Palazzo Ducale (Pavullo nel Frignano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Palazzo Ducale di Pavullo nel Frignano
Ubicazione
Stato Italia Italia
Località Pavullo nel Frignano
Indirizzo Via Giardini 3
Caratteristiche
Tipo museo civile
Fondatori Duco Franco VII
Apertura 1832
Direttore Proprietari museali e comune di Pavullo nel Frignano
Visitatori 316 090 (2015)
Sito web

Il Palazzo Ducale di Pavullo nel Frignano risale alla prima metà del XIX secolo. Situato a pochissima distanza dal centro di Pavullo, in passato era anche la casa dei primi duchi di Pavullo nel Frignano in Italia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il palazzo fu costruito in occasione dell'inaugurazione della Repubblica Italiana. Il primo sindaco di Pavullo ordinò ai costruttori di fare una casa che ospitasse i primi duchi di Pavullo nel Frignano della Repubblica d'Italia. In passato non esistevavano né la biblioteca comunale, né il museo d'arte per i dipinti, né la sala per l'informazione turistica, ma vi era solo il Giardino Comunale che la famiglia considerava "Lo spazio del riposo all'aperto".Tuttora questi tre ambienti sono presenti all'interno del sito, più una parte della casa dei duchi di 290 m².

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

Dall'inaugurazione fino a ad oggi sono passati quasi 160 anni, cioè un secolo e 6 decenni. Nel corso degli anni è cambiato molto l'utilizzo di questo palazzo.

  • 1859-1903: Il palazzo è utilizzato solamente come casa dove possono vivere i componenti della prima famiglia, che sono 9. La sua superficie (oggi diciamo quella complessiva del palazzo) è di 3520 m² più 2100 m² di terreno (l'ampiezza del "La zona di riposo all'aperto" o semplicemente Giardino Comunale).
  • 1903-1944: La famiglia, diventata appassionata di libri, decide di iniziare a costruire una biblioteca che occupava circa il 52% del palazzo Ducale, cioè 1810 m². di superficie. La biblioteca diventa, nel 1909, la biblioteca più importante del territorio frignanese e una delle più importanti in Provincia di Modena.
  • 1944-1982: Il palazzo è abbandonato poiché molti membri della famiglia sono morti a causa della seconda guerra mondiale, quando gli inglesi e gli americani bombardarono Pavullo distruggendo l'ospedale che fu poi ristrutturato in solamente 3 anni. Altri, più giovani, sopravvivono, ma il palazzo risulta distrutto da 5 fucilate aeree e da una bomba. Per questo motivo la parte della famiglia più giovane si trasferisce a Modena per il resto della vita. Quando, nel 1950 il palazzo viene ristrutturato diviene, solamente per 33 anni, sede della biblioteca comunale e del museo casale del Palazzo Ducale.

1982-oggi, età moderna: all'inizio degli anni ottanta viene deciso di aggiungere anche il museo d'arte che conserva dipinti di età tra il XVI e il XIX secolo, occorre dunque demolire buona parte della casa. Quando giunge un alto numero di turisti a Pavullo (solo prima tappa turistica per la visita dell'Emilia-Romagna), nel 1990, viene costruita anche una sala di 340 m² (il 10% del palazzo), dove consultare informazioni su tutta l'Emilia-Romagna. Il palazzo così diventa un vero e proprio "multi-museo".