Diritti LGBT in Bulgaria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La bandiera arcobaleno copre l'area della Bulgaria

I diritti delle persone LGBT (lesbiche, gay, bisessuali e transgender) in Bulgaria sono differenti rispetto a quelli per le persone eterosessuali. L'omosessualità è legale in Bulgaria, ma le coppie dello stesso sesso e le famiglie guidate dalle coppie dello stesso sesso non hanno le stesse protezioni legali disponibili per le coppie formate da individui di sesso opposto.

La discriminazione sulla base dell'orientamento sessuale è stata vietata dal 2003. L'identità di genere è stata aggiunta alla legge antidiscriminazione del paese nel 2015.

Storia del diritto penale bulgaro[modifica | modifica wikitesto]

Prima della Liberazione[modifica | modifica wikitesto]

L'omosessualità fu legalizzata nel 1858 in tutte le parti dell'Impero Ottomano e di conseguenza anche in Bulgaria (dato che essa ne era una parte). Dopo la Liberazione della Bulgaria dall'impero Ottomano l'omosessualità venne nuovamente recriminalizzata.

Dal 1878 al 1968[modifica | modifica wikitesto]

Con la liberazione della Bulgaria nel 1878 fu istituito un nuovo codice penale nel paese che entrò in vigore il 1 maggio 1896 comportando per gli omosessuali maschi di età superiore ai 16 anni una condanna ad almeno sei mesi di reclusione. Il 13 marzo 1951 la Bulgaria aumentò la pena minima a tre anni di carcere.[1]

Dal 1968[modifica | modifica wikitesto]

Con la revisione del codice penale del 1 maggio 1968 l'omosessualità venne totalmente decriminalizzata, tuttavia, negli anni successivi, vi furono comunque diversi arresti a causa della presunta omosessualità di alcuni individui[2]

Dal 2002, l'età del consenso è stata parificata a quella eterosessuale.

Diritto legislativo bulgaro[modifica | modifica wikitesto]

Matrimonio egualitario[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1991, la costituzione definisce il matrimonio come l'unione tra un uomo e una donna, pertanto vietando il matrimonio egualitario.[3]

Protezione dalle discriminazioni[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2003, la legge sulla protezione contro la discriminazione vieta la discriminazione in tutti i settori e i discorsi d'odio sulla base dell'orientamento sessuale[4]. Nel 2015 l'assemblea nazionale ha approvato un emendamento alla legge che vieta la discriminazione anche per le persone che hanno cambiato il proprio genere.[5]

Adozione[modifica | modifica wikitesto]

In Bulgaria è vietato per le coppie omosessuali adottare.[6]

Identità di genere[modifica | modifica wikitesto]

La legge bulgara sui documenti personali, entrata in vigore il 1 aprile 1999, è stata la prima legge in Bulgaria che disciplina la possibilità di cambiare legalmento sesso nei documenti.[6]

Quando una persona subisce l'intervento di riconciliazione sessuale, deve cambiare il passaporto, la patente di guida, il documento di identità personale, il certificato di nascita e i documenti civici al fine d'uniformare il tutto al nuovo sesso. Non si può subire una chirurgia di riassegnazione del sesso a meno che, la persona in questione, non ricorra prima a un processo ottenendo l'assenso della corte. Senza subire una chirurgia di reassegnazione sessuale una persona non può cambiare il proprio genere giuridico in nessun documento ufficiale.[7]

Servizio militare[modifica | modifica wikitesto]

Con il Protection Against Discrimination Act of 2006 la bulgaria ha permesso alle persone, indipendentemente dal loro orientamento sessuale, di servire nelle forze armate.[8]

Opinione pubblica[modifica | modifica wikitesto]

Un sondaggio del 2002 ha registrato che il 37% dei bulgari pensava che l'omosessualità dovrebbe essere accettata dalla società, successivamente; nel 2007, un altro sondaggio, ha registrato che l'accettazione è salita al 39%.[9]

Il Pew Research Center ha pubblicato un sondaggio a maggio 2017 che individua che il 18% dei bulgari è favorevole al matrimonio per le persone dello stesso sesso mentre il 79% si oppone all'idea. Il sostegno è stato maggiore tra i cristiani ortodossi (19%) e nella fascia tra i 18-34 anni (26%), contrariamente ai musulmani (12%) e alle persone di età superiore ai 35 anni (15%).[10]

Tabella riassuntiva[modifica | modifica wikitesto]

Attività e relazioni sessuali legali Yes (dal 1968)
Parità dell'età di consenso Yes (dal 2002)
Leggi anti-discriminazione sul lavoro Yes (dal 2003)
Leggi anti-discriminazione nella fornitura di beni e servizi Yes (dal 2003)
Leggi anti-discriminazione in tutti gli altri settori (inclusa discriminazione diretta ed espressioni d'odio) Yes (dal 2003)
Leggi anti-discriminazione per le persone transessuali Yes (dal 2015)
Matrimonio egualitario No (incostituzionale dal 1991)
Unione civile No
Adozione No/Yes (vietato per le coppie omosessuali; ma i singoli possono adottare indipendentemente dall'orientamento sessuale)
Procreazione assistita No (solo per le coppie sposate)
Accesso alla fecondazione in vitro per le coppie lesbiche No (solo per le coppie sposate) Autorizzazione a prestare servizio nelle forze armate Yes (dal 2006)
Diritto di cambiare legalmente sesso Yes (dal 1999)
Surrogazione di maternità No
Permesso di donare il sangue Yes[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (BG) Наказателен кодекс от 1951 г. ( Особена част – Престъпления против личността / Престъпления против личната собственост ), in БЛОГ ЗА НАКАЗАТЕЛНО ПРАВО, 8 settembre 2009. URL consultato l'8 ottobre 2017.
  2. ^ (BG) СЕКСОЛОГЪТ ТОДОР БОСТАНДЖИЕВ: ЦОЛА ДРАГОЙЧЕВА МОЛИ ТАТО ДА НЕ ГОНИ ГЕЙОВЕТЕБЛИЦ - Новини от България и света, in Blitz.bg. URL consultato l'8 ottobre 2017.
  3. ^ National Assembly of the Republic of Bulgaria - Constitution, su www.parliament.bg. URL consultato l'8 ottobre 2017.
  4. ^ Lex.bg - Закони, правилници, конституция, кодекси, държавен вестник, правилници по прилагане. URL consultato l'8 ottobre 2017.
  5. ^ Index-bulgaria IGG, Държавен вестник, su dv.parliament.bg. URL consultato l'8 ottobre 2017.
  6. ^ a b Rainbow Europe, su rainbow-europe.org. URL consultato il 18 ottobre 2017.
  7. ^ Annual Review 2011 / Annual Review of the Human Rights Situation for LGBTI people in Europe / Publications / Home / ilga - ILGA Europe, su ilga-europe.org, 17 maggio 2012. URL consultato il 18 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 17 maggio 2012).
  8. ^ (EN) United Nations High Commissioner for Refugees, Refworld | Bulgaria: Situation of homosexuals; protection available to victims of harassment or violence; organizations offering assistance or support to sexual minorities (March 2005 - August 2006), in Refworld. URL consultato il 18 ottobre 2017.
  9. ^ pewglobal (PDF), su pewglobal.org. URL consultato l'8 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 19 settembre 2017).
  10. ^ (EN) Religious Belief and National Belonging in Central and Eastern Europe, in Pew Research Center's Religion & Public Life Project, 10 maggio 2017. URL consultato il 9 ottobre 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]