Chiesa del Gesù (Ferrara)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa del Gesù (già San Michele nel Gesù)
Ferrara, san michele del gesù.JPG
Facciata della chiesa
StatoItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna
LocalitàFerrara
Religionecattolica
Arcidiocesi Ferrara-Comacchio
Stile architettonicorinascimentale
Inizio costruzione1570

Coordinate: 44°50′20.69″N 11°37′16.19″E / 44.839081°N 11.621164°E44.839081; 11.621164

La chiesa del Gesù si trova a Ferrara, in via Borgo dei Leoni 56.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Interno

Venne edificata per i Padri Gesuiti nel 1570, su progetto di Alberto Schiatti o forse Giovanni Tristano In seguito alla soppressione della Compagnia del Gesù, avvenuta nel 1773, la chiesa ed il collegio furono affidati ai padri somaschi. Nel 1933 l'arcivescovo Ruggero Bovelli trasferì il Priorato di San Michele nella chiesa del Gesù. Quindi assunse il nome di San Michele nel Gesù. La chiesa fu danneggiata durante i bombardamenti del 1944. Nel 1986 la parrocchia modificò ancora una volta l'intitolazione passando da "San Michele nel Gesù" a quella attuale[1].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Esterno[modifica | modifica wikitesto]

L'austera facciata presenta il paramento in laterizio tipico dell'architettura ferrarese.

Interno[modifica | modifica wikitesto]

Guido Mazzoni, Compianto sul Cristo morto

L'interno è a navata unica e conserva alcune pregevoli opere d'arte, come l'Annunciazione del Bastarolo del (1585ca.) situata nella prima cappella a destra. Le due pale del bolognese Giuseppe Maria Crespi raffiguranti la Comunione di san Stanislao Kostka alla presenza di san Luigi Gonzaga (1727) e il Miracolo di san Francesco Saverio (1729) sono visibili rispettivamente nella seconda e nella terza cappella a destra.

Alla sinistra dell'ingresso spicca il gruppo scultoreo quattrocentesco in terracotta policroma di Guido Mazzoni, rappresentante il Compianto sul Cristo morto, in origine collocato nella chiesa di Santa Maria della Rosa (danneggiata dai bombardamenti della seconda guerra mondiale e poi demolita negli anni Cinquanta). L'opera di Mazzoni nota anche con il nome in dialetto ferrarese Pianzun d'la Rosa, dopo la mostra del Rinascimento ferrarese del 1933, fu spostata nell'attuale sede ritenuta più prestigiosa[2].

Nella prima cappella di sinistra troviamo un'altra opera del Bastarolo il Dio Padre benedicente un tempo cimasa di una Crocifissione andata distrutta nel 1944. La cappella successiva ospita una pala dipinta da Giuseppe Ghedini con santi gesuitici: Miracolo di san Francesco Borgia e san Francesco Regis (1758).

Il monumento sepolcrale alla duchessa Barbara d'Austria, moglie di Alfonso II d'Este, deceduta nel 1572 si trova dietro l'altare maggiore. Il mausoleo fu terminato vent'anni dopo la sua morte ed è attribuito a Francesco Casella su disegno dell'umanista e antiquario di corte Pirro Ligorio[3].

Si conservano anche opere di Parolini.

Sopra l'ingresso principale in cantoria è collocato l'organo, costruito da Gianni Ferraresi nel 1976 (Opus VII), a trasmissione elettrica e con 25 registri.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Parrocchia del Gesù http://siusa.archivi.beniculturali.it/cgi-bin/pagina.pl?TipoPag=prodente&Chiave=26139
  2. ^ G. Sassu, Iconografie gesuitiche e lo "scomodo" ospite Guido Mazzoni, in Le chiese di Ferrara: storia, arte e fede, 2013, p.65
  3. ^ G. Sassu, 2013, p. 64

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Antenore Scalabrini, Memorie istoriche delle chiese di Ferrara e de' suoi borghi munite, ed illustrate con antiche inediti monumenti, che possono servire all'Istoria Sacra della suddetta Città dedicate al nobil uomo il signor conte Francesco Greco in Ferrara MDCCLXXIII per Carlo Coatti con licenza de' superiori, 1773, pp. 132–139
  • Alberto Guzzon, Paola Poggipollini (a cura di), Chiese e Monasteri di Ferrara, Devozione Storia Arte di una Città della Fede, Ferrara, Comunicarte, 2000, pp. 167-170, ISBN 8887527067.
  • Anna Maria Visser Travagli (a cura di), Guido Mazzoni. il Compianto sul Cristo morto nella Chiesa del Gesù a Ferrara. l'opera e il restauro, Ferrara, Centro Di, 2003, ISBN 8870383954.
  • Ottani Simonetta, Parrocchia del Gesù, su SIUSA Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche, Ministero per i beni e le attività culturali, 18 maggio 2005 prima redazione. URL consultato il 7 maggio 2015.
  • Giovanni Sassu e Francesco Scafuri, Le chiese di Ferrara: storia, arte e fede, Ferrara, Ferrara arte, 2013, pp. 56-67, ISBN 9788889793176.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]