Manfredo II di Saluzzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marchesato di Saluzzo
Del Vasto
Argent a chief azur.svg

Manfredo I
Figli
Manfredo II
Figli
Manfredo III
Figli
Tommaso I
Figli
Manfredo IV
Figli
Manfredo V
Federico I
Figli
Tommaso II
Figli
Federico II
Figli
  • Tommaso III
  • Amedeo
  • Ugo
  • Bernardo
  • Roberto
  • Giacomo
  • Polia
  • Violante
  • Constanza
  • Giovanna, naturale
  • Franceschina, naturale
  • Margherita, naturale
Tommaso III
Figli
Ludovico I
Figli
  • Ludovico II
  • Federico
  • Margherita
  • Gian Giacomo
  • Antonio
  • Carlo Domenico
  • Bianca
  • Amedea
  • Luigia
  • Tommaso, naturale
  • Pietro, naturale
Ludovico II
Michele Antonio
Figli
  • Anna, naturale
Giovanni Ludovico
Figli
  • Augusto, naturale
  • Francesco, naturale
  • Michele, naturale
Francesco
Figli
  • Michele, naturale
  • Antonio, naturale
  • Aleramo, naturale
Gabriele
Figli
  • Ettore, naturale

Manfredo II del Vasto (Saluzzo, 1140Saluzzo, 1215) fu marchese di Saluzzo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Manfredo I e di sua moglie Eleonora, ereditato il giovane marchesato dal padre, morto nel 1175, Manfredo II è il primo membro della famiglia Aleramica a farsi chiamare "Marchese di Saluzzo": questo per meglio definire la sua sfera d'influenza e i confini dei suoi territori, ancora assai vaghi perché appartenenti anche ad altri membri della sua famiglia.

Il titolo di marchese di Saluzzo, però, non implicò l'aver reso la cittadina piemontese la residenza fissa della corte e di Manfredo: altre sedi del potere erano Carmagnola, Racconigi, Revello e Dogliani. Nel 1198 i saluzzesi fondarono Cuneo, creato per rafforzare il potere marchionale nel Piemonte Sud-Occidentale (Secondo altre fonti storiche, come "La più antica cronaca di Cuneo", la città fu fondata da abitanti di Caraglio ed altri centri per sfuggire alle vessazioni del marchesato. Cuneo fu distrutta dal marchese di Saluzzo nel 1210 e ricostruita nel 1231 con l'aiuto dei milanesi. Appare quindi poco credibile che fosse Manfredo II a volerne la costruzione). Affermando il suo potere in queste quattro città, ne fece la base da cui partì l'espansione militare dei Del Vasto, che in quegli anni si incentrò sulle Langhe e sui possedimenti meridionali dei Savoia, con i quali, dopo piccoli scontri armati di minore importanza, Manfredo II venne a patti nel 1213.

La sua vedova, Alasia del Monferrato, dovette però riconoscere tributi annuali ai Savoia durante il periodo di reggenza per il figlio Manfredo III: da questi vassallaggi i Savoia trassero le pretese accampate sulla loro padronanza del territorio del Marchesato nei secoli successivi. Gli succederà il figlio Manfredo III.

Predecessore Marchese di Saluzzo Successore
Manfredo I 1175 - 1215 Manfredo III