Tommaso II di Saluzzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Intanto agli occhi di Saluzzo un nuovo
Si compiva infortunio. In man degli empi
Cade la rocca stessa; e prigioniero
Indi co’ dolci figli esce Tommaso »
(Silvio Pellico, La Presa di Saluzzo)
Marchesato di Saluzzo
Del Vasto
Argent a chief azur.svg

Manfredo I
Figli
Manfredo II
Figli
Manfredo III
Figli
Tommaso I
Figli
Manfredo IV
Figli
Manfredo V
Federico I
Figli
Tommaso II
Figli
Federico II
Figli
  • Tommaso III
  • Amedeo
  • Ugo
  • Bernardo
  • Roberto
  • Giacomo
  • Polia
  • Violante
  • Constanza
  • Giovanna, naturale
  • Franceschina, naturale
  • Margherita, naturale
Tommaso III
Figli
Ludovico I
Figli
  • Ludovico II
  • Federico
  • Margherita
  • Gian Giacomo
  • Antonio
  • Carlo Domenico
  • Bianca
  • Amedea
  • Luigia
  • Tommaso, naturale
  • Pietro, naturale
Ludovico II
Michele Antonio
Figli
  • Anna, naturale
Giovanni Ludovico
Figli
  • Augusto, naturale
  • Francesco, naturale
  • Michele, naturale
Francesco
Figli
  • Michele, naturale
  • Antonio, naturale
  • Aleramo, naturale
Gabriele
Figli
  • Ettore, naturale

Tommaso II del Vasto (1304Saluzzo, 18 agosto 1357) fu marchese di Saluzzo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La sua successione al padre fu aspramente contrastata dallo zio, Manfredo V, che era stato nominato marchese dal padre Manfredo IV e che era stato sconfitto nella successiva lotta per il trono dal fratello Federico.

Federico, però, governò pochissimo e la questione dinastica si riaperse. Manfredo si circondò di un notevole esercito, finanziato dai guelfi di Roberto I di Napoli, e marciò su Saluzzo nel 1341. Tommaso e i ghibellini che lo sostenevano non riuscirono a difendere la città, che cadde il 13 aprile. Il giorno successivo Manfredo V ordinò il sacco, mettendo a ferro e fuoco Saluzzo e devastando anche il castello. Tali avvenimenti bellici furono narrati da Silvio Pellico, nell'ode La presa di Saluzzo. Così egli ricorda l'incendio della città:

« Repente una perfidia
Entro le mura di Saluzzo avvenne,

Che affrettò la caduta. In varii alberghi
Scoppian incendi orribili ed il volgo
De’ cittadini si sgomenta, accoglie
Di calunnia le voci. Un grido s’alza
Esser Tommaso degl’incendi autore,
Affinché al buon Manfredo omai vincente
Nulla Saluzzo fuorché cener resti. »

Tommaso si consegnò nelle mani del siniscalco angioino Beltrando del Balzo (De Baux) pur di non trattare con lo zio: il marchese venne dunque incarcerato, ma venne liberato dopo un anno in seguito al pagamento di un pesante riscatto con i soldi presi a prestito, attraverso gli uffici della Badessa di Rifredi, dal banchiere Oddino Granetto di Carmagnola.

Infatti, in seguito alla sconfitta di Gamenario dell'esercito angioino, il potere di Roberto I iniziò rapidamente a dissolversi. Privo dei suoi sostenitori e minacciato dai Visconti, Manfredo V decise di riconsegnare il trono al nipote, che per prima cosa decise di allearsi con i Monferrato al fine di minare sempre di più la potenza angioina.

Nel tentativo di recuperare i suoi territori invasi durante la guerra civile, Tommaso II si alleò e si trovò contro in fasi alterne i Savoia e gli Acaia, lasciando in eredità al figlio Federico II un marchesato dal futuro incerto. Tra queste alleanze va ricordata quella con Aimone di Savoia ed Azzone Visconti, che gli valse la partecipazione di un gruppo di suoi militari alla battaglia di Parabiago (21 febbraio 1339).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gabriele Bucci «Memoriale quadripartitum» di Gabriele Bucci da Carmagnola, a cura di F. Curlo, Pinerolo. 1911
  • Pietro Granetto (Petrus Granetius) Stylus regius Galliarum iuridicus olim Salucianis præscriptus. Burgi Sebusianorum (Bourg en Bresse), Jean Tainturier, 1630
  • Lodovico Dalla Chiesa (1568-1621).Relazione dello stato presente del Piemonte": 1635
  • Grato Molineri, "Serie, e vita dei marchesi di Saluzzo" 1766, (ristampa anastatica e trascrizione del manoscritto di Grato Molineri eseguita dalla litografia AGAM di Cuneo in mille esemplari numerati, Agami, 1997)
  • Delfino Muletti, Carlo Muletti "Memorie storico-diplomatiche appartenenti alla città ed ai marchesi di Saluzzo", Lobetti-Bodoni, 1830
  • Goffredo Casalis, a cura di, Dizionario Geografico Storico-Statistico-Commerciale degli Stati di S. M. il Re di Sardegna, Compilato per cura del professore e dottore di belle lettere Goffredo Casalis, Torino, 1833-1856, in 28 Volumi, di volta in volta pubblicati presso codesti editori torinesi: G. Maspero librajo e Cassone, Marzorati, Vercellotti tipografi. (ristampato Nabu Press, 2011)
  • Carlo Beltrami, "I Marchesi Di Saluzzo e i loro successori", 1885 (ristampato da Kessinger Publishing, 2010)
  • Giuseppe Manuel di San Giovanni, "Memorie storiche di Dronero e della valle di Maira", Tipografia subalpina 1868
  • Raffaello Menocchio, Le Memorie storiche della città di Carmagnola, Torino, 1890
  • Costanzo Rinaudo, "Centenario della fondazione di Cuneo: memorie storiche", Roux Frassati e Company, 1898
  • Armando Tallone, "Tommaso I, marchese di Saluzzo (1244-1296): monografia storica con appendice di documenti inediti", tip. di Bellafore e Bosco, 1916
  • Giuseppe Aldo Di Ricaldone, "Annali del Monferrato (951-1708)", La cartostampa, 1972
  • Mario Ravegnani Morosini, "Signorie e principati: monete italiane con ritratto", Maggioli, 1984
  • Piccolo archivio storico dell'antico marchesato di Saluzzo sotto il patronato del conte Ludovico di Saluzzo-Crissolo dei marchesi di Saluzzo / diretto da Domenico Chiattone; colla collaborazione di Costanzo Rinaudo, Ferdinando Gabotto, Giuseppe Roberti. - Rist. anast. - Saluzzo: Editoriale Rosso, 1987.
  • Aldo Alessandro Mola, "Saluzzo: un'antica capitale", Newton & Compton, 2001

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Marchese di Saluzzo Successore
Federico I 1336 - 1357 Federico II