Alda d'Este

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alda d'Este
ALDA D'ESTE.jpg
Signora consorte di Mantova
Stemma
Stemma
In carica 1356 –
1381
Predecessore Beatrice di Bar
Successore Agnese Visconti
Nascita Ferrara, 1333
Morte Mantova, 26 settembre 1381
Luogo di sepoltura Chiesa di San Francesco (Mantova)
Dinastia Estensi
Padre Obizzo III d'Este
Madre Lippa Ariosti
Consorte Ludovico I Gonzaga
Figli Elisabetta, Francesco

Alda d'Este (Ferrara, 1333Mantova, 26 settembre 1381) è stata una nobile italiana.

Alda d'Este.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Mantova, Palazzo Ducale, Bonino da Campione, lastra tombale di Alda d'Este.

Era figlia figlia di Obizzo III, marchese di Ferrara dal 1326 e di Lippa Ariosti.

Alla sua morte, nel 1381, il marito Ludovico I Gonzaga, fece erigere il suo monumento funebre nella Chiesa di San Francesco, che venne distrutto nel 1802.[1]

Nelle collezioni di Palazzo Ducale a Mantova (Appartamento di Guastalla in Corte Vecchia), è presente la scultura funebre in marmo di Alda d'Este attribuita a Bonino da Campione, che dagli inizi dell'Ottocento era ritenuta di Margherita Malatesta.[2]

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1356 aveva sposato Ludovico Gonzaga, terzo capitano del popolo di Mantova, dal quale ebbe due figli:

  • Elisabetta (†1432), andata in sposa a Carlo I Malatesta, signore di Rimini;
  • Francesco (1366-1407), che gli successe come quarto Capitano del Popolo di Mantova.

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Obizzo II d'Este Rinaldo I d'Este  
 
 
Aldobrandino II d'Este  
Jacopina Fieschi  
 
 
Obizzo III d'Este  
Tobia Rangoni  
 
 
Alda Rangoni  
Caracosa Lupi di Soragna  
 
 
Alda d'Este  
Bonifazio Ariosto  
 
 
Jacopo Ariosto  
...  
 
 
Lippa Ariosti  
...  
 
 
...  
 
 
 
 

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuseppe Amadei e Ercolano Marani (a cura di), I ritratti gonzagheschi della collezione di Ambras, Mantova, 1980, ISBN non esistente.
  2. ^ La scultura funebre per Alda d'Este.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Adelaide Murgia, I Gonzaga, Milano, Mondadori, 1972. ISBN non esistente
  • Giuseppe Amadei e Ercolano Marani (a cura di), I ritratti gonzagheschi della collezione di Ambras, Mantova, 1980, ISBN non esistente.
  • Luigi Pescasio, Enciclopedia delle curiosità mantovane, Mantova, 2005.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Signora consorte di Mantova Successore Coat of arms of the House of Gonzaga (1328-1389).svg
Beatrice di Bar 1356-1381 Agnese Visconti