Pietro Granetto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Pietro Granetto (Châteauneuf-sur-Isère, 1550 circa – Bourg-en-Bresse, 1613) è stato un avvocato e scrittore francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Chiamato anche Pierre de Granet, figlio di Antoine Louis Granet-Granetto, Barone di Rochebaudin fu cugino di Bianca Granetto di Carmagnola che sposò Teodoro Cavassa[1] (morto nel 1524). Francesco Agostino Dalla Chiesa lo chiamò "Pietro Granetto Delfinengo" mentre Giuseppe Manuel di San Giovanni "senescalco" di Gabriele di Saluzzo, ultimo signore del Marchesato di Saluzzo. Fu signore di Costigliole, Osasio e di Painessuyt. Nel 1595 fu il primo presidente del tribunale di Saluzzo, nel 1600 fu regio consigliere al Parlamento di Grenoble, poi presidente al parlamento di Bourg en Bresse dove esiste ancora una strada a lui dedicata. Nel 1588 comprò una parte del feudo di Costigliole Saluzzo da Giovanni Gioffredo Costanzia che rivenderà nel 1602 a Francesco Castiglione e a Lodovico Dalla Chiesa, senatore e consigliere del Duca Carlo Emanuele I di Savoia.

Notaio e avvocato fu autore di una Relazione storica del Piemonte: Stylus regius Galliarum iuridicus olim Salucianis præscriptus. Burgi Sebusianorum (Bourg en Bresse), Jean Tainturier, 1630. Sposò Méraude de Vachon[2] ed ebbe due figli Louis che fu magistrato e Anna che sposò Melchior de La Poype Signore di Saint- Julin, di Crémieu e di Montagnieu, capitano nelle truppe francesi di François de Bonne de Lesdiguières (1543-1626) nella guerra per la signoria del marchesato di Saluzzo

Dal testamento di suo padre[3] del 1522 si viene a sapere che il ramo dei Granet-Granetto al quale apparteneva Pietro Granetto discendeva da Jehan Granet de Grauves che nell'anno 1320 possedeva un feudo a Montegrimaux nello Champagne. Fra i personaggi della stessa famiglia[4] si ricordano: il giudice reale e siniscalco di Tolone Marc Antoine de Granet (1741-1827) e lo storico Alfred François Nettement

Portava per arma: "D'azzurro, al leone d'oro"[5]

