Diritti LGBT in Belize

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il Belize avvolto dai colori della bandiera arcobaleno

I diritti LGBT in Belize sono molto scarsi. L'omosessualità era illegale in Belize fino al 2016, fin quando la Corte Suprema la dichiarò incostituzionale.

Il Belize ha anche una legge che vieta agli omosessuali stranieri di entrare nel paese, sebbene la legge non sia mai stata applicata.[1] Tuttavia, la sentenza della corte che ha abbattuto la legge sulla sodomia ha anche affermato che la Costituzione escludeva la discriminazione basata sul proprio orientamento sessuale.[2]

Il Belize ha tenuto la sua prima settimana di gay pride nell'agosto 2017. Attività di sensibilizzazione e accettazione sono state ospitate in tutto il paese.[3]

Leggi sull'omosessualità[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la vecchia Sezione 53 del codice penale del Belize, "Ogni persona che ha rapporti carnali contro l'ordine della natura con qualsiasi persona ... sarà passibile di carcere per 10 anni".[4] Fu discusso che la sezione 53 del Codice Penale non colpisse l'omosessualità, ma qualsiasi atto sessuale che non sia l'"atto sessuale di un fallo inserito in una vagina", compreso il sesso orale, il sesso anale tra persone eterosessuali o omosessuali, la masturbazione, ecc.[5] La sezione 53 è stata annullata il 10 agosto 2016 in violazione della Costituzione del Belize.[6]

Mentre i divieti di sodomia nelle Bahamas sono stati rimossi dal Parlamento nel 1991 e i divieti nei Territori britannici d'oltremare sono stati rovesciati nel 2000 da un Ordine del Regno Unito, il divieto di sodomia del Belize è stato il primo di un'ex colonia britannica nei Caraibi ad essere eliminato da una corte.[7][8] Fu anche l'ultimo divieto di sodomia in Centro America a essere abbattuto.[9]

Caleb Orozco contro Procuratore generale del Belize[modifica | modifica wikitesto]

Caleb Orozco ha sostenuto con successo in tribunale che il la criminalizzazione dell'omosessualità in Belize era incostituzionale.

Nel settembre 2010, il Movimento Unificato di Belize Advocacy (UNIBAM) e il suo direttore esecutivo Caleb Orozco hanno portato congiuntamente un caso nella Corte Suprema giudiziaria del Belize che contestava la costituzionalità della legge anti-sodomia del Belize con il sostegno della Commissione internazionale dei giuristi, l'Associazione degli avvocati del Commonwealth e Human Dignity Trust.

Il Consiglio per le parti Interessate della Chiesa (CIP) (composto dalla Chiesa Cattolica Romana, dall'Ente Corporativo della Chiesa d'Inghilterra e dall'Associazione Evangelica delle Chiese) nel gennaio 2012 ha sostenuto che l'UNIBAM non era in grado di presentare il caso perché, come organizzazione, non ha diritti costituzionalmente garantiti. Basandosi sulla sezione 20 della Costituzione del Belize, il tribunale deliberò a favore del CIP il 27 aprile 2012 e eliminò l'UNIBAM dalla causa.[10] Nel dicembre 2012, il giudice Arana ha concesso lo status di "parte interessata" all'UNIBAM, che era lo stesso status assegnato a CIP.[11]

Il caso è stato ascoltato dalla Corte Suprema di Giurisprudenza nel maggio 2013[12], tra le minacce di violenza e di morte ricevute dagli attivisti LGBT.[13] Il 10 agosto 2016, il Capo della Giustizia Kenneth Benjamin ha stabilito che la Sezione 53 del Codice Penale del Belize ha violava le tutele costituzionali in materia di uguaglianza, dignità e privacy personale.[14] Orozco ha prevalso su tutti i punti della decisione, in cui Benjamin ha ribadito che la corte era tenuta a prendere una decisione legale piuttosto che un giudizio morale. Benjamin ordinò che il codice penale fosse emendato con l'inserimento della frase "Questa sezione non si applica agli atti sessuali consensuali tra adulti".[15][16] Ha continuato affermando che la Costituzione del Belize deve essere coerente con le interpretazioni internazionali e ha chiarito che il "sesso", come menzionato nella sezione 16 (3) della Costituzione, include l'orientamento sessuale.[17]

