Diritti LGBT in Mongolia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'omosessualità è stata depenalizzata in Mongolia a partire dal 1961[1]. I discorsi e i crimini d'odio fondati sulla base dell'orientamento sessuale e dell'identità di genere sono fuorilegge nel paese; non vi è tuttavia all'interno del territorio nazionale ancora alcun riconoscimento giuridico del matrimonio fra persone dello stesso sesso, né tanto meno a favore delle unioni civili o dell'unione di fatto.

Esiste in particolare un'organizzazione attivamente impegnata a favore dei diritti LGBT chiamata "Tavilan", che significa Destino.

A tutt'oggi vi è ancora una notevole mancanza di visibilità per le persone LGBT: secondo dichiarazioni fatte da turisti occidentali non vi è un grado particolarmente alto e preoccupante di omofobia, anche se ancora non vi è per gay e lesbiche un pubblico riconoscimento[2][3].

Legittimità degli atti sessuali tra persone dello stesso sesso[modifica | modifica wikitesto]

In epoca medievale impegnanrsi in attività omosessuali era punibile con la morte[4].

L'età del consenso è posta a 16 anni di età, indipendentemente dall'orientamento sessuale[1].

Riconoscimento delle relazioni omosessuali[modifica | modifica wikitesto]

Il matrimonio non è chiaramente definito dalla costituzione mongola, che recita: "Il matrimonio è ordinato sull'uguaglianza ed il mutuo consenso degli sposi che hanno raggiunto l'età stabilita dalla legge. Lo Stato protegge gli interessi della famiglia, la maternità e la prole"[5].

Protezioni contro la discriminazione e legislazione sui crimini d'odio[modifica | modifica wikitesto]

La violenza e la discriminazione contro le persone LGBT in Mongolia sono abbastanza comuni e spesso non denunciati alla polizia. Nel 2001 una donna lesbica è stata violentata, rapita e accoltellata da due uomini. Nel 2009 un gruppo del neonazistismo ultranazionalista ha rapito tre donne transgender e le ha aggredite sessualmente. Nessuno di questi crimini sono stati segnalati alla polizia per paura di ritorsioni[6].

Nel febbraio 2014 un uomo gay è stato violentato da un gruppo neo-nazista[7]. A seguito della protesta pubblica da parte della comunità LGBT e delle organizzazioni della società civile, il governo ha annunciato nel maggio 2014 che avrebbe preso in considerazione la legislazione anti-discriminazione per tutelare le persone LGBT[8].

Il 3 dicembre 2015 il Grande Hural di Stato ha adottato un nuovo codice di diritto penale, che vieta i crimini d'odio e i discorsi di odio sulla base dell'orientamento sessuale e dell'identità di genere. Il Codice utilizza il termine vago di "crimini di discriminazione", che è descritto nel senso di crimini e discorsi d'odio. I gruppi LGBT hanno annunciato che sarà la polizia a decidere quali sono i detti crimini d'odio e sarà suo compito riconoscerli e a portare l'assistenza che si richiede alle vittime di tali reati. Il codice è entrato in vigore il 1 ° settembre 2016[6][9].

Espressione e identità di genere[modifica | modifica wikitesto]

Una modifica apportata nel giugno 2009 all'articolo 20 (1) della legge sulla registrazione civile consente alle persone transgender di cambiare legalmente il loro genere (scienze sociali) sui certificati di nascita o nelle carte d'identità dei cittadini dopo l'intervento di riassegnazione del sesso[10][11].

I discorsi e i crimini d'odio sulla base dell'identità di genere sono fuorilegge nel paese[6].

Condizioni di vita[modifica | modifica wikitesto]

A tutt'oggi il movimento LGBT manca di visibilità nel paese; mentre non vi è molta omofobia, come affermato da viaggiatori occidentali, non v'è ancora un qualche riconoscimento pubblico dell'omosessualità[2][3].

Nel 2009, dopo più di 10 tentativi falliti, il governo ha registrato il "Centro LGBT", un'organizzazione non governativa che sostiene i diritti delle persone LGBT. [8] Inizialmente l'Agenzia di Stato ha rifiutato di registrare l'organizzazione perché gli inevitabili "conflitti con i valori tradizionali mongoli hanno il potenziale di dare un esempio sbagliato ai giovani e agli adolescenti"[6].

La Giornata internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia viene celebrata dal 2011[12].

Tabella riassuntiva[modifica | modifica wikitesto]

Depenalizzazione delle attività sessuali tra persone dello stesso sesso Yes (dal 1961)
Equalizzazione dell'età del consenso Yes (dal 1961)
Leggi anti-discriminazione nei posti di lavoro No
Leggi antidiscriminatorie nell'uso di beni e servizi No
Legislazione antidiscriminatoria in tutte le altre aree (inclusa la discriminazione indiretta e i discorsi e crimini d'odio) Yes (dal 2016)
La legislazione contro la discriminazione include include l'orientamento sessuale e l'identità di genere Yes (dal 2016)
Matrimonio tra persone dello stesso sesso No
Riconoscimento in unione civile delle coppie dello stesso sesso No
Adozione del configlio (Step-child adoption) per le coppie dello stesso No
Adozione da parte di coppie dello stesso sesso No
Gay e lesbiche possono servire apertamente nelle forze armate Emblem-question.svg
Diritto di cambiare legalmente genere sessuale Yes (dal 2009)
Accesso alla fecondazione in vitro per le coppie lesbiche No
Maternità surrogata per le coppie gay No
Donazione del sangue da parte di uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini (MSM) Emblem-question.svg

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]