Gabbioneta-Binanuova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gabbioneta-Binanuova
comune
Gabbioneta-Binanuova – Stemma
Gabbioneta-Binanuova – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Cremona-Stemma.png Cremona
Amministrazione
SindacoAntonio Bonazzoli (lista civica) dal 27-5-2019
Territorio
Coordinate45°13′N 10°13′E / 45.216667°N 10.216667°E45.216667; 10.216667 (Gabbioneta-Binanuova)
Altitudine38 m s.l.m.
Superficie15,71 km²
Abitanti881[1] (31-12-2019)
Densità56,08 ab./km²
FrazioniBinanuova, Gabbioneta (sede comunale)
Comuni confinantiGrontardo, Ostiano, Pescarolo ed Uniti, Pessina Cremonese, Scandolara Ripa d'Oglio, Seniga (BS)
Altre informazioni
Cod. postale26030
Prefisso0372
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT019045
Cod. catastaleD834
TargaCR
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 389 GG[3]
Nome abitantiGabbionetesi, Binesi
Patronosant'Ambrogio (Gabbioneta); san Nicola di Bari e san Martino (Binanuova)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Gabbioneta-Binanuova
Gabbioneta-Binanuova
Gabbioneta-Binanuova – Mappa
Posizione del comune di Gabbioneta-Binanuova nella provincia di Cremona
Sito istituzionale

Gabbioneta-Binanuova (Gabiunéeda e Binanóa in dialetto cremonese[4]) è un comune italiano di 881 abitanti della provincia di Cremona in Lombardia.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

  • Castello di Gabbioneta

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di Sant'Ambrogio, a Gabbioneta;
  • Oratorio della Beata Vergine di Caravaggio, a Gabbioneta;
  • Chiesa dei Santi Martino e Nicola, a Binanuova;
  • Oratorio della Beata Vergine del Patrocinio, a Binanuova.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 1889 e il 1955 Gabbioneta era servita da una stazione della tranvia Cremona-Ostiano, gestita in ultimo dalla società Tramvie Provinciali Cremonesi[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2019.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani., Milano, Garzanti, 1996, p. 291, ISBN 88-11-30500-4.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ Mario Albertini e Claudio Cerioli, Trasporti nella Provincia di Cremona - 100 anni di storia, 2ª edizione, Editrice Turris, Cremona, 1994. ISBN 88-85635-89-X.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia