Diritti LGBT in Brasile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La bandiera brasiliana adattata con i colori di quella arcobaleno.
Il Brasile avvolto dai colori della bandiera arcobaleno.

I diritti delle persone lesbiche, gay, bisessuali e transessuali (LGBT) in Brasile sono stati quasi completamente equiparati a quelli spettanti e messi a disposizione di tutti gli altri cittadini, compreso il diritto al matrimonio, permesso a livello nazionale dal maggio 2013[1] dopo che nel 2011 il Tribunale Supremo Federale si era espresso favorevolmente nel concedere a 112 coppie composte da persone dello stesso sesso gli stessi diritti legali di quelle sposate[2]. La sentenza dava così per la prima volta alle coppie LGBT che hanno una relazione stabile gli stessi diritti sociali ed economici di cui godevano le famiglie eterosessuali[3].

L'elenco dei vari diritti LGBT concessi nel paese si è via via allungato a partire dalla fine della dittatura militare nel 1985 e con la promulgazione della nuova carta costituzionale tre anni dopo.[4]

Secondo il Guinness dei primati, la parata del Gay Pride di San Paolo è la più grande celebrazione LGBT dell'intero pianeta, con la partecipazione effettiva di più di quattro milioni di persone nel 2009[5].

Il paese sudamericano conta trecento organizzazioni LGBT che operano attivamente su tutto il territorio nazionale.[6]
Secondo il censimento svolto nel 2010, vi erano più di sessantamila coppie dello stesso sesso conviventi.[7]

In occasione del campionato mondiale di calcio 2014, svoltosi in Brasile, il paese è stato presentato come pioniere nella legislazione a favore dell'uguaglianza per le persone LGBT, caratterizzato da una cultura aperta, tollerante e accogliente.[8]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1533 l'amministrazione coloniale portoghese criminalizzò qualsiasi tipo di rapporto sessuale tra persone dello stesso sesso, su modello dell'inglese Buggery Act 1533[9]. Le relazioni omosessuali sono state rese nuovamente legali nel 1830, quando re Pietro I del Brasile controfirmò tramite decreto imperiale il nuovo codice penale che eliminava tutti i riferimenti inerenti al precedente reato di sodomia.[10]

A partire dal 1969 le persone LGBT possono servire apertamente nelle forze armate[11]; tra il 1979 e il 1980 venne pubblicata la prima rivista a tema gay, intitolata O Lampião, che ricevette il contributo di molti autori famosi tra cui João Silvério Trevisan, Aguinaldo Silva e Luiz Mott. Nel 1980 venne fondato a Salvador il Grupo Gay da Bahia, una delle due organizzazioni (assieme a SOMOS operante a San Paolo) a difesa dei diritti degli omosessuali.

Nel 1985 il consiglio federale di medicina ha rimosso la menzione di "devianza" data precedentemente all'omosessualità[12]. Nel 1989 le costituzioni del Mato Grosso e di Sergipe sono state modificate per vietare espressamente qualsiasi forma di discriminazione basata sull'orientamento sessuale[13][14]

Partecipanti al Pride 2004.

Nel 1995 viene stilato il primo progetto riguardante le unioni civili; nel 1997 viene pubblicata la prima rivista erotica diretta a un pubblico gay, G Magazine, che gode presto di ampia distribuzione nazionale. Nel 2004, limitatamente al Rio Grande do Sul, viene consentito alle coppie dello stesso sesso di registrare la propria unione civile tramite atto notarile, a seguito di una sentenza del tribunale che lo richiedeva espressamente[15].

Nel 2006 la prima coppia gay ha adottato ufficialmente una bambina di cinque anni a Catanduva[16], ma secondo il Folha de S. Paulo sono state due lesbiche le prime ad avvalersi di questa possibilità congiuntamente[17]

Nel 2007, alla sua undicesima edizione, la celebrazione del Pride a San Paolo batte il record precedente divenendo la più grande sfilata mai tenutasi al mondo con l'attiva partecipazione di tre milioni e mezzo di persone.[18]

Nel 2008 viene tenuta una conferenza nazionale sui temi e i diritti LGBT. L'evento, il primo al mondo a essere organizzato da un governo, è il risultato delle richieste avanzate dalla società civile e sostenute e sponsorizzate dallo stesso governo statale.[19]

Gay Beach Ipanema a Rio.

