Beatrice d'Este (1268-1334)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri personaggi con questo nome, vedi Beatrice d'Este (disambigua).
Beatrice d'Este
Beatrice d'Este lady of Milan.jpg
Beatrice d'Este in una miniatura
Signora consorte di Milano
Stemma
In carica 24 giugno 1322
6 agosto 1328
Predecessore Bonacossa Borri
Successore Caterina di Savoia-Vaud
Giudicessa consorte di Gallura
In carica ? –
1296
Predecessore Giovanna della Gherardesca
Successore Tutolo estinto
Reggente di Piacenza
In carica giugno 1322 –<br /?ottobre 1322
Nascita Ferrara, Ducato di Ferrara (oggi Italia), 1268 circa
Morte Milano, Ducato i Milano (oggi Italia), 15 settembre 1334
Sepoltura Chiesa di San Francesco Grande, Milano
Dinastia Este
Padre Obizzo II d'Este
Madre Jacopina Fieschi
Consorte Nino Visconti,
Galeazzo I Visconti
Figli Giovanna
Azzone
Ricciarda
Religione Cattolicesimo

Beatrice d'Este (Ferrara, circa 1268Milano, 15 settembre 1334) è stata una nobildonna italiana, giudicessa di Gallura, per il primo matrimonio, e signora di Milano, per il secondo matrimonio.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

«[...] Non credo che la sua madre più m’ami, poscia che trasmutò le bianche bende, le quai convien che, misera!, ancor brami.

Per lei assai di lieve si comprende quanto in femmina foco d’amor dura, se l’occhio o ‘l tatto spesso non l’accende.

Non le farà sì bella sepultura la vipera che Melanesi accampa, com’avria fatto il gallo di Gallura (Purgatorio VIII, 73-81)»

Nacque a Ferrara nel 1268, figlia di Obizzo II d'Este (ca. 1247-1293), marchese d'Este, signore di Ferrara, Modena e Reggio, e Jacopina Fieschi.

Si sposò per la prima volta con il pisano Nino Visconti, giudice di Gallura in Sardegna, dal quale ebbe una figlia, Giovanna. Beatrice (da non confondere con Beatrice Portinari, la musa di Dante) è la moglie senza nome del "giudice Nin gentil" che la ricorda insieme alla figlia Giovanna nell'VIII canto del Purgatorio (Divina Commedia). Infatti Nino chiede a Dante di andare a dire alla giovane figlia di pregare Dio per alleviare la sua pena in Purgatorio, inoltre ricorda la moglie, dicendo che ella s'è tolta presto le "bianche bende" vedovili e s'è risposata con un altro Visconti (del ramo milanese); bende che farebbe meglio a rimpiangere, in quanto, a causa del nuovo marito, dovrà patire l'esilio e, quando morirà, il suo sepolcro non sarà ornato con il ben più nobile gallo di Gallura, ma con la "vipera Melanesi", emblema di forza e frode.

Dopo la morte del marito, avvenuta nel 1296, fu promessa a un figlio di Alberto Scotti, signore di Piacenza, ma il 24 giugno 1300, per un maggior profitto, si sposò in seconde nozze a Modena con Galeazzo I Visconti (1277-1328), di circa dieci anni più giovane e figlio di Matteo I Visconti, signore di Milano.

Fu in esilio insieme al marito, al suocero e a tutta la dinastia dei Visconti di Milano dal 1302 al 1311. Rientrati in città, nel 1313 l'imperatore Enrico VII di Lussemburgo nominò il marito Galeazzo vicario imperiale di Piacenza, il quale, ben presto, divenne signore della città emiliana.

Nel mese di giugno 1322, Matteo I, settantenne e ormai stanco, venne sostituito al governo di Milano da Galeazzo e si ritirò. Galeazzo lasciò il governo di Piacenza alla moglie Beatrice e a suo figlio Azzone. Nel mese di ottobre, Azzone e sua madre dovettero però fuggire dalla città in rivolta e rifugiarsi a Cremona. Matteo I morì e, il 24 giugno 1322, Galeazzo fu proclamato signore di Milano dall'assemblea popolare.

Nel 1327, l'imperatore Ludovico il Bavaro depose Galeazzo, che fu cacciato da Milano ed imprigionato con il figlio Azzone nel castello di Monza. La famiglia si rifugiò a Lucca con il condottiero Castruccio Castracani. Il 6 agosto 1328, Beatrice tornò vedova, mentre il 15 gennaio 1329, suo figlio Azzone venne proclamato signore di Milano.

Beatrice morì il 15 settembre 1334 a Milano e fu sepolta nella Chiesa di San Francesco Grande della città. Pare che sul suo sepolcro fece scolpire sia il gallo di Gallura sia il biscione di Milano, in modo da smentire il già popolare canto di Dante, che aveva contrapposto i due emblemi[1]. La chiesa fu demolita nel 1806.

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Azzo VII d'Este Azzo VI d'Este  
 
Alisia d'Antiochia  
Rinaldo I d'Este  
Giovanna di Puglia  
 
 
Obizzo II d'Este  
 
 
 
Adelaide da Romano  
 
 
 
Beatrice d'Este  
 
 
 
 
 
 
 
Jacopina Fieschi  
 
 
 
 
 
 
 
 

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Dal matrimonio con Nino Visconti nacque una figlia:

Dal matrimonio con Galeazzo I Visconti nacquero due figli:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Enciclopedia Treccani, Este, Beatrice d' di Eugenio Chiarini, citazione di Donadoni (Enciclopedia Dantesca).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]