Villa Ferri (San Felice sul Panaro)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Villa Ferri
Casino del Duca ora Villa Ferri parte frontale.jpg
L'ex casino del Duca nel 2018
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna
LocalitàSan Felice sul Panaro
Indirizzovia Martiri della Libertà , 7
Coordinate44°50′16.65″N 11°08′34.64″E / 44.837958°N 11.142955°E44.837958; 11.142955Coordinate: 44°50′16.65″N 11°08′34.64″E / 44.837958°N 11.142955°E44.837958; 11.142955
Informazioni generali
Condizioniinagibile
CostruzioneXVI secolo
Distruzionemaggio 2012
Ricostruzione1839-1847
Stileneoclassico
Piani4
Realizzazione
ArchitettoGiacomo Parisi
CommittenteFrancesco IV d'Asburgo-Este

Villa Ferri, nota anche come Casino di caccia del Duca o Real casino estense, è un edificio storico situato a San Felice sul Panaro, in provincia di Modena.

Edificio cinquecentesco rifatto nel XIX secolo in fogge neoclassiche, l'edificio è appartenuto agli Estensi e utilizzato quale dimora per le bandite di caccia nel Bosco della Saliceta.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il giardino di Villa Ferri

Notizie dell'edificio si hanno già a partire dal 1669.

Francesco IV d'Asburgo-Este, penultimo duca di Modena, acquistò il palazzo nel 1821 e fece ricostruire ed ampliare dal 1838 al 1847 dall'ingegnere Giacomo Parisi l'antica palazzina cinquecentesca per donarla al figlio (futuro Francesco V) in occasione del suo matrimonio.[2]

All'inizio del XX secolo la proprietà passò all'imprenditore Alessandro Martini, mentre nel 1909 la villa venne acquistata dal senatore socialista Giacomo Ferri, già sindaco del paese.[3]

Fino alla metà degli anni 1980 erano presenti appartamenti dati in affitto.

Nel 1993 la villa venne acquistata dall'azienda Reggiani Costruzioni, con l'intento di ristrutturare gli appartamenti esistenti da destinare a edilizia residenziale. Tuttavia, la Sovrintendenza ha negato l'autorizzazione, per l'importanza storica dell'edificio, che avrebbe dovuto essere reso disponibile alle visite pubbliche.

Dopo decenni di abbandono e degrado, Villa Ferri è stata ulteriormente danneggiata dal violento terremoto dell'Emilia del 2012.

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Il complesso architettonico, arricchito da un timpano a mezzogiorno e da un accesso balconato, rappresenta un esempio di architettura delle dinastie dell'Ancien Régime dell'Emilia. Si sviluppa su quattro piani, per un totale di 45 stanze e circa 2000 metri quadrati.

All'interno le stanze sono decorate con stucchi e apparati a carta; nella Sala ovale, ambiente di rappresentanza, il soffitto è monocromo a grisaille su fondo ocra e verdino con medaglioni, fregi e volute.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Modena e provincia: le regge del ducato estense, Carpi, Vignola, Nonantola, Touring club italiano, 1999, p. 67, ISBN 9788836513550.
  2. ^ a b Casino del duca, su Modena è, Provincia di Modena. URL consultato il 28 dicembre 2018.
  3. ^ Michele Fuoco, San Felice, degrado del "Real Casino": I progetti naufragati, in Gazzetta di Modena, 22 gennaio 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Davide Calanca, La nuova estate del Real casino estense di San Felice sul Panaro, Finale Emilia, Baraldini editore, 2004, SBN IT\ICCU\LO1\1007683.
  • Davide Calanca, Indagini storiche e architettoniche per un progetto di restauro del Real Casino Estense di San Felice sul Panaro, in Quaderni della Bassa Modenese, nº 47, 2005, pp. 31-40.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]