Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Luiz Inácio Lula da Silva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luiz Inácio Lula da Silva
Lula - foto oficial05012007.jpg

35º Presidente del Brasile
Durata mandato 1º gennaio 2003 –
1º gennaio 2011
Predecessore Fernando Henrique Cardoso
Successore Dilma Rousseff

Ministro della Casa Civil del Brasile
Durata mandato 17 marzo 2016 –
18 marzo 2016
Presidente Dilma Rousseff
Predecessore Jaques Wagner
Successore vacante

Presidente del Partito dei Lavoratori
Durata mandato 10 febbraio 1980 –
24 gennaio 1994
Predecessore carica istituita
Successore Rui Falcão

Dati generali
Partito politico Partito dei Lavoratori
Tendenza politica Socialismo democratico
Professione ex sindacalista
Firma Firma di Luiz Inácio Lula da Silva

Luiz Inácio Lula da Silva, nato Luiz Inácio da Silva (/luˈiz iˈnasiu dɐ ˈsiwvɐ/) e soprannominato Lula, (Caetés, 6 ottobre 1945), è un ex politico ed ex sindacalista brasiliano.

È stato il trentacinquesimo presidente del Brasile. Ex operaio metalmeccanico, proponeva politiche che, prima di diventare presidente, erano considerate di estrema sinistra, mentre per il periodo in cui è stato al governo si è collocato vicino a una moderna socialdemocrazia; è stato comunque il presidente più di sinistra che il Brasile abbia conosciuto, dai tempi di João Goulart.

Essendo in stato di detenzione per una condanna penale, dall'aprile 2018 gli è inibito di partecipare alla vita pubblica per tutta la durata della pena[1].

Il nome[modifica | modifica wikitesto]

La carta di identità di Lula
  • Silva: il cognome di Lula è Silva, il cognome più comune in Brasile. In portoghese, la particella da o de non è considerata parte del cognome, ma semplicemente una particella che lega il nome al cognome. Il cognome esatto è quindi Silva e non da Silva.
  • Luiz Inácio da Silva: questo è il nome completo di Lula, che ha usato dal 1945 al 1982.
  • Lula: questo è il suo soprannome dall'infanzia; è una ripetizione della consonante del suo nome Luiz e in portoghese significa anche calamaro. Lula è conosciuto con questo nome da quando, lavorando in un'industria metallurgica, è diventato uno dei sindacalisti principali della scena nazionale. È conosciuto con questo nome fin dagli albori della sua carriera politica.
  • Luiz Inácio Lula da Silva: è il nome completo per legge dal 1982. Nello stesso anno, candidatosi a governatore dello stato di San Paolo, Lula ha cambiato il suo nome legale, aggiungendo il soprannome, con cui era conosciuto in tutto il paese. Secondo le leggi elettorali brasiliane, si può solo usare il proprio nome legale per candidarsi a cariche pubbliche. Se si fosse candidato col nome Luiz Inácio, molti elettori non lo avrebbero riconosciuto.

I giornali brasiliani lo chiamano in maniera formale col suo nome per esteso (Luiz Inácio Lula da Silvia), oppure in maniera meno formale con il solo soprannome (Lula).

I primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Incontro con Benedetto XVI, nel suo viaggio in Brasile, il 9 maggio 2007

Lula nacque da una famiglia povera e analfabeta a Caetés (una frazione del comune di Garanhuns fino al 1964[2]) nello Stato brasiliano di Pernambuco. Allo stato civile, la sua data di nascita risulta essere il 6 ottobre 1945, anche se Lula preferisce utilizzare la data che ricordava sua madre, il 27 ottobre. Nelle aree rurali del Brasile, questa discrepanza nella data di nascita risultante nell'atto di stato civile è comune.[3]

Subito dopo la nascita di Lula, suo padre si trasferì nella città costiera di Santos (nello Stato di San Paolo). La madre di Lula e i suoi otto figli lo raggiunsero nel 1952, dopo un difficoltoso viaggio di 13 giorni. Anche se il loro tenore di vita migliorò rispetto a Pernambuco, la loro vita era ancora molto difficile.[3]

Lula ricevette poca educazione formale; infatti lasciò la scuola dopo la quarta elementare. La sua vita lavorativa cominciò a 12 anni, come lustrascarpe e venditore di strada. A 14 anni trovò il suo primo lavoro regolare in una fabbrica di lavorazione del rame. Quindi proseguì gli studi, e ricevette un diploma equivalente al conseguimento della scuola superiore.[3]

