Lucrezia d'Este

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri personaggi con questo nome, vedi Lucrezia d'Este (disambigua).
Lucrezia d'Este
Lucrezia d'Este.jpg
Ritratto di Lucrezia d'Este attribuito a Federico Zuccari.
Duchessa consorte di Urbino
In carica 1599 - 1631
Predecessore Vittoria Farnese
Successore Livia Della Rovere
Trattamento Sua Altezza Serenissima
Altri titoli Principessa di Ferrara,
Modena e Reggio
Nascita 16 dicembre 1535
Morte 1598
Luogo di sepoltura Monastero del Corpus Domini, Ferrara
Dinastia Este
Padre Ercole II d'Este
Madre Renata di Francia
Consorte di Francesco Maria II della Rovere
Religione Cattolicesimo

Lucrezia d'Este (16 dicembre 15351598) fu una nobile ferrarese e duchessa di Urbino dal 1570 al 1578.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era la figlia terzogenita del duca di Ferrara Ercole II d'Este e di sua moglie la principessa Renata di Francia, figlia di Luigi XII di Francia e di Anna di Bretagna.

Suoi nonni paterni furono Alfonso I d'Este e Lucrezia Borgia, figlia del papa Alessandro VI. Suo fratello maggiore Alfonso II d'Este ereditò il ducato di Ferrara.

A Lucrezia d'Este e a sua sorella Leonora Torquato Tasso dedicò la lirica O figlie di Renata.

Monastero del Corpus Domini (Ferrara): tomba di Lucrezia d'Este.

Amante delle arti e della vita mondana, il 18 febbraio 1570 sposò Francesco Maria II della Rovere, duca di Urbino. Il matrimonio durò otto anni e fu infelice a causa della notevole differenza di età: Francesco Maria era nettamente più giovane. Non fu tuttavia l'unico problema. Prima del matrimonio Lucrezia aveva avuto una relazione con il conte Ercole Contrari, continuata anche dopo le nozze. Non appena Alfonso II lo venne a sapere, ordinò che il conte venisse strangolato in sua presenza. Le abitudini extra-coniugali di Lucrezia non cessarono però nemmeno allora, dal momento che intrattenne poi un rapporto amoroso con il conte Luigi Montecuccoli.[1]

Nel 1578 fu sancita la separazione, ma non l'annullamento e Lucrezia tornò a Ferrara.

Morì nel 1598. Solo allora il marito fu in condizione di risposarsi con Livia della Rovere, di 36 anni più giovane, per tentare di assicurare un erede al ducato.

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Ducato di Ferrara
Este
Coat of arms of the House of Este (1535).svg

Borso
Ercole I
Figli
Alfonso I
Figli e nipoti
Ercole II
Alfonso II
Modifica
Lucrezia d'Este Padre:
Ercole II d'Este
Nonno paterno:
Alfonso I d'Este
Bisnonno paterno:
Ercole I d'Este
Trisnonno paterno:
Niccolò III d'Este
Trisnonna paterna:
Ricciarda di Saluzzo
Bisnonna paterna:
Eleonora d'Aragona
Trisnonno paterno:
Ferdinando I di Napoli
Trisnonna paterna:
Isabella di Clermont
Nonna paterna:
Lucrezia Borgia
Bisnonno paterno:
Papa Alessandro VI
Trisnonno paterno:
Jofre de Borja Lanzol
Trisnonna paterna:
Isabel de Borja
Bisnonna paterna:
Vannozza Cattanei
Trisnonno paterno:
Giacomo Conte dei Cattanei
Trisnonna paterna:
Mencia Pinctoris
Madre:
Renata di Francia
Nonno materno:
Luigi XII di Francia
Bisnonno materno:
Carlo d'Orléans
Trisnonno materno:
Luigi I di Valois-Orléans
Trisnonna materna:
Valentina Visconti
Bisnonna materna:
Maria di Clèves
Trisnonno materno:
Adolfo I di Kleve
Trisnonna materna:
Maria di Borgogna
Nonna materna:
Anna di Bretagna
Bisnonno materno:
Francesco II di Bretagna
Trisnonno materno:
Riccardo, conte d'Etampes
Trisnonna materna:
Margherita d'Orléans
Bisnonna materna:
Margherita di Foix
Trisnonno materno:
Gastone IV di Foix
Trisnonna materna:
Eleonora I di Navarra

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L. Tonelli, Tasso, Torino, Paravia, 1935, p. 72

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mariella Carpinello, Lucrezia d'Este. Duchessa di Urbino, Milano, Rusconi, 1988
  • Gerolamo Melchiorri, Donne illustri ferraresi dal Medioevo all'Unità, a cura di Graziano Gruppioni, prefazione Enrica Guerra, Ferrara, 2G Editrice, 2014, ISBN 978-88-89248-18-8.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN10646292 · ISNI (EN0000 0000 3026 5473 · LCCN (ENn88056115 · BNF (FRcb121051781 (data)