Pinacoteca nazionale (Ferrara)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pinacoteca nazionale (Ferrara)
Ingresso pinacoteca nazionale palazzo Diamanti Ferrara.JPG
Ingresso Pinacoteca Nazionale di Ferrara, nel Palazzo dei Diamanti
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàFerrara
Indirizzocorso Ercole I d'Este 21
Caratteristiche
TipoArte
Apertura1836
Visitatori30 022 (2015)[1]
Sito web

Coordinate: 44°50′32.21″N 11°37′17.29″E / 44.842281°N 11.621469°E44.842281; 11.621469

Si trova nel piano nobile del Palazzo dei Diamanti e raccoglie dipinti della scuola ferrarese dal Duecento al Settecento.

L'esposizione[modifica | modifica wikitesto]

Vi si possono ammirare il Trionfo di sant'Agostino del modenese Serafino de' Serafini, la Madonna col Bambino di Gentile da Fabriano. Di Cosmè Tura sono presenti il Giudizio e il Martirio di san Maurelio). Inoltre dipinti di Ercole de' Roberti, Vicino da Ferrara e Michele Pannonio, tra i principali artisti ferraresi del Quattrocento.

Dalle collezioni estensi provengono opere di Andrea Mantegna, ad esempio il Cristo con l'animula della Madonna. Di autore incerto sono la Musa Erato e la Musa Urania, originarie dello Studiolo di Belfiore del marchese Leonello d'Este a palazzo di Belfiore.

Il Cinquecento è rappresentato da Garofalo, presente con la Pala Costabili, opera eseguita con Dosso Dossi. Del periodo manierista alcune opere di Sebastiano Filippi detto il Bastianino. Altri maestri presenti con loro opere sono Carlo Bononi, lo Scarsellino, Vittore Carpaccio, Giovanni Battista Benvenuti detto l’Ortolano, Giovanni Francesco Maineri, Domenico Panetti, Coltellini, il Maestro degli Occhi Spalancati ed altri.

Tra le opere più importanti del Seicento va menzionato il Martirio di San Maurelio (1635) del Guercino.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dati visitatori 2015 (PDF), su beniculturali.it. URL consultato il 15 gennaio 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENn82029577 · BNF (FRcb12323904z (data) · WorldCat Identities (ENn82-029577