Nel 1956 la sua famiglia si trasferì nella città di San Paolo, che offriva maggiori opportunità. Lula, sua madre e i suoi sette fratelli vissero in una piccola stanza nel retrobottega di un bar.[3]

A 19 anni perse un dito in un incidente, mentre lavorava come operatore di una pressa in una fabbrica di componenti automobilistici. È intorno a quel periodo che cominciò a interessarsi delle attività del sindacato, all'interno del quale ricoprì diversi importanti ruoli. La dittatura brasiliana si oppose fortemente alle attività del sindacato e, per reazione, la visione politica di Lula si indirizzò a sinistra.[4]

Nel 1969 sposò Maria de Lourdes, che morì di parto, col loro bambino. Nel 1974 si risposò, questa volta con Marisa Letícia Rocco Casa (italo-brasiliana), da cui ebbe tre bambini. Ebbe una figlia nata fuori dal matrimonio lo stesso anno, con Miriam Cordeiro.

Carriera nel sindacato[modifica | modifica wikitesto]

Lula con Fidel Castro. Alle loro spalle, in sahariana, Frei Betto

Nel 1978 fu eletto presidente del sindacato dei lavoratori dell'acciaio (Sindicato dos Metalurgicos do ABC) di São Bernardo do Campo e Diadema, le città dove si trova la stragrande maggioranza delle industrie automobilistiche e componentistiche (tra cui Ford, Volkswagen, Mercedes-Benz e altre) e tra le aree più industrializzate del Paese. Prima di ciò, tuttavia, Lula aveva già ricoperto diversi ruoli nello stesso sindacato, ed è grazie a ciò che, nei primi anni settanta, viaggiò negli Stati Uniti, proprio durante la dittatura militare del Brasile, per seguire un corso sui sindacati, sponsorizzato dall'AFL-CIO e da ICFTU-ORIT, l'organizzazione regionale per le Americhe dei sindacati anticomunisti della Confederazione Internazionale per il libero scambio. L'aver avuto stretti contatti con i sindacati nordamericani creò qualche imbarazzo a Lula quando intraprese vie più estremiste anni dopo. Verso la fine degli anni settanta, Lula collaborò in diverse attività dei principali sindacati, tra cui alcuni enormi scioperi. Fu incarcerato per un mese, ma fu rilasciato in seguito a proteste. Gli scioperi terminarono lasciando scontenti sia le forze sindacali sia le fazioni filo-governative.

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Lula e il presidente statunitense Barack Obama durante l'incontro del G-20 a Pittsburgh il 2 aprile 2009

Il 10 febbraio 1980, nel pieno della dittatura militare, un gruppo di professori universitari, dirigenti sindacali e intellettuali, tra cui Lula e Chico Mendes, fondarono il Partido dos Trabalhadores (PT), ovvero Partito dei Lavoratori, un partito di sinistra e con idee progressiste.

Nel 1982 aggiunse il soprannome Lula al suo nome legale. Nel 1983 partecipò alla creazione dell'associazione sindacale Central Única dos Trabalhadores (CUT).[5] Nel 1984 il PT e Lula parteciparono alla campagna politica Diretas Já, che chiedeva un voto popolare diretto per le successive elezioni presidenziali. Secondo la Costituzione brasiliana del 1967, i presidenti erano eletti dai due rami del Congresso in seduta comune, più dei rappresentanti di tutte le Legislazioni Statali, ma questo era largamente considerata una buffonata in quanto, dal colpo di Stato militare, solo ufficiali militari di alto livello (tutti generali in pensione), scelti dopo una consultazione militare interna, venivano "eletti". Come risultato della campagna politica e dopo anni di lotte civili, le elezioni del 1989 furono le prime a eleggere direttamente un presidente dopo 29 anni.

Elezioni[modifica | modifica wikitesto]

Lula e il presidente russo Vladimir Putin il 24 settembre 2003

Lula si candidò a una carica pubblica per la prima volta nel 1982, come governatore dello Stato di San Paolo. Perse, ma aiutò il suo partito a ottenere un numero sufficiente di voti, tali da sopravvivere.