Il 17 agosto 2016 il governo ha annunciato che non avrebbe presentato ricorso contro la sentenza della Corte di giustizia dei Caraibi, ma che altre parti interessate potevano presentarlo.[18] Dopo aver incontrato i leader religiosi il 9 settembre, il governo ha cambiato la propria decisione e ha annunciato che avrebbe fatto un appello parziale alla sentenza, facendo appello in particolare alla dichiarazione secondo cui la Costituzione proibisce la discriminazione basata sull'orientamento sessuale. Le parti interessate hanno presentato ricorso in appello il 16 settembre.[19] Il 4 ottobre 2016, l'appello nazionale del Belize del caso è stato respinto dal tribunale principale perché l'organizzazione non era una parte originale interessata dal caso.[20] Nel marzo 2018, la Chiesa cattolica di Belize si ritirò ufficialmente dall'appello, lasciando il governo del Belize l'unico ad appellarsi alla decisione sulla sezione 53.[21] Con il ritiro della Chiesa cattolica, fu riconosciuto che le relazioni sessuali tra adulti consenzienti erano pienamente legalizzate in Belize, poiché l'appello parziale del governo riguardava solo la clausola antidiscriminatoria della Costituzione, che faceva riferimento al sesso, potesse essere interpretata in modo da proibire la discriminazione sulla base dell'orientamento sessuale.[22]

Opposizione della Chiesa alla depenalizzazione[modifica | modifica wikitesto]

In risposta al caso depositato da UNIBAM e Caleb Orozco, le Chiese cattoliche e protestanti hanno reagito negativamente, affermando che il matrimonio tra persone dello stesso sesso sarebbe stato il prossimo step.[23][24] Il 3 dicembre 2011, il Consiglio delle Chiese ha organizzato un raduno "Take a Stand" per opporsi al caso UNIBAM.[25]

Il 23 novembre 2011 il Consiglio delle Chiese del Belize ha tenuto un raduno "Azione Belize / Forum sulla famiglia" per esprimere la sua opposizione alla depenalizzazione come parte di "un piano orchestrato di oscurità demoniaca per detronizzare Dio dalla nostra Costituzione e aprire le porte all'influenza massiccia e alla distruzione demoniaca che influenzerà generazione dopo generazione ".[23][26]

Pressione dagli Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre 2011, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha criticato le nazioni che perseguitano gli omosessuali.[27] In risposta, il primo ministro del belize Dean Barrow ha ribadito che il Belize non cambierà le sue leggi.[28] Sosteneva che il problema era di competenza del Belize e se gli Stati Uniti volevano punire gli Stati rimuovendo gli aiuti stranieri per continuare tale pratica, allora "dovranno interrompere i loro aiuti".[28]

Divieto d'immigrazione[modifica | modifica wikitesto]

Ai sensi dell'articolo 5 (1) della legge sull'immigrazione, "le seguenti persone sono immigranti vietati - ... (e) qualsiasi prostituta o omosessuale o qualsiasi persona che potrebbe vivere o ricevere o potrebbe aver vissuto o ricevuto i proventi di prostituzione o comportamento omosessuale ".[29]

Una sfida legale dell'attivista giamaicano Maurice Tomlinson è stata presentata nel 2013 al divieto di immigrazione a Trinidad e Tobago e in Belize. Tomlinson ha chiesto alla Giamaica, il suo paese d'origine, di insistere affinché i divieti di viaggio di questi paesi vengano rimossi sulla base delle disposizioni CARICOM per la libera circolazione dei cittadini dei paesi membri.[30] La Giamaica ha rifiutato e Tomlinson ha presentato una petizione alla Corte di giustizia dei Caraibi chiedendo il permesso di presentare il caso direttamente.[31] Nel maggio 2014, a Tomlinson è stato concesso il permesso di contestare le leggi sull'immigrazione di entrambi i paesi.[32] Nell'ottobre 2014, CARICOM ha aderito al caso come parte interessata a sostegno degli argomenti di Tomlinson. Il 18 marzo 2015 è stata ascoltata la sfida con l'accusa secondo cui l'immigrazione vieta i diritti della libera circolazione per i cittadini caraibici contenuti nel trattato di Chaguaramas.[33][34] Il 10 giugno 2016, il CCJ ha stabilito che né Trinidad e Tobago, né il Belize avevano violato la libertà di movimento di Tomlinson, archiviando il suo caso. A mo 'di chiarimento, la sentenza ha rilevato che nessuno Stato può vietare agli omosessuali dei paesi CARICOM di entrare nei loro paesi a causa dei loro obblighi contrattuali, "nonostante le loro leggi che vietano l'ingresso di gay".[35]

Protezioni contro la discriminazione[modifica | modifica wikitesto]

Il rapporto sui diritti umani del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti del 2011 ha rilevato che:

La legge non protegge l'orientamento sessuale o l'identità di genere. [...] La misura [nel 2011] della discriminazione basata sull'orientamento sessuale era difficile da accertare a causa della mancanza di segnalazioni di discriminazione attraverso i canali ufficiali. United Belize Advocacy Movement (UNIBAM), l'unica organizzazione di difesa delle lesbiche, gay, bisessuali e transgender del paese, ha riferito che continue molestie e insulti da parte del pubblico e della polizia hanno condizionato le sue attività, ma i suoi membri erano riluttanti a presentare reclami. Non sono state organizzate marce di gay pride durante l'anno a causa delle preoccupazioni di un membro dell'UNIBAM sulla possibile reazione avversa del pubblico.[36]

Il 10 agosto 2016, la Corte suprema ha stabilito che la sezione 53 del codice penale beliano è incostituzionale (vedi sopra). Il capo della giustizia Kenneth Benjamin ha anche chiarito che il "sesso", come menzionato nella sezione 16 (3) della Costituzione, include l'orientamento sessuale. Pertanto, la Costituzione del Belize proibisce la discriminazione sulla base dell'orientamento sessuale.[37]

Nel 1996, il ministro degli affari esteri Dean Barrow, (che in seguito sarebbe diventato primo ministro), firmò un trattato multilaterale delle Nazioni Unite noto come Patto internazionale sui diritti civili e politici (ICCPR). Nel 1993, la lingua del trattato fu interpretata dalla Commissione delle Nazioni Unite per i diritti umani per includere le preferenze sessuali nel divieto di discriminazione sulla base del sesso. Secondo il capo della giustizia Benjamin, con la firma del trattato, il Belize ha tacitamente accettato questa interpretazione, e la Costituzione del Belize deve essere interpretata alla stessa luce.[37]

Opinione pubblica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2013, UNAIDS ha condotto un sondaggio su 773 cittadini del Belize, di età compresa tra i 18 ei 64 anni. L'indagine ha rilevato che il 34% voleva accettare gli omosessuali, mentre un altro 34% si considerava tollerante verso di essi[38][39]. Di tutti i paesi dei Caraibi che sono stati intervistati, il Belize e il Suriname hanno avuto la più alta percentuale di accettazione per gli omosessuali.[39]

Condizioni di vita[modifica | modifica wikitesto]

Dalla sentenza della Corte Suprema di agosto 2016, le organizzazioni LGBT sono diventate più visibili e attive. Anche i giovani LGBT sono stati ispirati a dare coming out.[40]

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Il Belize è una popolare destinazione turistica per le persone LGBT. Molte località turistiche ospitano eventi LGBT. San Pedro è considerata la destinazione più gay-friendly per i turisti in Belize. Ha una vivace vita notturna gay durante l'alta stagione. Molte aziende sono di proprietà e gestite da persone LGBT nella città.[40]

Nel 2009, Kim Simplis Barrow, la moglie del primo ministro Dean Barrow, ha personalmente accolto l'arrivo di una nave da crociera lesbica, i cui passeggeri si sono poi offerti volontari in un ospedale pediatrico locale.[40]

Tabella riassuntiva[modifica | modifica wikitesto]

Attività e relazioni sessuali legali Yes (dal 2016)
Parità di età del consenso Yes (dal 2016)
Leggi anti-discriminazione sul lavoro Yes (dal 2016)
Leggi anti-discriminazione nella fornitura di beni e servizi Yes (dal 2016)
Leggi anti-discriminazione in tutti gli altri settori (inclusa discriminazione indiretta e espressioni d'odio) Yes (dal 2016)
Leggi anti-discriminazione riguardanti l'identità di genere No
Matrimonio omosessuale No
Riconoscimento delle coppie omosessuali No
Adozione di figli nati da rapporti precedenti (step-child adoption) parte di coppie omosessuali No
Adozione congiunta da parte di coppie omosessuali No
Autorizzazione a prestare servizio nelle forze armate No
Diritto di cambiare legalmente sesso No
Riconoscimento terzo genere No
Accesso alla fecondazione in vitro per le donne lesbiche No
Surrogazione di maternità per le coppie omosessuali maschili No
Possibilità di donare il sangue da parte di MSM No