Nel 2009 la libera espressione della propria identità di genere, con eventuale cambio e riassegnazione di genere, è resa possibile in ogni parte della nazione.[20]

Nel 2010, tramite una sentenza unanime della Corte superiore di giustizia, viene legalizzata l'adozione da parte di coppie dello stesso sesso[21]. Nel 2011 il Tribunale Supremo Federale ha esteso all'unanimità l'istituto sindacale a tutte le coppie dello stesso sesso a livello nazionale, dando al contempo una concezione più laica rispetto a prima dello stesso concetto di "famiglia" e aprendo così e porte a un'estensione e ridefinizione dell'istituzione matrimoniale.[22][23][24][25]

Il 27 giugno 2011, per la prima volta l'unione civile di una coppia dello stesso sesso viene convertita legalmente in un matrimonio a tutti gli effetti[26]. Nell'ottobre dello stesso anno la corte suprema di giustizia dichiara che l'unione legale tra due donne che ne hanno fatto richiesta potrebbe essere presto riconosciuta come matrimonio.[27]

Il 14 maggio 2013 il Consiglio Nazionale del Brasile legalizza il matrimonio tra persone dello stesso sesso in tutto il paese con quattordici voti a favore e un contrario, emettendo una sentenza che ordina l'immediata apertura dei registri civili e la conversione delle precedenti unioni civili in matrimonio, laddove ne venisse fatta richiesta[28][29][30][31][32][33].

Popolazione[modifica | modifica wikitesto]

Corteo di lesbiche a una manifestazione del 2009.

Nel 2010 un sondaggio condotto dalle università di Rio de Janeiro e di Campinas ha rilevato che all'età di 18 anni il 95% degli adolescenti omosessuali aveva già fatto coming out,

molti dei quali anche prima dei 16 anni: negli anni ottanta del XX secolo la soglia era invece ben oltre i 20 anni d'età.
Al 2010, il 60% dei brasiliani considerava l'omosessualità come un fatto completamente naturale.[34]

Nel 2009 un altro sondaggio condotto dall'università di San Paolo e svolto in 10 capitali federali del Brasile ha mostrato che gli uomini omosessuali e bisessuali ammontavano al 10,4% dell'intera popolazione maschile, mentre le donne lesbiche e bisessuali erano in totale il 6,3% del totale[35]; nella sola Rio de Janeiro i gay e bisessuali arrivano al 19,3% del totale, mentre a Manaus le lesbiche giungevano al 10,2%[36].

Nel 2009 un sondaggio condotto in dieci tra le maggiori città brasiliane ha rilevato che il 7,8% degli uomini si identificava esplicitamente come gay, mentre un altro 2,6% si definiva bisessuale; le lesbiche rappresentavano invece il 4,9% di tutte le donne intervistate, con l'aggiunta di un 1,4% che si considerava bisessuale.[35]

Questioni legislative[modifica | modifica wikitesto]

L'ex presidente Luiz Inácio Lula da Silva con la bandiera LGBT.

Protezioni giuridiche[modifica | modifica wikitesto]

Lo stereotipo tradizionale del "machismo" sudamericano, con la conseguente omofobia, ha incominciato a cambiare dalla metà degli anni ottanta con la promulgazione di una costituzione liberale la quale impedisce qualsivoglia possibilità di creare leggi discriminatorie, sia nella legislazione federale sia in quelle cittadine[37].