Fonti e bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Testament de Antoine Louis Granet, fils de Gonon Granet de Champcella, 1522
  • Della Chiesa Francesco Agostino, "Corona reale di Savoia, o sia Relazione delle Provincie e Titoli ad essa appartenenti" Cuneo 1655-57
  • Samuel Guichenon, "Histoire de Bresse et de Bugey", 1650
  • Jacques Le Long, "Bibliothèque historique de la France: contenant le catalogue de tous les ouvrages, tant imprimez que manuscrits, qui traitent de l'histoire de ce Roïaume", Charles Osmont, 1719
  • Pierre-Jacques Brillon, "Dictionnaire de jurisprudence et des arrêts", 1727
  • Eusèbe de Laurière, France, Bréquigny, "Ordonnances des Rois de France de la 3e Race, recueillies par ordre chronologique", De l'imprimerie royale, 1745
  • François-Alexandre Aubert de La Chesnaye des Bois - Dictionnaire de la noblesse, contenant les généalogies, 1770
  • Revel-Charles Usages des pays de Bresse, Bugey et Gex, leurs statuts, stil et edits, divisés en deux parties, par Me Charles Revel., J.-B. Besson, 1775
  • Delfino Muletti, Carlo Muletti "Memorie storico-diplomatiche appartenenti alla città ed ai marchesi di Saluzzo", Lobetti-Bodoni, 1830
  • Historiae Patriae Monumenta, voll. I, III, E. Regio, 1840
  • Le Marquis de Magny - Livre d'or de la Noblesse ,1846 
  • Giuseppe Manuel di San Giovanni,"Memorie storiche di Dronero e della valle di Maira" 1868
  • Carrone Di San Tommaso ( Felice) Tavole genealogiche della real casa di Savoia - 1837
  • Alexandre Fauché-Prunelle, "Essai sur les anciennes institutions autonomes ou populaires des Alpes cottiennes-briançonnaises: augmenté de recherches sur leur ancien état politique et social, sur les libertés et les principales institutions du Dauphiné, ainsi que sur plusieurs points de l'histoire de cette province", C. Vellot, 1856
  • Jules Baux, "Histoire de l'Eglise de Brou", F. Martin-Bottier, 1862
  • Gustave de Rivoire de La Bâtie - Armorial du Dauphiné 1867
  • Edmond Révérend du Mesnil, Philibert Collet Armorial historique de Bresse - 1872
  • François de Bonne Lesdiguiéres (duc de), François de Bonne de Lesdiguières (duc), "Actes et correspondance du connétable de Lesdiguières", E. Allier, Imprimeur, 1878
  • Georges Vallier, Gustave Vallier, "Inscriptions campanaires du Département de L'Isère", P. Hoffmann, 1886
  • "Miscellanea di storia italiana", Regia Deputazione di storia patria, R. Deputazione sovra gli studi di storia patria per le antiche provincie e la Lombardia, R. Deputazione subalpina di storia patria, Stamperia Reale, 1887
  • François de La Poype (comte de Serrières.), "Inventaire-sommaire des anciennes archives de la maison de la Poype-Serrières dressé postérieurement à 1741", Drevet, 1888
  • Domenico Chiattone, "Piccolo archivio storico dell' antico marchesato di Saluzzo", Volume 1 - 1901
  • Carlo Evasio Patrucco, "La storia nella leggenda di Griselda", 1901
  • Faustino Curlo, " Storia della Famiglia Cavassa di Carmagnola e di Saluzzo", 1904
  • "Bollettino della società di studi valdesi, Edizioni 37-43", Tip.subalpina, 1916
  • Gabrielli-Noemi STORIA LOCALE - MARCHESATO DI SALUZZO - 1973
  • "Justice dans l'Ain sous l'Ancien Régime: répertoire numérique de la série B des Archives départementales de l'Ain. Introduction générale Province de Bresse par Paul Cattin", Archives départementales de l'Ain, 1993
  • Denise Turrel, "Villes rattachées, villes reconfigurées XVIe-XXe siècles", Maison des sciences de l'homme "villes et territoires", 2003
  • Luisa Clotilde Gentile, "Araldica saluzzese: il medioevo", Società per gli studi storici archeologici ed artistici della provincia di Cuneo, 2004
  • Rinaldo Comba, "Ludovico II marchese di Saluzzo. Condottiero, uomo di Stato e mecenate (1475-1504), Soc. Studi Stor. Archeologici, 2005

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Teodoro Cavassa era figlio di Giovanni fratello di Galeazzo Cavassa vicario Generale del Marchesato di Saluzzo, prima per Ludovico II di Saluzzo e dopo per Margherita di Foix.
  2. ^ Méraude de Vachon era figlia di François de Vachon e di Anne de Rabot, suo padre era signore di La Roche poi di Belmont, avvocato al Parlamento di Grenoble, presidente alla Camera dei Conti della Savoia e del Piemonte nel 1540 e vice presidente nel 1578 del Parlemento del Delfinato. Suo fratello Artus de Vachon era il marito di Honorade Prunier nipote di Artus de Prunier, signore di Saint André et Virieu, Presidente del Parlamento di Grenoble e sposato nel 1572 con Honorate de Simiane.
  3. ^ Testament de Antoine Louis Granet 24 Août 1522
  4. ^ "Généalogie de Marc Antoine de Granet, basée sur trente six actes originaux déposés Chez M, Guyot , notaire à Paris" Le Marquis de Magny - Livre d'or de la Noblesse ,1846
  5. ^ Hozier, Charles-René d' (1640-1732) - Armorial général de France, Federico Bona Onore colore identità. Il blasonario delle famiglie piemontesi e subalpine Centro Studi Piemontesi - 2010
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie