Bob Jungels

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bob Jungels
2018 LBL Finish Bob Jungels.jpg
Bob Jungels nel 2018
Nazionalità Lussemburgo Lussemburgo
Altezza 189[1] cm
Peso 72[1] kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Squadra Quick Step
Carriera
Squadre di club
2011UC Dippach
2012Leopard-Trek
2013RadioShack
2014-2015Trek
2016Etixx-Quick Step
2017-Quick Step
Nazionale
2013-Lussemburgo Lussemburgo
Statistiche aggiornate al aprile 2018

Bob Jungels (Lussemburgo, 22 settembre 1992) è un ciclista su strada lussemburghese che corre per il team Quick-Step Floors.

Professionista dal 2013, ha caratteristiche di passista-scalatore. In carriera ha vinto la Liegi-Bastogne-Liegi nel 2018, una tappa al Giro d'Italia 2017 e la classifica giovani della corsa rosa nel 2016 e nel 2017; si è aggiudicato inoltre per quattro volte i campionati lussemburghesi in linea e per quattro volte quelli a cronometro.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Da Under-23 ottiene diversi successi, tra cui, nel 2012, il Triptyque des Monts et Châteaux, la Flèche du Sud e la prestigiosa Parigi-Roubaix Under-23. Passato professionista nel 2013 con il team RadioShack-Leopard, coglie già a inizio stagione la prima vittoria, nella semiclassica italiana Gran Premio Nobili Rubinetterie, al termine di una lunga fuga; durante l'anno si aggiudica anche i due titoli nazionali Elite, sia a cronometro (già vinto nel 2012), sia in linea.

Dopo un 2014 privo di vittorie, nel 2015 si aggiudica una tappa e la classifica finale dell'Etoile de Bessèges, ripete il successo in entrambe le specialità ai campionati lussemburghesi e partecipa anche al suo primo Tour de France ottennedo un quinto e quarto posto rispettivamente nella 16ª e 18ª tappa, al termine di lunghe fughe di giornata. Si piazza 27° in classifica generale, quinto tra i giovani.

A inizio 2016, appena approdato alla Etixx-Quick Step, vince una frazione al Tour of Oman e si piazza terzo, vincendo la maglia di miglior giovane, alla Tirreno-Adriatico. Nel maggio seguente, al termine della decima tappa del Giro d'Italia, indossa invece la maglia rosa di leader della classifica generale, mantenendola in totale per tre giorni. Continua a lottare per la classifica tanto che alla fine della corsa rosa si piazza sesto e vince la maglia bianca di miglior giovane. Ai seguenti Mondiali di Doha si laurea campione del mondo della cronometro a squadre, assieme ai compagni della Etixx-Quick Step.[2]

Nel 2017 vince la maglia bianca di miglior giovane alla Tirreno-Adriatico, classificandosi quattordicesimo a 2'53" da Nairo Quintana.[3] Alla Freccia Vallone attacca a 12 km dal traguardo, riuscendo a guadagnare circa 50" sul gruppo ma poi viene raggiunto e superato a circa 500 metri dal traguardo, concludendo la corsa trentanovesimo a 53" da Alejandro Valverde.[4] Prende il via del Giro d'Italia come capitano della Quick-Step Floors. A una decina di km dal traguardo della 3ª tappa attacca assieme ai compagni di squadra, sfruttando il vento laterale, andando a guadagnare 10" sul resto dei favoriti e favorendo il successo del compagno Fernando Gaviria.[5] Nella tappa successiva arriva nel gruppo dei migliori sull'arrivo in salita dell'Etna; grazie ai secondi guadagnati precedentemente va a vestire la maglia rosa con 6" su Geraint Thomas.[6] Alla nona tappa, con arrivo in salita sul Blockhaus, accusa non poche difficoltà sulla durissima ascesa finale e perde sia la maglia rosa che diverse posizioni in classifica generale. Disputa invece un'ottima cronometro alla decima tappa piazzandosi terzo alle spalle del dominatore assoluto Tom Dumoulin e di poco dietro al britannico Geraint Thomas. Quest'ottima prova contro il tempo gli consente di recuperare del terreno perso precedentemente in classifica generale dai diretti avversari e di rientrare dunque nella lotta al podio. È protagonista nel finale della quindicesima tappa (Valdengo > Bergamo): prima cerca l'allungo solitario sullo strappo di Bergamo alta, poi riesce a cogliere il successo in una volata ristretta di 12 corridori mettendosi alle spalle Nairo Quintana e Thibaut Pinot. Con il piazzamento in ottava posizione nella cronometro finale di Milano termina il Giro all'ottavo posto a 7'04" dalla maglia rosa Tom Dumoulin ed essendo il miglior giovane nella classifica generale, conquista per la seconda volta consecutiva la maglia bianca.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Strada[modifica | modifica wikitesto]