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gay Man Maurice Tomlinson Goes To The CCJ About Belize’s Discriminatory Immigration Law, in 7 News Belize, 18 marzo 2015. URL consultato il 13 agosto 2016.
  2. ^ GOB will have limited appeal to CJ’s ruling on Section 53 - The Guardian Newspaper, in The Guardian (Belize), 15 settembre 2016. URL consultato il 17 settembre 2016.
  3. ^ For Belize LGBT’s, Pride is Showing
  4. ^ Belize Criminal Code, su belizelaw.org. URL consultato il 15 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2012).
  5. ^ Colin Stewart, Belize challenge to anti-gay law, 140 characters at a time, Erasing 76 Crimes, 7 maggio 2013. URL consultato l'11 aprile 2015.
  6. ^ Aaron Humes, Supreme Court rules Section 53 unconstitutional (Belize City, Belize), Breaking Belize News, 10 agosto 2016. URL consultato il 10 agosto 2016.
  7. ^ Michael K. Lavers, Belize’s top court strikes down sodomy law (Washington, D. C.), The Washington Blade, 10 agosto 2016. URL consultato il 15 agosto 2016.
  8. ^ Tina Trumbach, Cayman same-sex silence continues as Belize overturns anti-gay law (George Town, Grand Cayman), The Cayman Reporter, 11 agosto 2016. URL consultato il 15 agosto 2016.
  9. ^ Sean Mandell, Belize Supreme Court Strikes Down Last Remaining Gay Sex Ban in Central America, Towleroad, 10 agosto 2016. URL consultato il 10 agosto 2016.
  10. ^ Supreme Court Claim No 668 of 2010 'Caleb Orozco and UNIBAM v. Attorney General of Belize' (PDF), su belizelaw.org. URL consultato il 9 luglio 2012.
  11. ^ "UNIBAM regains ground in court", 7 News Belize, 5 December 2012
  12. ^ Global Post. Gay in Belize? You're breaking the law. Still.. Retrieved 1 December 2013.
  13. ^ The Guardian. Belize gay rights campaigner is facing more death threats, says lawyer. Retrieved 1 December 2013.
  14. ^ About Orozco v AG, su u-rap.org.
  15. ^ Trudy Ring, Belize High Court Strikes Down Sodomy Law, The Advocate, 10 agosto 2016. URL consultato l'11 agosto 2016.
  16. ^ UNIBAM Grand Slam: Gay Sex Law Struck Out (Belize City, Belize), 7 News Belize, 10 agosto 2016. URL consultato l'11 agosto 2016.
  17. ^ Dan Littauer, Love wins! Belize anti-gay law struck down (Scotland), KaleidoScot, 10 agosto 2016. URL consultato il 10 agosto 2016.
  18. ^ BREAKING: GOB will not appeal Section 53 decision (Belize City, Belize), Breaking Belize News, 17 agosto 2016. URL consultato il 17 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 17 agosto 2016).
  19. ^ Evangelical Churches Appeal Section 53 Judgment (Belize City, Belize), 7 News Belize, 16 settembre 2016. URL consultato il 17 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 17 settembre 2016).
  20. ^ Evangelical Application for Appeal Dismiss, They Must Pay Caleb’s Costs (Belize City, Belize), 7 News Belize, 4 ottobre 2016. URL consultato il 5 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2016).
  21. ^ Catholics Officially Out of UNIBAM Appeal (Belize City, Belize), News 5, 5 marzo 2018. URL consultato il 6 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2018).
  22. ^ Churches Abandon Section 53 Appeal (Belize City, Belize), 7 News, 6 marzo 2018. URL consultato il 7 marzo 2018.
  23. ^ a b Owen Bowcott, Global campaign to decriminalise homosexuality to kick off in Belize court, in The Guardian (London), 16 novembre 2011.
  24. ^ "A long fight to decriminalize homosexuality", Latinamerica Press, authored by Louisa Reynolds, 21 December 2011
  25. ^ "Christians 'Take a Stand' Against UNIBAM", 7 News Belize, reported by Jules Vasquez, 5 December 2011
  26. ^ Stacey Kelly, Decriminalizing homosexuality will have dire ripple effects: churches, in Amandala, 25 novembre 2011. URL consultato il 17 settembre 2016.
  27. ^ "Presidential Memorandum -- International Initiatives to Advance the Human Rights of Lesbian, Gay, Bisexual, and Transgender Persons"
  28. ^ a b "Belize Continues to Deny Fundamental Human Rights of Sexual Minorities", Council on Hemispheric Affairs, authored by Robert Works, 17 January 2012
  29. ^ Belize Immigration Act
  30. ^ Suzanne Mills, Visibility is liberty (Trinidad & Tobago), Newsday, 11 agosto 2013. URL consultato l'11 aprile 2015.
  31. ^ Patrick E. Jones, CCJ grants leave to challenge Belize’s Immigration Act (Belize), Breaking Belize News, 8 maggio 2014. URL consultato l'11 aprile 2015.
  32. ^ Isani Cayetano, CARICOM Joins Gay Activist Maurice Tomlinson In Suit Against Belize & Trinidad (Belize City, Belize), News 5, 29 ottobre 2014. URL consultato il 12 aprile 2015.
  33. ^ Darren Wee, Landmark case challenges anti-gay laws in Belize and Trinidad and Tobago (London, England), Gay Star News, 19 marzo 2015. URL consultato il 12 aprile 2015.
  34. ^ Aaron Humes, CCJ hearings end in the case of Maurice Tomlinson (Belize), Breaking Belize News, 18 marzo 2015. URL consultato il 12 aprile 2015.
  35. ^ Gay rights activist loses case against Belize at the CCJ (Belize City, Belize), El Guardian, 16 giugno 2016. URL consultato il 28 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 18 giugno 2016).
  36. ^ 2011 Country Reports on Human Rights Practices: Belize, Bureau of Democracy, Human Rights and Labor, U.S. Department of State, page 16 (PDF), su state.gov.
  37. ^ a b Adele Ramos, “Sex” redefined 20 years ago, and Belizeans didn’t know it! (Belize City, Belize), Amandala, 17 agosto 2016. URL consultato il 18 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 18 agosto 2016).
  38. ^ Polling Sexual Perceptions, in 7 News Belize, 17 aprile 2015. URL consultato il 18 aprile 2015.
  39. ^ a b Aaron Humes, UNAIDS surveys: Belizeans more accepting of LGBT; want more sex education in schools, in Breaking Belize News, Belize Media Group, 17 aprile 2015. URL consultato il 18 aprile 2015.
  40. ^ a b c Does Belize Welcome The LGBT Community?, centralamerica.com, 22 November 2017

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]