Bradamante d'Este

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ducato di Ferrara
Este
Coat of arms of the House of Este (1535).svg

Borso
Ercole I
Figli
Alfonso I
Figli e nipoti
Ercole II
Alfonso II
Modifica

Bradamante d'Este (1550Ferrara, 1624) è stata una nobile italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia naturale di Francesco d'Este, nel 1575 sposò Ercole Bevilacqua, cameriere segreto e consigliere di Stato e di guerra del duca di Ferrara Alfonso II d'Este. Costui, nel 1590, venne intimato di lasciare Ferrara a causa delle ire scatenate dal marito Ercole Trotti, per essersi il Bevilacqua invaghito di sua moglie Anna Guarini, cantante di corte. Si stabilì a Sassuolo e rientrò in città nel 1598, solo dopo la morte del duca Alfonso, con la devoluzione di Ferrara allo Stato Pontificio,[1] grazie anche ai favori del parente cardinale Bonifazio Bevilacqua Aldobrandini. Bradamante però non seguì mai il marito.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Bradamante ed Ercole ebbero dodici figli:

  • Ernesto (1578-1624), militare al servizio degli Estensi, 1º Marchese di Bismantova e conte di Maccastorna
  • Carlo (1579-1640), religioso
  • Eleonora (1580-?)
  • Francesco (1585-1629), militare al servizio degli Estensi, 2º Marchese di Bismantova e conte di Maccastorna
  • Lucrezia (1587-1607)
  • Alessandro (1588-1606, conte di Maccastorna
  • Camillo (1590-1593), conte di Maccastorna
  • Sigismondo (1591-1607), cavaliere dell'Ordine di Malta
  • Eleonora (1593-?), monaca
  • Camilla (1595-?)
  • Camillo (1597-1645), conte di Maccastorna e militare al servizio degli Estensi
  • Margherita, monaca

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luciano Chiappini, Gli Estensi, Varese, 1988.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. D'Este, Torino, 1835, ISBN non esistente.
  • Luciano Chiappini, Gli Estensi, Varese, 1988. ISBN non esistente
  • Luigi Ughi, Dizionario storico degli uomini illustri ferraresi, Ferrara, 1804.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]