La promulgazione delle prime leggi antidiscriminatorie risale alla metà degli anni novanta; lo Stato di Bahia nel 1997 è stato il primo a emanarle nella totalità del proprio territorio, sede del Grupo Gay da Bahia, probabilmente la più grande e nota associazione di attivisti gay del Brasile.[38]

Nel 2003 la discriminazione basata sull'orientamento sessuale era stata proibita in 73 statuti delle principali città, con multe salate (come a Tocantins) per le imprese che discriminano le persone LGBT[39][40][41]. Una proposta di legge antidiscriminatoria a livello nazionale non è ancora attiva, e dal 2007 è in attesa di approvazione al senato federale; alcuni cattolici e protestanti conservatori hanno affermato che la nuova legge sarebbe stata un'aggressione contro la libertà religiosa garantita dalla costituzione, col senatore ed ex sacerdote della chiesa evangelica Marcello Crivella che ha affermato fosse molto più importante difendere anziani, donne e bambini invece degli omosessuali.[42]

La nuova legge ha inoltre eliminato molte delle scappatoie utilizzate in precedenza; le punizioni risultano essere cumulative, da un primo avvertimento fino a una pesante condanna pecuniaria: in caso di ulteriori incidenti il trasgressore subisce inoltre il sequestro permanente della sua licenza d'esercizio.[38]

Servizio militare[modifica | modifica wikitesto]

Manifestazione contro l'omo-transfobia

Dal 1969 non esiste più alcuna disposizione che vieti alle persone omosessuali di prestare servizio nelle Forças Armadas Brasileiras, e l'orientamento sessuale non può essere di ostacolo per l'ingresso nelle forze di polizia o militari: la regola disciplinare generale interna alle forze armate disapprova fortemente i rapporti sessuali tra i suoi membri al di fuori del matrimonio[43], non consentendo quindi all'interno delle caserme né le relazioni eterosessuali (le donne possono prestare servizio dai primi anni ottanta) né quelle omosessuali.[44]

Nel 2008 si è verificato il caso di un militare che ha subito provvedimenti disciplinari in quanto intratteneva una relazione omosessuale stabile con un altro soldato maschio da almeno dieci anni; essendo scomparsi entrambi durante il servizio sono stati accusati di diserzione.[45] Una nota ufficiale pubblicata nel 2012 ribadisce che l'esercito brasiliano non penalizza né discrimina gli orientamenti sessuali.[46]

A seguito della decisione a favore delle unioni civili, il ministro della difesa Nelson Jobim ha garantito che da quel momento in avanti tutti i benefici garantiti ai coniugi del personale militare saranno concessi indistintamente anche per le coppie omosessuali[47][48], e i membri delle forze armate sono liberi di sposare persone dello stesso sesso[49].

Nel 2012 il 63,7% dei brasiliani non vedeva alcun problema nell'appartenenza di persone LGBT alle forze armate[50].

Immigrazione[modifica | modifica wikitesto]

Manifestazione del 2017 in Brasile

Il Brasile è il primo paese dell'America latina a riconoscere le unioni omosessuali anche in materia d'immigrazione; seguendone l'esempio, altri paesi della regione hanno recentemente fatto grandi progressi nel riconoscimento delle relazioni omosessuali, compresi i diritti di immigrazione, per esempio la Colombia nel 2009.

Una decisione spartiacque è stata emessa il 25 novembre 2003 dal magistrato Ana Carolina Morozowski della quinta sezione del Tribunale Civile di Curitiba; questa ha riconosciuto come unione civile il legame tra l'attivista gay Toni Reis e il cittadino inglese David Ian Harrad, concedendo così a Harrad la residenza permanente in Brasile.
Una settimana dopo, il Consiglio Nazionale dell'Immigrazione ha promulgato una delibera (num3, 2003) che "dispone dei criteri per la concessione di visto temporaneo o permanente, o di permanenza definitiva al partner maschile o femminile, senza distinzione di sesso."

Pride del 2017

Sempre nel 2003 una sentenza del tribunale civile di Florianópolis ha impedito l'espulsione di una cittadina italiana che aveva convissuto per più di dieci anni in una stabile relazione con una lesbica brasiliana, affermando che "l'unione omosessuale crea gli stessi diritti dell'unione tra un uomo e una donna"[51].

