Pescarolo ed Uniti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pescarolo ed Uniti
comune
Pescarolo ed Uniti – Stemma
Pescarolo ed Uniti – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Cremona-Stemma.png Cremona
Amministrazione
SindacoGraziano Cominetti (lista civica) dal 26-5-2014 (2º mandato dal 27-5-2019)
Territorio
Coordinate45°11′41.82″N 10°11′11.87″E / 45.19495°N 10.18663°E45.19495; 10.18663 (Pescarolo ed Uniti)
Altitudine45 m s.l.m.
Superficie16,54 km²
Abitanti1 525[1] (31-12-2018)
Densità92,2 ab./km²
FrazioniCastelnuovo del Vescovo, Pieve Terzagni
Comuni confinantiCappella de' Picenardi, Cicognolo, Gabbioneta-Binanuova, Grontardo, Pessina Cremonese, Vescovato
Altre informazioni
Cod. postale26033
Prefisso0372
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT019069
Cod. catastaleG483
TargaCR
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 389 GG[3]
Nome abitantiPescarolesi
Patronosant'Andrea
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Pescarolo ed Uniti
Pescarolo ed Uniti
Pescarolo ed Uniti – Mappa
Posizione del comune di Pescarolo ed Uniti nella provincia di Cremona
Sito istituzionale

Pescarolo ed Uniti (Pescaról in dialetto cremonese) è un comune italiano di 1.525 abitanti della provincia di Cremona, in Lombardia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma del Comune di Pescarolo ed Uniti è stato concesso con decreto del presidente della Repubblica del 28 ottobre 1982.[4]

«Di rosso, alla banda di verde, caricata di tre uccelli palustri, d'argento fermi e tenenti col becco un pesce pure d'argento, la banda accostata da una torre d'argento, aperta e finestrata di nero e dalla scritta in caratteri maiuscoli d'argento SATOR AREPO TENET OPERA ROTAS. Ornamenti esteriori da Comune.[5]»

Le gallinelle d'acqua, rappresentate nell'atto di pescare, richiamano l'antico nome Piscarolo; la torre ricorda il castello del toponimo della frazione di Castelnuovo del Vescovo; la scritta in latino è il quadrato del Sator, quadrato magico rappresentato a mosaico nella chiesa della frazione di Pieve Terzagni.[6]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[8]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

  • Museo del lino

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 1889 e il 1955 Pescarolo era servita da una stazione della tranvia Cremona-Ostiano, gestita in ultimo dalla società Tramvie Provinciali Cremonesi[9].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2018.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Pescarolo ed Uniti, decreto 1982-10-28 DPR, concessione di stemma e gonfalone, su dati.acs.beniculturali.it. URL consultato il 16 settembre 2021.
  5. ^ Comune di Pescarolo ed Uniti – (CR), su araldicacivica.it. URL consultato il 16 settembre 2021.
  6. ^ Pescarolo ed Uniti, Lo stemma, su comune.pescaroloeduniti.cr.it. URL consultato il 16 settembre 2021.
  7. ^ Comune di Pescarolo ed Uniti. Pieve di San Giovanni Decollato.
  8. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  9. ^ Mario Albertini e Claudio Cerioli, Trasporti nella Provincia di Cremona - 100 anni di storia, 2ª edizione, Editrice Turris, Cremona, 1994. ISBN 88-85635-89-X.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN129863707 · LCCN (ENn97075285
Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia