Diritti LGBT in Ungheria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La bandiera arcobaleno adattata al profilo dell'Ungheria

L'omosessualità è legale in Ungheria per uomini e donne. La discriminazione in base all'orientamento sessuale e all'identità di genere è vietata nel paese. Le famiglie composte da coppie dello stesso sesso non possono beneficiare degli stessi diritti legali disponibili per le coppie sposate formate da individui di sesso opposto. Per le persone omosessuali e bisessuali è possibile prestare servizio nelle forze armate.

Le persone transgender che vivono in Ungheria possono cambiare il loro genere giuridico.

Storia del diritto penale ed età del consenso[modifica | modifica wikitesto]

Il primo Codice Penale Ungherese di Károly Csemegi (1878) puniva l'omosessualità maschile con pene detentive massime di un anno. Nel 1961 l'attività sessuale tra persone dello stesso sesso sopra i 20 anni è stata decriminalizzata, per poi, nel 1978, essere consentita dal nuovo codice penale anche ai 18enni. Dal 2002 l'età del consenso si è applicata ugualmente all'attività eterosessuale e omosessuale, da quando è stata pronunciata una decisione della corte costituzionale.[1][2]

Tutele per le coppie dello stesso sesso[modifica | modifica wikitesto]

Il pride di Budapest (2017)

Coabitazione[modifica | modifica wikitesto]

La coabitazione non registrata è stata riconosciuta dal 1996. Viene applicata a qualsiasi coppia che vive insieme in un rapporto economico e sessuale (matrimonio di diritto comune), comprese le coppie dello stesso sesso. Non è necessaria alcuna registrazione ufficiale, la legge fornisce alcuni diritti e vantaggi specifici a due persone che vivono insieme. La coabitazione non dichiarata è definita nel codice civile come: "quando due persone vivono insieme all'esterno di un matrimonio in una comunità emotiva e finanziaria della stessa famiglia, a condizione che nessuna di esse sia impegnata in un'unione o in un partenariato con un'altra persona, registrata o altrimenti, e senza legami di parentela. " L'eredità è possibile solo con testamento; la pensione di vedova è disponibile per le coppie che convivono insieme da più di 10 anni.[3]

Unione civile[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 dicembre 2007 è stato approvato, dal parlamento, un disegno di legge per l'istituzione dell'unione civile (presentato dal Partito Socialista Ungherese). Il disegno di legge è stato dichiarato incostituzionale dalla Corte Costituzionale perché duplicava l'istituzione del matrimonio per le coppie formate da persone dello stesso sesso. Nel febbraio 2009, il parlamento ha approvato una versione modificata del disegno di legge. Dal 1º luglio 2009 le coppie dello stesso sesso possono usufruire delle unioni civili. La legge conferisce ai partner registrati gli stessi diritti ai coniugi sposati ad eccezione dell'adozione, della riproduzione assistita o del cognome.[4]

Matrimonio egualitario[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º gennaio 2012 è entrata in vigore una nuova costituzione, adottata dal governo presieduto da Viktor Orbán (leader del partito Fidesz), che limita il matrimonio alle sole coppie formate da individui di sesso opposto.[5]

Adozione e fecondazione in vitro[modifica | modifica wikitesto]

Anche se le coppie dello stesso sesso non possono adottare congiuntamente, l'adozione da parte degli individui è legale, indipendentemente dall'orientamento sessuale o dal rapporto di partenariato.

L'accesso alla fecondazione in vitro è disponibile per le donne single, indipendentemente dall'orientamento sessuale, ma non è disponibile per le persone che vivono in coabitazione o in una partnership registrata con i loro partner dello stesso sesso.

Protezione dalle discriminazioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000 la corte costituzionale ha riconosciuto che il divieto costituzionale di discriminazione basata su "altro status" comprende anche l'orientamento sessuale. La legge del 2003 sulla parità di trattamento e la promozione delle pari opportunità vieta la discriminazione basata su fattori che includono l'orientamento sessuale e l'identità di genere nei settori dell'occupazione, dell'istruzione, dell'alloggio, della sanità e per l'accesso a beni e servizi.

Opinione pubblica[modifica | modifica wikitesto]

Un sondaggio di Eurobarometro, pubblicato nel dicembre 2006, ha riscontrato che il 18% degli ucraini si è detto d'accordo con il matrimonio egualitario, e solo il 13% si è espresso favorevolmente al diritto d'adozione per le coppie omosessuali. Tuttavia un sondaggio condotto l'anno successivo dopo ha indicato che il 30% del pubblico ungherese sostiene il matrimonio egualitario.[6][7]

Nel maggio del 2017 Pew Research Center rileva che il 27% degli ungheresi sia favorevole al matrimonio dello stesso sesso, mentre il 64% si oppone all'idea. Il sostegno è stato più elevato tra i soggetti non religiosi (34%) e quelli nella fascia 18-34 anni (39%), contrariamente ai cattolici (25%) e alle persone di età superiore ai 35 anni (23%).[8]

Tabella riassuntiva[modifica | modifica wikitesto]

Attività e relazioni sessuali legali Yes (dal 1961)
Parità dell'età di consenso Yes (dal 2002)
Leggi anti-discriminazione sul lavoro Yes (dal 2003)
Leggi anti-discriminazione nella fornitura di beni e servizi Yes (dal 2003)
Leggi anti-discriminazione in tutti gli altri settori (inclusa discriminazione diretta ed espressioni d'odio) Yes (dal 2003)
Unione civile Yes (coabitazione dal 1996, unione civile dal 2009)
Matrimonio egualitario No (incostituzionale dal 2012)
Adozioni per le coppie omosessuali No
Autorizzazione a prestare servizio nelle forze armate per le persone LGBT Yes
Autorizzazione a prestare servizio nelle forze armate per i/le transessuali No
Diritto di cambiare legalmente sesso Yes
Maternità surrogata No (vietata solo per le coppie omosessuali)
Permesso di donare il sangue No/Yes (dopo 1 anno dall'ultimo rapporto)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ LGBT Rights in Hungary | Equaldex, su www.equaldex.com. URL consultato il 07 ottobre 2017.
  2. ^ LGBT rights in Hungary, su ipfs.io. URL consultato il 07 ottobre 2017.
  3. ^ Act CXII of 1996 (PDF), su imolin.org.
  4. ^ (EN) Reuters Editorial, Hungary legalizes same-sex civil partnerships, in IN. URL consultato il 07 ottobre 2017.
  5. ^ (EN) New Hungarian constitution comes into effect with same-sex marriage ban, in PinkNews. URL consultato il 07 ottobre 2017.
  6. ^ Hűvös fogadtatás, su www.median.hu. URL consultato il 07 ottobre 2017.
  7. ^ Eight EU Countries Back Same-Sex Marriage: Angus Reid Global Monitor, su angus-reid.com, 15 marzo 2008. URL consultato il 07 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 15 marzo 2008).
  8. ^ (EN) Religious Belief and National Belonging in Central and Eastern Europe, in Pew Research Center's Religion & Public Life Project, 10 maggio 2017. URL consultato il 07 ottobre 2017.