Dal 2004 è stato chiesto ai funzionari consolari da parte delle associazioni LGBT di chiarire le procedure di applicazione per quanto riguarda la nuova politica dell'immigrazione, ottenendo copie della delibera amministrativa nº 3 e le normative di accompagnamento che chiariscono le regole per le coppie dello stesso sesso binazionali in cui uno dei partner è cittadino brasiliano: il governo ha riconosciuto che l'immigrazione che si estende ai partner dello stesso sesso o coniugi di cittadini brasiliani è lecito e sancito dalla Costituzione.[52]

Storicamente, la migrazione di omosessuali provenienti dalle parti più interne del paese verso le città più grandi è stata un fenomeno comune, dovuta anche a fattori economici. Altri fattori che determinano questa migrazione includono la percezione di una maggiore libertà e indipendenza nelle grandi città così come la presenza di molte più opzioni di intrattenimento e possibilità d'associazione per le persone LGBT. Città come San Paolo, Rio de Janeiro, Salvador, Brasilia, Belo Horizonte, Recife, Porto Alegre e Curitiba ricevono forti afflussi ogni anno.[53]

In viola i territori in cui l'adozione per le coppie omosessuali era permessa dal 2010, in rosa dal 2016

Adozione[modifica | modifica wikitesto]

L'adozione di minori da parte di coppie dello stesso sesso in Brasile è possibile in quanto non esistono leggi che la vietino espressamente, ed eventuali disposizioni in tal senso non potrebbero mai essere promulgate in quanto verrebbero ritenute anti-costituzionali. In conseguenza di tale fatto, vari giudici hanno dato parere favorevole per le adozioni da parte di coppie omosessuali.[54]

Nel 2010 la corte suprema ha riconosciuto all'unanimità che le coppie omosessuali hanno il diritto di adottare bambini, discutendo il caso di due donne; questa decisione ha creato un precedente legale che permetterebbe alle coppie gay di abbandonare la prassi ancora in uso che le spinge a ricorrere all'adozione individuale per evitare problemi.[55]

Sempre nel 2010 è stata emessa una sentenza favorevole a una coppia gay composta da un cittadino inglese e da un brasiliano nello Stato di Paraná, la quale ha permesso loro di adottare un figlio, indipendentemente dall'età o dal sesso del bambino. La decisione del Tribunale federale ha aperto la strada ad altre coppie omosessuali per l'ottenimento dello stesso diritto nel proprio territorio.[56]

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Bacio tra due coppie a una manifestazione anti omofobia.

Il 14 maggio 2013 il Consiglio nazionale di giustizia ha legalizzato il matrimonio tra persone dello stesso sesso in tutto il territorio nazionale; il presidente Joaquim Barbosa ha specificato che da quel momento in avanti gli studi notarili non avrebbero più potuto rifiutarsi, come ancora accadeva, di registrare un'unione civile o di convertirla in un matrimonio effettivo[1]. La sentenza è stata pubblicata il giorno 15 ed è entrata in vigore il 16[57][58]

Il 16 dicembre 2003 il Brasile ha annunciato che avrebbe riconosciuto legali le unioni tra persone dello stesso sesso effettuate all'estero a fini d'immigrazione; le coppie che sono sposate in altri paesi possono quindi utilizzare il certificato per emigrare o ricongiungersi col partner in Brasile. Si è trattato del primo atto giuridico federale di riconoscimento delle coppie omosessuali[59].

Il Brasile offre la maggior parte dei benefici derivanti dal matrimonio alle coppie dello stesso sesso attraverso il diritto comune; in alcuni casi i coniugi superstiti sono in grado di rivendicare i soldi della pensione del defunto[60]: molti di questi avvengono nello Stato di Bahia e includono sia gay sia lesbiche.[61]

In quindici capitali degli stati brasiliani è stato anche istituito un "registro delle unioni omosessuali stabili"[62] e ciò include il diritto a essere riconosciuti come coppia nelle questioni legali (proprietà comune, beni acquistati congiuntamente, eredità, previdenza sociale e sanitaria, assicurazione), compreso il diritto di trasferire il conto bancario da un partner all'altro in caso di malattia o morte del titolare[63].

