Gombito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gombito
comune
Gombito – Stemma Gombito – Bandiera
Gombito – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Cremona-Stemma.png Cremona
Amministrazione
Sindaco Massimo Caravaggio (lista civica) dal 26/05/2014 (1º mandato)
Territorio
Coordinate 45°15′46.08″N 9°43′46.56″E / 45.2628°N 9.7296°E45.2628; 9.7296 (Gombito)Coordinate: 45°15′46.08″N 9°43′46.56″E / 45.2628°N 9.7296°E45.2628; 9.7296 (Gombito)
Altitudine 65 m s.l.m.
Superficie 9,13 km²
Abitanti 622[1] (30-9-2016)
Densità 68,13 ab./km²
Frazioni Trecca, Vinzasca, San Latino
Comuni confinanti Bertonico (LO), Castelleone, Castiglione d'Adda (LO), Formigara, Montodine, Ripalta Arpina, San Bassano
Altre informazioni
Cod. postale 26020
Prefisso 0374
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 019049
Cod. catastale E082
Targa CR
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti Gombitesi
Patrono S.Sisto II e S.Liberata
Giorno festivo 6 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Gombito
Gombito
Gombito – Mappa
Posizione del comune di Gombito nella provincia di Cremona
Sito istituzionale

Gombito (Gùmbet in dialetto cremasco[2]) è un comune italiano di 622 abitanti[1] della provincia di Cremona, in Lombardia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Anticamente il comune di Gombito sorgeva sulle sponde occidentali dell'Isola Fulcheria al centro del Lago Gerundo, specchio d'acqua oggi non più esistente.

Gombito è un centro abitato di antica origine che risale a prima del 1055, anno in cui il paese (ai tempi chiamato Gomedo) viene citato in un diploma del re Enrico III con il quale conferì l'Isola Fulcheria, prima proprietà del marchese Bonifacio, in perpetua donazione alla chiesa cremonese.

Nel 1420 Gombito fu concesso in feudo da Filippo Visconti a Cabrino Fòndulo, quando questi fu nominato marchese di Castelleone.

Nel 1652 fu infeudato alla nobile famiglia dei Ponzone di Cremona.

Nel 1751 Gombito fu amministrato da un Consiglio Generale sotto il feudo del marchese Sigismondo Ala Ponzone, insignito del titolo di "Signore di Gombito". Il comune, che all'epoca contava 529 abitanti, era sottoposto alle giurisdizioni del podestà feudale (gli Ala Ponzone) che amministrava la giustizia e a quella del podestà di Cremona.

Nel 1796, con la soppressione di diritti feudali, termina l'ingerenza giuridica degli Ala Ponzone sul territorio.

Nel 1841 il comune di Gombito e il comune di Vinzasca furono accorpati.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Come in molti paesi e città della provincia di Cremona e del Lodigiano, anche a Gombito vi è l'antica usanza di festeggiare i cosiddetti "giorni della merla" ovvero il 29, il 30 e il 31 di gennaio.

Logo della corsa.

Il comune di Gombito è da alcuni anni diventato popolare per l'annuale corsa delle lumache che si tiene solitamente tra fine agosto e inizio settembre. L'evento attrae ogni anno centinaia[3] di visitatori da tutta la Lombardia e non solo di cui ottanta gareggianti. La gara consiste nel far percorrere nel minor tempo possibile la distanza di un metro ad una chiocciola di proprietà del concorrente o fornita dalla giuria all'atto dell'iscrizione.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

La popolazione straniera residente al 31 dicembre 2015 era di 29 persone, pari al 4,66% della popolazione.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 settembre 2016.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 310.
  3. ^ Archivio storico del corriere
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ demo.istat.it, http://demo.istat.it/str2015/index02.html .

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]