gilbert, Mondiale da campione. Italia, c'è solo la generosità, gazzetta.it, 23 settembre 2012.
  56. ^ Marco Grassi, Mondiale 2012: Philippe Le Roi. Gilbert su Boasson Hagen e Valverde. Italia sconclusionata, cicloweb.it, 23 settembre 2012. (archiviato dall'url originale il 12 agosto 2014).
  57. ^ Freccia del Brabante: Sagan batte Gilbert. Malacarne 7º migliore degli italiani, gazzetta.it, 10 aprile 2013.
  58. ^ Marco Grassi, Vuelta a España 2013: Gilbert già in pieno Rinascimento. Batte Boasson Hagen e pensa al Mondiale di Firenze, cicloweb.it, 5 settembre 2013. (archiviato dall'url originale il 12 agosto 2014).
  59. ^ Brabante, Gilbert centra il primo successo 2014, gazzetta.it, 16 aprile 2014.
  60. ^ Amstel Gold Race, vince Gilbert e fa tris, Gasparotto ottavo, gazzetta.it, 20 aprile 2014.
  61. ^ Ster ZLM Tour, crono individuale a Gilbert, gazzetta.it, 18 giugno 2014.
  62. ^ Ster ZLM Toer: Philippe Gilbert vince la La Gileppe e riconquista la testa della classifica, cicloweb.it, 21 giugno 2014. (archiviato dall'url originale il 12 agosto 2014).
  63. ^ Giro di Pechino: Gilbert si prende tappa e maglia, gazzetta.it, 11 ottobre 2014.
  64. ^ Fabio Panchetti, Giro di Pechino: l'ultimo sprint è di Modolo, il trionfo di Gilbert, velobike.it, 14 ottobre 2014. (archiviato dall'url originale il 6 aprile 2015).
  65. ^ (EN) Alasdair Fotheringham, Gilbert fails to defend Amstel Gold Race after Cauberg attack, cyclingnews.com, 19 aprile 2015.
  66. ^ Claudio Ghisalberti, Freccia Vallone, cadute per Rodriguez e Gilbert, gazzetta.it, 22 aprile 2015.
  67. ^ Giro, Gilbert primo sul Monte Berico. Contador secondo, Aru perde 14", gazzetta.it, 21 maggio 2015.
  68. ^ Francesco Sulas, Giro d'Italia 2015: Un Gilbert stratosBerico. A Vicenza stoccata del vallone. Contador 2º, Aru staccato, cicloweb.it, 21 maggio 2015. (archiviato dall'url originale il 24 maggio 2015).
  69. ^ Giro, a Verbania bis di Gilbert. Contador si vendica: rifila 1'13" a Landa e Aru, gazzetta.it, 28 maggio 2015.
  70. ^ Francesco Sulas, Giro d'Italia 2015: Gilbert, altra piccola impresa. Bell'assolo a Verbania. Landa cade, Contador lo attacca in salita, cicloweb.it, 28 maggio 2015. (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2015).
  71. ^ Il Trefeo Bonacossa a Gilbert, il più combattivo, cyclingtime.it, 1º giugno 2015.
  72. ^ Mattia Bazzoni, Gilbert, da Anagni a Vicenza: il Giro incorona un gigante, gazzetta.it, 21 maggio 2015.
  73. ^ Philippe Gilbert costretto a saltare il Tour de France per una microfrattura alla gamba, cicloweb.it, 16 giugno 2015. (archiviato dall'url originale il 23 luglio 2015).
  74. ^ Gilbert, ritorno col botto: suo il Cerami, gazzetta.it, 22 luglio 2015.
  75. ^ Vallonia, sigillo di Gilbert: Terpstra rimane il leader, gazzetta.it, 27 luglio 2015.
  76. ^ Vuelta a Murcia, Gilbert batte Valverde a casa sua, gazzetta.it, 13 febbraio 2016.
  77. ^ Aggressione a Gilbert, fratturato un dito. "Sto bene, ma che shock", gazzetta.it, 9 aprile 2016.
  78. ^ Andrea Fragasso, Giro del Lussemburgo 2016, Gilbert torna al successo, mondiali.net, 3 giugno 2016.
  79. ^ Lussemburgo, a Gilbert l'ultima tappa. La classifica a Lammertink, gazzetta.it, 5 giugno 2016.
  80. ^ Marco Grassi, Che corsa in Belgio! Gilbert campione nazionale su Wellens dopo 220 km di fuga, cicloweb.it, 26 giugno 2016.
  81. ^ Gianluca Bruno, Ciclismo: il mercato della Quick Step Floors. Arriva Philippe Gilbert, oasport.it, 19 novembre 2016.
  82. ^ Luigi Panella, Ciclismo, Attraverso il Fiandre: assolo di Lampaert. Catalogna: numero di Valverde, repubblica.it, 22 marzo 2017.
  83. ^ Harelbeke, Van Avermaet fulmina Gilbert e Naesen, gazzetta.it, 24 marzo 2017.
  84. ^ De Panne, Gilbert vola. Consonni è terzo, gazzetta.it, 28 marzo 2017.
  85. ^ Ciro Scognamiglio, Tre Giorni di La Panne: vittoria finale di Gilbert, gazzetta.it, 30 marzo 2017.
  86. ^ Mattia Bazzoni, Fiandre, vince Gilbert. Secondo Van Avermaet, Sagan k.o., gazzetta.it, 2 aprile 2017.
  87. ^ Ciclismo: Amstel Gold Race a Gilbert, primo in volata su Kwiatkowski, gazzetta.it, 16 aprile 2017.
  88. ^ Philippe Gilbert non correrà Freccia Vallone e Liegi-Bastogne-Liegi, it.eurosport.com, 17 aprile 2017.
  89. ^ Giulia Cicchinè, Philippe Gilbert non sarà al via del Giro: "Per me è un duro colpo", it.eurosport.com, 18 aprile 2017.
  90. ^ Ciro Scognamiglio, Ciclismo, Tour de Suisse: Gilbert va a segno, gazzetta.it, 11 giugno 2017.
  91. ^ Riccardo Zucchi, Tour de France 2017, ritiro di Gilbert, cyclingpro.net, 18 luglio 2017.
  92. ^ Una gastroenterite mette ko Gilbert: il belga abbandona il Tour, cicloweb.it, 18 luglio 2017.
  93. ^ (NL) Philippe Gilbert wint Sprint d'Or 2008, standaard.be, 4 gennaio 2009.
  94. ^ (NL) Erik Duchateau, Gilbert wint Kristallen Fiets, sport.be, 3 dicembre 2008.
  95. ^ (NL) Gilbert krijgt zijn tweede Kristallen Fiets, sporza.be, 9 dicembre 2009.
  96. ^ (NL) Philippe Gilbert krijgt nieuwe Kristallen Fiets, sporza.be, 24 novembre 2010.
  97. ^ (NL) Gilbert wint Kristallen Fiets met monsterscore, sport.be, 16 novembre 2011.
  98. ^ (NL) Gilbert "Flandrien van het jaar", hln.be, 17 ottobre 2009.
  99. ^ (NL) Philippe Gilbert wint de Flandrien 2011, sporza.be, 16 ottobre 2011.
  100. ^ I giornalisti premiano Gilbert, rai.it, 8 dicembre 2009.
  101. ^ (NL) Gilbert en Clijsters zijn beste sporters van 2009, sporza.be, 20 dicembre 2009.
  102. ^ (NL) Clijsters en Gilbert zijn weer sporters van het jaar, sporza.be, 19 dicembre 2010.
  103. ^ (NL) Clijsters populairste Belgische sporter, Gilbert tweede, hln.be, 14 settembre 2011.
  104. ^ Philippe Gilbert premiato dal principe Filippo a Bruxelles, archivio.tuttobiciweb.it, 27 gennaio 2010.
  105. ^ Gilbert vince il Velo d'Oro 2011: "E adesso penso alla Sanremo", gazzetta.it, 27 ottobre 2011.
  106. ^ Flavio Viglezio, Premiati Philippe Gilbert e Tom Bohli, vcmendrisio.ch, 24 marzo 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]