Condizioni sociali[modifica | modifica wikitesto]

Violenza anti-LGBT[modifica | modifica wikitesto]

Una commemorazione di un omicidio a sfondo omofobo

Alla fine del 2004 è stata pubblicata una lista con i nomi dei 159 omosessuali uccisi in quell'anno in Brasile[64] Nel 2012 il 77% dei brasiliani chiede la criminalizzazione esplicita dell'omofobia come reato[65]. Si stima che tra il 1980 e il 2006 abbiano trovato la morte, a causa della propria omosessualità, 2680 persone[66].

Un gran numero dei crimini d'odio compiuti in Brasile sono commessi da membri delle forze dell'ordine, alzando così il numero di quelli che hanno paura di sporgere denuncia. Inoltre, la brutalità contro le lesbiche può spesso assumere la forma di una violenza sessuale[67]

Sexualidade e Crimes de Ódio (Sessualità e reati dettati dall'odio), prodotto da Vagner de Almeida e Richard Parker, è il primo film documentario sulle brutalità commesse contro gli omosessuali in Brasile: per i suoi autori i crimini d'odio provengono da diversi settori della società e che la chiesa cattolica e i gruppi più radicali della chiesa evangelica sono tra i principali responsabili della violenza prodotta dall'intolleranza, in quanto combattono attivamente contro l'ampliamento dei diritti legali alle persone LGBT.[68]

Bisogna dire però anche che molti degli omicidi di persone LGBT non sembrano esser stati motivati da pregiudizi, essendo stati commessi dai partner delle vittime o da coloro che erano altrimenti coinvolti con loro in rapporti sessuali mercenari (ad esempio, prostituti maschi)[69][70]

Transgender[modifica | modifica wikitesto]

Una transessuale, "miss transex 2007", al Pride del 2008.

Mentre il termine transgender così come viene utilizzato negli Stati Uniti e in Europa giunge a comprendere tutti gli individui che hanno una variante di genere, compresi i transessuali, le drag queen e gli individui con intersessualità, in Brasile il fenomeno sociale del "transgênero" consiste in gran parte di individui a cui è stato assegnato un genere maschile al momento della nascita, ma che invece si auto-identificano come donne.
Le persone transgender in Brasile si suddividono quindi in due categorie, quella dei travesti (genere) (più simili ai travestiti) e i transessuali veri e propri, anche se per molti i due termini sono intercambiabili: il motivo principale per cui i trans insistono nel distinguersi dai "travesti" è perché essi ritengono d'esser nati nel corpo sbagliato, un conflitto interno al proprio corpo che invece nei travesti non si verifica.[71]

Nelle zone centrali del paese, le persone transgender provenienti da famiglie estremamente povere possono cominciare a prostituirsi fin dall'età di 12 anni, soprattutto se non vengono ad avere alcun sostegno parentale[72]. Un programma operante a Rio si concentra sulla reintegrazione dei travestiti nella società, attraverso opportunità di formazione e occupazione[71].

Il sistema sanitario pubblico offre gratuitamente l'operazione per il cambiamento di sesso, secondo la clausola costituzionale che garantisce l'assistenza medica come diritto fondamentale: i pazienti devono avere almeno 21 anni ed esser stati diagnosticati come transessuali senza altri disturbi di personalità e devono essere sottoposti a valutazione psicologica per almeno due anni. Dal 2000 in poi sono stati eseguiti 250 interventi.[73]

Religioni e opposizioni[modifica | modifica wikitesto]

Il Brasile è uno Stato laico in cui vige una netta separazione con qualsiasi chiesa, non possiede inoltre alcuna religione ufficiale[74]. La chiesa cattolica e molte tra le chiese protestanti insegnano che gli atti omosessuali sono immorali e intrinsecamente disordinati; gli evangelici invece si impegnano a fornire le testimonianze di ex-gay ed ex-lesbiche tornati infine alla normalità.[75] Per contro parte della popolazione brasiliana aderisce invece al Candomblé, dove l'omosessualità è comune sia tra gli aderenti sia tra i suoi sacerdoti.