Nelle elezioni del 1986, Lula conquistò un seggio al Congresso brasiliano. Il Partido dos Trabalhadores partecipò alla redazione della Costituzione post-dittatoriale; riuscirono a ottenere forti garanzie costituzionali ai diritti dei lavoratori, ma non ottennero una redistribuzione delle aree agrarie. Nonostante avessero partecipato al suo sviluppo, Lula e il suo partito si rifiutarono di firmare la nuova Costituzione.

Nel 1989, quando era ancora deputato, Lula si candidò alla presidenza, come rappresentante del PT. Nonostante fosse molto apprezzato da una grossa fetta della società brasiliana, non piaceva agli imprenditori e ai banchieri. Di conseguenza, fu preso di mira dai media (famosissimo il dibattito presidenziale contro Collor, pesantemente censurato da Rede Globo), e penalizzato da alcuni brogli durante le elezioni: per esempio, mancarono improvvisamente sezioni di voto in quartieri prevalentemente poveri, dove Lula era ampiamente favorito. Tutto ciò contribuì notevolmente alla sua sconfitta. I ricchi brasiliani non si fidarono del PT soprattutto perché questo si dipingeva come il primo partito movimento della classe operaia organizzato dalla base: il PT era infatti formato da una blanda coalizione di gruppi di sindacalisti, attivisti della base, cattolici di sinistra, socialdemocratici di centro-sinistra e piccoli gruppi trotskisti. Al contrario, il Partito Laburista Brasiliano di Vargas era fondamentalmente una massiccia organizzazione costruita attorno ai vertici della burocrazia dei sindacati governativi.

Lula decise di non candidarsi nuovamente al seggio di deputato nel 1990, preferendo lavorare al miglioramento dell'organizzazione del PT nel Paese. Nel 1992 Lula partecipò alla campagna per deporre il presidente Fernando Collor de Mello, che lo aveva sconfitto nel 1989, dopo una serie di scandali legati a finanziamenti pubblici.

Chávez, Kirchner e Lula a Brasilia il 19 gennaio 2006

Fu nuovamente candidato alla presidenza nel 1994 e nel 1998. Nelle elezioni del 1994, Lula fronteggiò Fernando Henrique Cardoso, ex Ministro delle Finanze e responsabile per il piano real, che portò l'inflazione brasiliana sotto controllo, dopo decenni di crescita a due cifre. Forte di questo risultato, Cardoso vinse le elezioni al primo turno. Nel 1998, Cardoso si ripresentò, grazie al passaggio di un emendamento costituzionale che permetteva al presidente di ricandidarsi, e vinse nuovamente al primo turno.

Presidenza[modifica | modifica wikitesto]

Nella campagna elettorale del 2002, Lula abbandonò sia il suo abbigliamento informale sia il suo progetto di condizionare il pagamento dell'ingente debito estero a una verifica. Quest'ultimo punto aveva preoccupato molti economisti, imprenditori e banchieri, che temevano che anche solo un default parziale, congiunto al contemporaneo fallimento argentino, avrebbe avuto un effetto devastante sull'economia mondiale.

Lula divenne presidente dopo aver vinto il ballottaggio, nelle elezioni del 2002, contro il candidato di centro José Serra del Partito della Social Democrazia Brasiliana (PSDB). Lula fu eletto alle elezioni presidenziali il 27 ottobre 2002, al ballottaggio, con il 61% dei voti; ottenne 52,4 milioni di voti, ovvero il più alto numero di voti della recente storia democratica del Brasile. Assunse la carica il 1º gennaio 2003.[6] Il suo vicepresidente, con cui fu eletto, era José Alencar, proveniente dal partito liberale brasiliano, e attualmente appartenente al Partito Repubblicano Brasiliano.

Il 29 ottobre 2006 Lula è riconfermato presidente, con oltre il 60% dei voti al ballottaggio, sconfiggendo il candidato del PSDB Geraldo Alckmin. Al primo turno si era fermato poco sopra il 48%, non riuscendo quindi a centrare subito la vittoria.

Dall'inizio della sua carriera politica fino ad oggi, Lula ha cambiato alcune delle sue idee originali e ha moderato le sue posizioni. Invece dei drastici cambiamenti sociali che ha proposto in passato, il suo governo ha scelto una linea riformista, approvando la nuova legislazione sulla pensione, la tassa, il lavoro e la giustizia, e discutendo sulla riforma universitaria. Pochissime delle riforme proposte sono state effettivamente attuate durante il mandato di Lula. Alcune ali del Partito dei Lavoratori in disaccordo con la crescente moderazione messa in atto dalla fine degli anni ottanta hanno lasciato il partito per formare ali dissidenti come il Partito Socialismo e Libertà.

