Diritti LGBT in Australia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'Australia avvolta dai colori della bandiera arcobaleno.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Diritti LGBT in Oceania.

In Australia, le persone gay, lesbiche, bisessuali e transgender (LGBT) godono di gran parte degli stessi diritti degli altri cittadini.

Le coppie omosessuali in Australia hanno la possibilità di unirsi civilmente.[1]

Nel 2014 viene eletto Andrew Barr, il primo capo di governo omosessuale del continente australiano.[2][3]

Nel diritto australiano[modifica | modifica wikitesto]

Storia del diritto penale[modifica | modifica wikitesto]

Le colonie australiane hanno inizialmente ereditato le loro leggi sulla condatta sessuale dal Regno Unito, incluso il Buggery Act del 1533[4]. L'attività sessuale tra individui dello stesso sesso fu considerata un crimine da pena capitale, con la conseguente esecuzione per le persone condannate per sodomia. Nel tempo le varie giurisdizioni federali hanno gradualmente cominciato a ridurre la pena per il reato di sodomia dalla pena di morte all'ergastolo, fino a portarla (in tutto il territorio) a semplice sanzione nel 1949.[4]

Durante un periodo di 22 anni tra il 1975 e il 1997, tutti gli stati e i territori australiani hanno abolito progressivamente le loro leggi sul reato di sodomia.[5]

Leggi contro la discriminazione sulla base dell'orientamento sessuale[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1° agosto 2013 la discriminazione contro le persone lesbiche, gay, bisessuali, transgender e intersessuali è diventata illegale su base federale. Anche per i fornitori di cure che sono di proprietà di gruppi religiosi è vietato escludere persone sulla base del loro status (LGBTI) o a causa di una relazione con una persona dello stesso sesso, tuttavia le scuole private di proprietà di gruppi religiosi sono esentate dall'obbligo di prestare servizio a seconda dell'identità di genere e dell'orientamento sessuale.[6]

Età minima del consenso[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente l'età minima legale per avere un rapporto sessuale, sia per gli eterosessuali che per gli omosessuali, è di 16 anni (eccetto in Tanzania che è di 17).[7]

Riconoscimento federale delle relazioni omosessuali[modifica | modifica wikitesto]

     Unioni civili o istituto similare

     Unioni civili 'de facto'

A seguito della relazione della Commissione australiana sui diritti umani "Same-Sex: same entitlements" [8] e una revisione della legislazione del Commonwealth, nel 2009 il governo australiano ha introdotto varie riforme atte a compensare il trattamento per le coppie dello stesso sesso (sia a livello relazionale che familiare). Le riforme hanno modificato 85 leggi del Commonwealth per eliminare le discriminazioni nei confronti delle coppie dello stesso sesso e dei loro figli in una vasta gamma di settori. Le riforme sono state formulate in due atti legislativi: la "Equal Treatment in Commonwealth Laws-General Law Reform"[9] e la "Equal Treatment in Commonwealth Laws-Superannuation"[10]. Queste leggi hanno modificato molti atti del Commonwealth esistenti (a livello territoriale) con lo scopo di equiparare i diritti dati alle coppie omossessuali con i diritti delle coppie eterosessuali; inoltre hanno parificato la giurisprudenza in molti altri settori, tra cui la tassazione, la sanità, la previdenza sociale, la cura degli anziani, il sostegno ai figli, l'immigrazione, la cittadinanza e il trattamento dei veterani.[11]

Matrimonio egualitario[modifica | modifica wikitesto]

L'emendamento del 2004 al Marriage Act 1961 (varato sotto il Governo Howard) vieta il matrimonio tra persone dello stesso sesso a livello federale.[12]

Opinione pubblica[modifica | modifica wikitesto]

In una ricerca del 2013 Pew Research ha scoperto che il 79% degli australiani pensa che l'omosessualità dovrebbe essere accettata dalla società, classificando l'Australia al 5° posto tra i paesi più tolleranti (per quanto riguarda l'omosessualità) del mondo.[13]

Nel 2014 un sondaggio condotto da Crosby/Textor ha rivelato che il 72% degli australiani si dichiarava a favore del matrimonio egualitario[14].

Un sondaggio del 2017 condotto da Essential Research ha riscontrato che il 63% della popolazione si diceva favorevole alla legalizzazione del matrimonio per le coppie dello stesso sesso mentre il 25% era contrario[15]. In un sondaggio successivo dello stesso anno la percentuale degli elettori che si dichiaravano a favore del matrimonio egualitario era del 69,7% (con un picco dell'83,9% nella fascia d'età 18-34) mentre il 25,7% esprimeva un giudizio contrario.[16]

Australia[modifica | modifica wikitesto]