Pride[modifica | modifica wikitesto]

Un gay pride a San Paolo

Le manifestazioni relative alla celebrazione del Gay Pride rappresentano uno dei più grandi eventi mondiali del suo genere; la parata annuale che si svolge a San Paolo durante il mese di giugno è addirittura la più grande al mondo, oltre che uno dei principali eventi turistici della città e ha il supporto ufficiale dell'amministrazione.
La "Parada do Orgulho GLBT de São Paulo" viene organizzata a partire dal 1999 col proposito di portare visibilità per le categorie socio-sessuali di omosessuali, bisessuali, travestiti e transessuali e promuovendo al contempo la creazione di politiche pubbliche a loro favorevoli. La strategia principale è quella di occupare spazi pubblici, in modo da rendere possibile un efficace scambio di esperienze, elevare l'autostima e sensibilizzare la società verso la tolleranza delle differenze.
Anno dopo anno, la presa di coscienza e l'educazione al rispetto del multiculturalismo e della diversità ha portato a risultati positivi: durante il corteo gli omosessuali "si uniscono e contribuiscono a costruire ponti per garantire la pienezza dei propri diritti."[76]

Il mese dell'LGBT Pride nasce dall'esperienza acquisita in altre attività, come cicli di dibattiti, l'LGBT Cultural Fair, il Citizenship Award in Respect of Diversity e il successo del Day Gay che si svolge il sabato precedente alla sfilata principale.[77]

Il Cultural Fair è parte degli eventi correlati al Pride a partire dal 2001; APOGLBT, sempre da quell'anno, ha svolto iniziative politiche culturali che valorizzano la cittadinanza di gay, lesbiche, bisessuali, travestiti e transessuali.[78]

Oltre alla parata di San Paolo, diverse altre città brasiliane organizzano le proprie sfilate LGBT, soprattutto nelle capitali come Rio de Janeiro (1,5 milioni di partecipanti[79]), Salvador con 800 000 presenze[80], e via di seguito.

Tabella riepilogativa[modifica | modifica wikitesto]

Legalità degli atti omosessuali Yes (dal 1830)[81]
Equiparazione d'età nel consenso sessuale Yes (14 anni, con eccezioni)[82]
Matrimonio tra coppie dello stesso sesso Yes (dal 2013, unioni civili dal 2004)[83][84]
Benefici legali per le coppie dello stesso sesso Yes
Diritto di assistenza in ospedale e prigione Yes
Diritti relativi alla pensione e benefici fiscali sul reddito Yes
Adozione da parte di coppie dello stesso sesso Yes (dal 2010)
Leggi di protezione nei riguardi dell'immigrazione Yes
Acceso alla fecondazione in vitro per le lesbiche Yes
Maternità commerciale surrogata per le coppie gay No*(vietato anche per gli etero)
Permesso di servire apertamente nelle forze armate Yes (dal 1969)
Diritto legale di cambiare genere Yes (dal 2009)
Organizzazioni e manifestazioni libere Yes
Leggi anti discriminatorie in casa e nel posto di lavoro Yes/No (non ancora tramite legislazione nazionale)
Leggi contro i crimini d'odio relativi all'orientamento sessuale Yes
Possibilità di donare il sangue Yes (per donare il sangue gli uomini omosessuali devono essere o in una relazione stabile o non aver avuto rapporti nell'ultimo anno) [85]
Legalità del travestitismo Yes
Riassegnazione chirurgica del sesso legale Yes

