Diritti LGBT in Estonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La bandiera arcobaleno ricopre l'Estonia

I diritti per le persone persone lesbiche, gay, bisessuali e transgender (LGBT) in Estonia affrontano delle limitazioni legali non vissute dalle persone eterosessuali.

L'attività sessuale maschile e femminile con persone dello stesso sesso è legale in Estonia. Si considera uno dei paesi più liberali tra quelli dell'ex Unione Sovietica quando si tratta di diritti gay.

Diritto penale estone[modifica | modifica wikitesto]

L'omosessualità, illegale nell'Unione Sovietica, è stata legalizzata in Estonia nel 1992.

L'età del consenso fu parificata per il sesso omosessuale ed eterosessuale nel 2001.[1]

Tutele per le coppie omosessuali[modifica | modifica wikitesto]

Il disegno di legge sull'unione civile, dopo l'approvazione delle camere, venne firmato dal presidente Toomas Hendrik Ilves per entrare in vigore il 1 gennaio 2016. Questa legge garantisce anche il riconoscimento dei matrimoni contratti all'estero.[2][3]

Adozioni[modifica | modifica wikitesto]

In Estonia le coppie omosessuali possono adottare il figlio del partner ma non possono addottare un bambino congiuntamente.[4]

Protezioni dalle dicriminazioni[modifica | modifica wikitesto]

L'Estonia, come obbligo per entrare nell'Unione europea, ha recepito una direttiva UE nei propri diritti proibendo la discriminazione fondata sull'orientamento sessuale nell'occupazione, la legge entrò in vigore il 1 maggio 2004.[5]

Dal 2008 il codice penale vieta l'incitamento pubblico all'odio sulla base dell'orientamento sessuale.[5]

La legge sulla parità di trattamento è entrata in vigore il 1 gennaio 2009 vietando le discriminazioni basate sull'orientamento sessuale in diversi settori: dall'occupazione, nell'assistenza sanitaria, nella sicurezza sociale, nell'istruzione e nella fornitura di beni e servizi.[5]

Opinione pubblica[modifica | modifica wikitesto]

Un sondaggio di Eurobarometro pubblicato nel dicembre 2006 ha mostrato che il 21% degli estoni intervistati supportava il matrimonio egualitario mentre il 14% il diritto delle coppie dello stesso sesso ad adottare.

Un sondaggio condotto nel giugno 2009 ha rivelato che il 32% degli estoni pensa che le coppie dello stesso sesso dovrebbero avere gli stessi diritti legali delle coppie formate da persone di sesso opposto. Il sostegno è stato del 40% tra i giovani ma solo del 6% tra gli anziani.

Tabella riassuntiva[modifica | modifica wikitesto]

Attività omosessuali Yes (dal 1992)
Età del consenso uguale a quella eterosessuale Yes (dal 2001)
Leggi anti-discriminazione (solo in ambito lavorativo) Yes (dal 2004)
Leggi anti-discriminazione in materia di beni e servizi Yes (dal 2009)
Leggi anti-discriminazione in tutte le aree (inclusi i discorsi d'odio) Yes (dal 2008)
Matrimonio fra persone dello stesso sesso No / Yes (dal 2016 sono riconosciuti i matrimoni all'estero)
Unione civile Yes (dal 2016)
Adozione del figlio del partner da parte di coppie omosessuali Yes (dal 2016)
Adozione congiunta da parte di coppie omosessuali No / Yes (Le coppie in cui entrambi i partner sono infertili possono adottare)
Omosessuali ammessi al servizio militare Yes
Diritto di cambiare genere legale Yes
Accesso all'inseminazione artificiale e alla FIVET per donne sposate o in relazione stabile con altre donne Yes
Surrogazione di maternità per le coppie formate da due uomini No (illegale anche per le coppie etero)
Donazione di sangue da parte di uomini gay No

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Wayback Machine (PDF), su rklambda.at, 6 giugno 2011. URL consultato il 18 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 6 giugno 2011).
  2. ^ (ET) ERR, Kooseluseaduse rakendusaktid tulevad riigikogus teisele lugemisele jaanuari lõpus, in ERR, 14 dicembre 2015. URL consultato il 18 ottobre 2017.
  3. ^ (ET) Riigikogu, su Riigikogu. URL consultato il 18 ottobre 2017.
  4. ^ (ET) ERR, Eestis lapsendas esimene samasooline paar kaks last, in ERR, 29 marzo 2016. URL consultato il 18 ottobre 2017.
  5. ^ a b c Country Report Estonia 2010 on meas ures to combat discrimination, su equalitylaw.eu.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]