Rinaldo d'Este (1618-1672)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rinaldo d'Este
cardinale di Santa Romana Chiesa
Rinaldo d' Este.png
Ritratto del cardinale d'Este
Template-Cardinal (Bishop).svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato1618 a Modena
Nominato vescovo5 dicembre 1650 da papa Innocenzo X
Consacrato vescovo19 novembre 1651 dal vescovo Roberto Fontana
Creato cardinale16 dicembre 1641 da papa Urbano VIII
Deceduto30 settembre 1672 a Modena
 

Rinaldo d'Este (Modena, 1618Modena, 30 settembre 1672) è stato un cardinale e vescovo cattolico italiano. Era figlio del duca Alfonso III d'Este e di Isabella di Savoia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giovanissimo iniziò dapprima la carriera militare ma poi ebbe la chiamata e prese i voti.

Nel 1629 Alfonso abdicò e il ducato passò al fratello maggiore di Rinaldo Francesco I d'Este.

Nel concistoro del 16 dicembre 1641 fu nominato cardinale da papa Urbano VIII ma ricevette il titolo di Cardinale diacono di Santa Maria della Scala solo il 28 novembre 1644, optando subito dopo (12 dicembre) per quello di San Nicola in Carcere e, fino alla nomina del cardinale Camillo Francesco Maria Pamphilj da parte di Innocenzo X, fu il porporato italiano più giovane.

Nel 1650 venne nominato vescovo di Reggio Emilia, carica che tenne fino al 1660 e nel 1653 anche vescovo di Montpellier, carica che tenne per due anni.

Nel 1661 divenne abate commendatario di Cluny, di San Vaast e di altre abbazie in Italia ed in Francia.

Tornò a governare il ducato in varie occasioni in cui suo fratello era impegnato a combattere all'estero. Francesco morì nel 1658 e a succedergli fu suo figlio Alfonso IV. Fu inoltre reggente anche per il nipote Francesco II d'Este, figlio di Alfonso IV e succeduto al padre a due anni nel 1662.

Fu cardinale protodiacono dal 1666 al 1668 e in tale carica annunciò l'elezione di papa Clemente IX.

Nel 1668 divenne cardinale presbitero di Santa Pudenziana ed il 18 marzo 1671 divenne cardinale protopresbitero per cui passò al titolo di San Lorenzo in Lucina. Il 24 agosto dello stesso anno divenne cardinale vescovo di Palestrina.

Morì il 30 settembre 1672 a Modena e la sua salma fu inumata nella chiesa dei Cappuccini di quella città. Nel 1838 i suoi resti vennero traslati nella chiesa di San Vincenzo martire.

Genealogia episcopale e successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

La genealogia episcopale è:

La successione apostolica è:

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Alfonso d'Este Alfonso I d'Este  
 
Laura Dianti  
Cesare d'Este  
Giulia Della Rovere Francesco Maria I Della Rovere  
 
Eleonora Gonzaga Della Rovere  
Alfonso III d'Este  
Cosimo I de' Medici Giovanni dalle Bande Nere  
 
Maria Salviati  
Virginia de' Medici  
Camilla Martelli Antonio Martelli  
 
Fiammetta Soderini  
Rinaldo d'Este  
Emanuele Filiberto di Savoia Carlo II di Savoia  
 
Beatrice d'Aviz  
Carlo Emanuele I di Savoia  
Margherita di Valois Enrico II di Francia  
 
Caterina de' Medici  
Isabella di Savoia  
Filippo II di Spagna Carlo V d'Asburgo  
 
Isabella d'Aviz  
Caterina Michela d'Asburgo  
Elisabetta di Valois Enrico II di Francia  
 
Caterina de' Medici  
 

Conclavi[modifica | modifica wikitesto]

Durante il suo cardinalato Rinaldo d'Este partecipò ai seguenti conclavi:

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN27826456 · GND (DE116590181 · CERL cnp00386861 · WorldCat Identities (ENviaf-27826456