Stato Matrimonio Adozione congiunta Adozione dei figli del partner Adozione da single Unioni Civili Leggi specifiche contro l'omosessualità Pena Leggi contro la discriminazione sulla base dell'orientamento sessuale Note aggiuntive
Territorio della Capitale Australiana No* Sì (dal 2004) Sì (dal 2004) Sì (dal 1993) Sì (Civil Union) No - Decriminalizzazione dell'omosessualità e prime leggi anti-discriminazione nel 1976. Introduzione delle unioni civili nel 2006.
Australia Meridionale No* Si (Legge non ancora in vigore) Si (Legge non ancora in vigore) Sì** Sì (Domestic Partnership agreement) No - L'omosessualità viene decriminalizzata nel 1972. Le ultime leggi discriminatorie vengono rimosse nel 2006. Le unioni civili vengono introdotte nel 2007.
Australia Occidentale No* Sì (dal 2002) Sì (dal 2002) Sì (De facto) No - L'omosessualità viene decriminalizzata nel 1989. Già nel 1984 si hanno leggi anti-discriminazione. Le unioni civili prendono vita nel 2002 e con loro il diritto di adozione.
Nuovo Galles del Sud e Isola norfolk No* Sì (dal 2010) Sì (dal 2010) Sì (dal 2000) Sì (De facto, Registered Relationship) No - Leggi anti-discriminazione: 1981; legalizzazione dell'omosessualità: 1984; unioni civili: 1999. La città di Sydney adotta però i Contratti Civili.
Queensland No* Si (dal 2016)[17] Si (dal 2016)[17] Sì (dal 2016) Sì (Registered Relationship) No - Nel 1982 si ha la decriminalizzazione della sodomia. Le unioni civili e più stabili leggi anti-discriminazione vengono introdotti nel 2002.
Tasmania No* Sì (dal 2013) Sì (dal 2004) Sì (Registered Significant/Caring Relationship, Personal Relationship agreement) No - Ultimo Stato a legalizzare l'omosessualità (1997). Nel 1998 si hanno le leggi anti-discriminazione e sal 2001 è possibile l'adozione dei figli del proprio partner. Nel 2004 prendono vita le unioni civili.
Territorio del Nord No* No No Sì** Sì (De facto Relationship, Cohabitation Agreement) No - Decriminalizzazione dell'omosessualità nel 1983. Dal 2003 esistono leggi anti-discriminazione e unioni civili.
Victoria No* Si (dal 2016) Sì (dal 2007) Sì (Domestic Relationship, Registered Relationship, Relationship Agreement) No - Nel 1980 lo Stato decriminalizza l'omosessualità. Dal 2001 esistono leggi antidiscriminatorie e dal 2008 le unioni civili non registrate, che inoltre danno la possibilità di adottare il figlio del proprio partner. La città di Melbourne adotta però i Contratti Civili.

Territori esterni[modifica | modifica wikitesto]

Stato Matrimonio Adozione congiunta Adozione dei figli del partner Adozione da single Unioni Civili Leggi specifiche contro l'omosessualità Pena Leggi contro la discriminazione sulla base dell'orientamento sessuale Note aggiuntive
Isole Cocos No* - - - - No - -
Isola di Lord Howe No* - - - - No - -
Isola di Natale No* - - - - No - -

* In Australia l'accesso al matrimonio è una materia di competenza nazionale; la normativa nazionale definisce il matrimonio come l'unione di un uomo e di una donna.[18][19]
** I single hanno accesso all'adozione quando vi sono circostanze particolari.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Bridie Jabour, What's the difference between a civil union and a marriage?, in Brisbane Times, 1° dicembre 2011. URL consultato il 13 agosto 2017.
  2. ^ (IT) "Anthony, ti amo": il primo premier gay d'Australia inizia così - Gay.it, in Gay.it, 11 dicembre 2014. URL consultato il 13 agosto 2017.
  3. ^ (EN) New Chief Minister Andrew Barr to advocate for same-sex marriage, in ABC News, 11 dicembre 2014. URL consultato il 13 agosto 2017.
  4. ^ a b Criminalizzazione omosessualità Australia (PDF), alga.org.au.
  5. ^ (EN) Timeline: Australian states decriminalise male homosexuality, in ABC News, 24 agosto 2015. URL consultato il 13 agosto 2017.
  6. ^ (EN) ParlInfo - Sex Discrimination Amendment (Sexual Orientation, Gender Identity and Intersex Status) Bill 2013, su parlinfo.aph.gov.au. URL consultato il 13 agosto 2017.
  7. ^ (EN) Age of consent laws, in Child Family Community Australia. URL consultato il 13 agosto 2017.
  8. ^ (EN) admin, Same Sex: Same Entitlements, su www.humanrights.gov.au, 14 dicembre 2012. URL consultato il 13 agosto 2017.
  9. ^ (EN) AG, Same-Sex Relationships (Equal Treatment in Commonwealth Laws—General Law Reform) Act 2008, su www.legislation.gov.au. URL consultato il 13 agosto 2017.
  10. ^ (EN) AG; Finance, Same-Sex Relationships (Equal Treatment in Commonwealth Laws—Superannuation) Act 2008, su www.legislation.gov.au. URL consultato il 13 agosto 2017.
  11. ^ (EN) Gay 'justice' suits pragmatic pollies - Eureka Street, su www.eurekastreet.com.au. URL consultato il 13 agosto 2017.
  12. ^ (EN) AG; FaCSIA, Marriage Amendment Act 2004, su www.legislation.gov.au. URL consultato il 13 agosto 2017.
  13. ^ Australia 79% di accettazione (2013), pewglobal.org.
  14. ^ (EN) Crosby/Textor Same-Sex Marriage Research 2014 | Australian Marriage Equality, su www.australianmarriageequality.org. URL consultato il 13 agosto 2017.
  15. ^ Essential Research (PDF), essentialvision.com.au.
  16. ^ (EN) Staff e agencies, Most people in Tony Abbott's electorate back marriage equality, poll shows, in The Guardian, 11 agosto 2017. URL consultato il 13 agosto 2017.
  17. ^ a b (EN) Same-sex couples in Queensland can now adopt children, in ABC News, 3 novembre 2016. URL consultato il 25 gennaio 2017.
  18. ^ (EN) Marriage Act 1961, legge australiana in materia di matrimonio - versione corrente e versioni precedenti
  19. ^ (EN) Marriage Amendment Act 2004, provvedimento di modifica del Marriage Act 1961 approvato dal Parlamento australiano nel 2004

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]