Diritti LGBT a Singapore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Singapore avvolta dai colori della bandiera arcobaleno

A Singapore i Diritti LGBT non sono ammessi; l'attività sessuale tra maschi è illegale e punita dalla legge fino a due anni di carcere, anche se generalmente poco applicata.

Legislazione e codice penale[modifica | modifica wikitesto]

Il codice penale che criminalizza gli atti omosessuali è stato adottato interamente da Singapore nel 1956 da quello precedente vigente durante il dominio coloniale inglese.[1]

Dopo la revisione della legislazione nel 2007, sia il sesso orale che il sesso anale sono stati legalizzati per le coppie eterosessuali e lesbiche; nonostante ciò la Sezione 377a che tratta degli "atti osceni tra uomini consenzienti" è rimasta però in vigore.[2] Nel suo discorso conclusivo al termine del dibattito per l'abrogazione anche della Sezione 377, il primo ministro Lee Hsien Loong ha affermato prima del voto in parlamento che il paese è fondamentalmente costituito da una società conservatrice e che la famiglia ne è l'elemento basilare.[3]

Prima del 2003 agli omosessuali è stato impedito d'assumere posizioni di rilievo all'interno di "impieghi sensibili" all'interno della pubblica amministrazione.[4]

Forze armate[modifica | modifica wikitesto]

Gli omosessuali e gli uomini effeminati in genere vengono utilizzati all'interno delle forze armate seguendo i dettami di una direttiva riguardante la manodopera.

Governo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006 il ministero dello sport e della gioventù ha concesso un'ingente somma ad un'organizzazione affiliata al movimento dei cosiddetti ex-gay con l'intento di "promuovere la salute ed il benessere generale".[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]