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Brazilian judicial council orders notaries to recognize same-sex marriage
  2. ^ Same-sex unions recognized by Brazil's high court (EN) , CNN, Marilia Brocchetto and Luciani Gomes
  3. ^ Brazil Supreme Court awards gay couples new rights (EN)
  4. ^ Gay rights during the military dictatorship (1964–1985) (PT)
  5. ^ São Paulo Gay Parade (EN)
  6. ^ Parada gay de Curitiba com cunho político (PT)
  7. ^ Censo mostra que o Brasil tem 60 mil casais gay com união estável (PT)
  8. ^ Gay Soccer Fans, Enjoy This World Cup, Because You're Not Welcome at the Next Two, National Journal, June 12, 2014
  9. ^ English Buggery Act 1533 and Portuguese Penal Code 1533 (PT)
  10. ^ Beyond Carnival. Green, James. The University of Chicago Press. 1999. (PT)
  11. ^ Gays and Lesbians allowed to serve openly in the Brazilian Military Archiviato il 5 ottobre 2011 in Internet Archive. (PT)
  12. ^ Homosexuality is not a deviancy - Federal Council of Medicine of Brazil (PT)
  13. ^ (PDF) Constituicao do Estado de Mato Grosso (Constitution of the State of Mato Grosso) (1989) Archiviato il 6 luglio 2011 in Internet Archive. (PT)
  14. ^ Constituicao do Estado Sergipe (Constitution of the State of Sergipe) (1989)[collegamento interrotto] (PT)
  15. ^ Notary of Rio Grande do Sul accept registration of same-sex civil union. Terra. March 4, 2004. (PT)
  16. ^ "Cartórios do RS aceitam registro de união gay". Baptista, Renata. Folha de S. Paulo. November 23, 2006. (PT)
  17. ^ Justiça autoriza casal gay a adotar criança no interior de SP. Folha de S. Paulo. November 28, 2006. (PT)
  18. ^ São Paulo Gay Pride Parade. Folha de S. Paulo. June 10, 2007. (PT)
  19. ^ 2008 National LGBT Conference (EN)
  20. ^ Changing legal gender assignment in Brazil (PT)
  21. ^ Adoption of same-sex unions in Brazil (PT)
  22. ^ Same-sex civil union in Brazil (EN)
  23. ^ Direitos dos homossexuais com a decisão do STF (PT)
  24. ^ Por unanimdade STF reconhece União Estável Gay (PT)
  25. ^ STF retoma julgamento sobre União Estável (PT)
  26. ^ Jessica Geen, Brazil judge approves gay marriage, Pink News, June 28, 2011
  27. ^ Same-sex marriage is legal by Superior Court of Justice (PT)
  28. ^ http://www.estadao.com.br/noticias/cidades,cnj-obriga-cartorios-a-celebrar-casamento-entre-homossexuais,1031678,0.htm
  29. ^ Decisão do CNJ obriga cartórios a fazer casamento homossexual
  30. ^ CNJ obriga cartórios a converterem união estável gay em casamento
  31. ^ Simon Romero, Brazilian Court Council Removes a Barrier to Same-Sex Marriage, in New York Times, 14 maggio 2013. URL consultato il 15 maggio 2013.
  32. ^ Teacherken, country with most Catholics effectively legalizes gay marriage, su DailyKos, 15 maggio 2013. URL consultato il 15 maggio 2013.
  33. ^ Brazil judicial panel clears way for gay marriage Archiviato il 9 giugno 2013 in Internet Archive.
  34. ^ Jovens se mobilizam contra homofobia (PT)
  35. ^ a b Pesquisa afirma que 10,4% dos homens brasileiros são gay ou bi (PT)
  36. ^ Censo gay – Rio de Janeiro é a capital com mais gays e Manaus com mais lésbicas, diz pesquisa Mosaico Brasil (PT)
  37. ^ Coordenadoria da Defesa dos Interesses Difusos e Coletivos: combate a todas as formas de discriminação (PT)
  38. ^ a b Sexual orientation laws in Brazil (EN)
  39. ^ Leis antidiscriminatórias no Brasil (Anti-homophobia laws in Brazil) (PT)
  40. ^ Laws – Sexual Orientation (PT)
  41. ^ Laws – Sexual orientation by Location (PT)
  42. ^ Brazilian Senate – LGBT rights (PT)