  • 2009 (Juniores, tre vittorie)
Campionati lussemburghesi, Prova il linea Juniores
Campionati lussemburghesi, Prova a cronometro Juniores
1ª tappa Drei Etappen Rundfahrt Frankfurt (Francoforte sul Meno, cronometro)
  • 2010 (Juniores, otto vittorie)
Campionati mondiali juniores, Prova a cronometro
Classifica Generale Ruebliland
2 tappa, 1 semitappa Keizer der Juniores Koksijde (Wulpen > Wulpen, cronometro)
Classifica Generale Keizer der Juniores Koksijde
1 tappa Vuelta Caja Cantabria al Besaya (Los Corrales de Buelna > Mercadal)
Vuelta Caja Cantabria al Besaya
1ª tappa Drei Etappen Rundfahrt Frankfurt (Francoforte sul Meno, cronometro)
Classifica generale Drei Etappen Rundfahrt Frankfurt
  • 2011 (Under-23, Union Cycliste de Dippach, sei vittorie)
Grand Prix Faber
Amay
Giochi dei piccoli stati d'Europa, Prova in linea
Giochi dei piccoli stati d'Europa, Prova a cronometro
Campionati lussemburghesi, Prova a cronometro Under-23
Campionati lussemburghesi, Prova in linea Under-23
  • 2012 (Leopard-Trek Continental Team, sei vittorie)
Classifica generale Triptyque des Monts et Châteaux
4ª tappa Flèche du Sud (Tétange > Rumelange, cronometro)
Classifica generale Flèche du Sud
Paris-Roubaix Espoirs
Campionati lussemburghesi, Prova a cronometro
4ª tappa Giro della Valle d'Aosta (Antey-Saint-André > Antey-Saint-André)
  • 2013 (RadioShack-Leopard, quattro vittorie)
Gran Premio Nobili Rubinetterie
4ª tappa Giro del Lussemburgo (Mersch > Lussemburgo)
Campionati lussemburghesi, Prova in linea
Campionati lussemburghesi, Prova a cronometro
  • 2015 (Trek Factory Racing, quattro vittorie)
5ª tappa Etoile de Bessèges (Alès, cronometro)
Classifica generale Etoile de Bessèges
Campionati lussemburghesi, Prova in linea
Campionati lussemburghesi Prova a cronometro
  • 2016 (Etixx-Quick Step, una vittoria)
1ª tappa Tour of Oman (Oman Exhibition Center > Al-Bustan)
Campionati lussemburghesi, Prova in linea
Campionati lussemburghesi, Prova a cronometro
  • 2017 (Quick Step-Floors, due vittorie)
15ª tappa Giro d'Italia (Valdengo> Bergamo)
Campionati lussemburghesi, Prova in linea
  • 2018 (Quick Step-Floors, una vittoria)
Liegi-Bastogne-Liegi

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

  • 2012 (Leopard-Trek Continental Team)
Classifica a punti Triptyque des Monts et Châteaux
Classifica scalatori Triptyque des Monts et Châteaux
  • 2016 (Etixx-Quick Step)
Classifica giovani Tirreno-Adriatico
Classifica giovani Giro d'Italia
  • 2017 (Quick-Step Floors)
Classifica giovani Tirreno-Adriatico
Classifica giovani Giro d'Italia

Ciclocross[modifica | modifica wikitesto]

Campionati lussemburghesi, prova Juniores
Campionati lussemburghesi, prova Juniores

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

2016: 6º
2017: 8º
2014: non partito (19ª tappa)
2017: 42º

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

2014: 62º
2015: 82º
2018: vincitore

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Copenaghen 2011 - Cronometro Under-23: 16º
Limburgo 2012 - Cronometro Under-23: 12º
Limburgo 2012 - In linea Under-23: 102º
Toscana 2013 - Cronosquadre: 5º
Toscana 2013 - Cronometro Elite: 33º
Toscana 2013 - In linea Elite: ritirato
Doha 2016 - Cronosquadre: vincitore
Doha 2016 - Cronometro Elite: 10º
Doha 2016 - In linea Elite: ritirato
Bergen 2017 - Cronosquadre: 4º
Bergen 2017 - Cronometro Elite: 11º
Bergen 2017 - In linea Elite: 71º

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Bob Jungels, www.radioshackleopardtrek.com. URL consultato il 7 aprile 2013.
  2. ^ gazzetta.it, http://www.gazzetta.it/Ciclismo/09-10-2016/mondiale-cronosquadre-uomini-etixx-torna-campione-seconda-bmc-caldo-stremati-170366896621.shtml.
  3. ^ procyclingstats.com, http://www.procyclingstats.com/race/Tirreno-Adriatico_2017.
  4. ^ cyclingnews.com, http://www.cyclingnews.com/races/la-fleche-wallonne-2017/results/.
  5. ^ cyclingnews.com, http://www.cyclingnews.com/giro-ditalia/stage-3/results/.
  6. ^ cyclingnews.com, http://www.cyclingnews.com/giro-ditalia/stage-4/results/.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]