  43. ^ LGB people and Military service Archiviato il 2 ottobre 2006 in Internet Archive. (PT)
  44. ^ Final feliz na caserna Archiviato il 5 ottobre 2011 in Internet Archive. (PT)
  45. ^ BBC: Gay soldier's fate grips Brazil
  46. ^ Exército brasileiro admitiu que aceita militares gays (PT)
  47. ^ Flavia Villela, Armed Forces will guarantee rights of gay couples, says Jobim, Agência Brasil, 06/05/2011 – 4:50 pm. (archiviato dall'url originale il 13 agosto 2011).
  48. ^ Jobim says it will examine how the Supreme Court decision on gay couples affects the Armed Forces, POP, 06/05/2011 – 16:46 pm. (archiviato dall'url originale il 6 giugno 2014).
  49. ^ Marinha concede 1ª identidade militar a casal gay no Rio (PT)
  50. ^ Brasileiros, em sua maioria, apóiam presença de LGBTs nas Forças Armadas[collegamento interrotto], Cena G, 1º marzo 2012.
  51. ^ VIOLAÇÃO DOS DIREITOS HUMANOS DOS GAYS, LÉSBICAS, TRAVESTI E TRANSEXUAIS NO BRASIL: 2004 (PT)
  52. ^ Immigration Equality to Brazil (EN)
  53. ^ UFMG Diversa: Direito de quem? (Gay migration to brazilian largest cities) (PT)
  54. ^ A adoção por casais homossexuais (Same-sex adoption in Brazil) (PT)
  55. ^ Casal homossexual pode adotar criança, decide STJ (Homosexual couples can adopt children, decides to Superior Court of Justice of Brazil) (PT)
  56. ^ 'Agora me sinto um cidadão', diz gay autorizado a adotar (PT)
  57. ^ (PT) DIÁRIO DA JUSTIÇA CONSELHO NACIONAL DE JUSTIÇA Edição nº 89/2013
  58. ^ (PT) Regra que obriga cartórios a fazer casamento gay vale a partir do dia 16
  59. ^ – CNN Politics: Binational same-sex union in Brazil, Mallory Simon (EN)
  60. ^ Brazilian same-sex union (EN)
  61. ^ Globo: STJ determina que previdência privada pague pensão a homossexual (LGBT Pension is legal in Brazil by Supreme Court of Justice) (PT)
  62. ^ Information – The Book of Homosexual Stable Union (PT)
  63. ^ Same-sex stable unions (PT)
  64. ^ (PT) Assassinatos de Homossexuais do Brasil – 2004 (Murdered LGBT people in 2004) (DOC), Grupo Gay da Bahia.
  65. ^ 77% dos brasileiros são a favor da criminalização da homofobia (PT)
  66. ^ "São Paulo holds Gay Pride parade.", BBC, 11 June 2007 (EN)
  67. ^ About the violence against LGBT people in Brazil (EN)
  68. ^ Sexualidade e Crimes de Ódio (Sexuality and Hate Crimes film (PT)
  69. ^ (PT) "Homophobic" crimes., GAYS DE DIREITA, 2010. URL consultato il 27 giugno 2011.
  70. ^ (PT) UM VERMELHO-E-AZUL PARA DISSECAR UMA NOTÍCIA. OU COMO LER UMA FARSA ESTATÍSTICA. OU AINDA: TODO BRASILEIRO MERECE SER GAY, Veja, 2009. URL consultato il 27 giugno 2011.
  71. ^ a b Transsexuals of Brazil (EN)
  72. ^ Transsexuals in Brazil (EN)
  73. ^ Free change of sex in Brazil (EN)
  74. ^ ADIN nº 3.510/STF (sobre pesquisas com células-tronco) e o Estado democrático e laico no Brasil (PT)
  75. ^ Julio Severo: "Behind The Homosexual Tsunami in Brazil" (EN)
  76. ^ Brazil Travel – São Paulo Gay Pride Parade (EN)
  77. ^ Activities during the largest gay pride parade of the world (EN)
  78. ^ LGBT cultural events (EN)
  79. ^ 2008 Rio de Janeiro Gay pride parade (PT)
  80. ^ 2010 Salvador Gay pride parade (PT)
  81. ^ 16 December 1830 Law (PT)
  82. ^ Code Pénal Brésilien (en portugais)
  83. ^ [1]
  84. ^ CNN, http://edition.cnn.com/2013/05/15/world/americas/brazil-same-sex-marriage/index.html?eref=edition .
  85. ^ (EN) Brazilian politician claims 'gay blood' should be separated - Gay Star News, su Gay Star News. URL consultato il 2 marzo 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]