Politiche sociali: Fome Zero e Bolsa Família[modifica | modifica wikitesto]

Lula ha posto i programmi sociali in cima alla sua agenda politica. Sin dall'inizio il suo programma principale era quello di sradicare la fame, seguendo la guida di progetti già messi in pratica dall'amministrazione Fernando Henrique Cardoso, ma ampliati dal nuovo programma Fome Zero ("Fame Zero").[7] Questo programma riunisce una serie di programmi con l'obiettivo di porre fine alla fame in Brasile, compresa la costruzione di cisterne per l'acqua nella regione semi-arida del Brasile di Sertão, oltre ad azioni per contrastare la gravidanza adolescenziale, rafforzare l'agricoltura familiare, distribuire una quantità minima di denaro per i poveri e molte altre misure.

Fome Zero ha un budget governativo e accetta donazioni dal settore privato e da organizzazioni internazionali.

Il più grande programma sociale, tuttavia, è stato Bolsa Família, basato sul precedente programma Bolsa Escola, subordinato alla frequenza scolastica, introdotta per la prima volta nella città di Campinas dall'allora sindaco José Roberto Magalhães Teixeira. Non molto tempo dopo, altri comuni e stati hanno adottato programmi simili. Il presidente Fernando Henrique Cardoso ha successivamente federalizzato il programma nel 2001. Nel 2003, Lula ha costituito la Bolsa Família combinando la Bolsa Escola con quote aggiuntive per il cibo e il gas da cucina. Ciò è stato preceduto dalla creazione di un nuovo ministero: il Ministero per lo Sviluppo Sociale e la Lotta alla Fame. Questa fusione ha ridotto i costi amministrativi e la complessità burocratica sia per le famiglie coinvolte che per l'amministrazione del programma.

Il programma Bolsa Família è stato elogiato a livello internazionale per i suoi risultati, nonostante le critiche interne che lo accusano di essersi trasformato in un'arma elettorale.

Durante la sua presidenza, grazie a nuove politiche di welfare, milioni di brasiliani hanno sensibilmente migliorato la propria condizione di vita. Il ceto medio brasiliano è così arrivato a raggiungere il 54% della popolazione nel 2013 (presidenza Rousseff). Il Programa Bolsa Família, l'allargamento del Sistema unico di salute (Sus) e il programma Brasil Sem Miseria (Brasile senza povertà), che eroga sussidi a milioni di famiglie, garantendo sostentamento e scolarità gratuita, hanno contribuito a sottrarre milioni di persone dalla fame e dall'indigenza.[8] L'indice di sviluppo umano è così aumentato del 36% nel 2013 rispetto al 1980.

Insieme a progetti come Fome Zero e Bolsa Família, il programma di punta dell'amministrazione di Lula è stato il Programa de Aceleração do Crescimento (PAC, Programma di accelerazione della crescita).

Politiche economiche[modifica | modifica wikitesto]

Mentre Lula si rafforzò nella corsa alle elezioni del 2002, il timore di misure drastiche e il paragone con Hugo Chávez del Venezuela aumentarono le speculazioni sul mercato interno. Ciò ha portato a qualche isteria di mercato, contribuendo a una diminuzione del valore del real ed a un abbassamento del rating del credito del Brasile.[9]

All'inizio del suo primo mandato, il ministro delle finanze scelto da Lula era Antonio Palocci, un medico ed ex attivista trotskista che aveva ritrattato le sue opinioni d'estrema sinistra mentre serviva come sindaco di Ribeirão Preto, centro dell'industria di lavorazione della canna da zucchero, nello stato di São Paulo. Lula ha anche scelto Henrique Meirelles del Partito della Social Democrazia Brasiliana, un eminente economista orientato al mercato, a capo della Banca centrale brasiliana. Come ex amministratore delegato del BankBoston era noto al mercato.[10] Meirelles fu eletto alla Camera dei Deputati nel 2002 come membro del PSDB avversario, ma si dimise da deputato per diventare Governatore della Banca Centrale.[10]

Silva e il suo gabinetto seguirono in parte la guida del precedente governo[11], rinnovando tutti gli accordi con il Fondo Monetario Internazionale, che furono firmati dal momento in cui l'Argentina andò in default nel 2001. Il suo governo raggiunse un soddisfacente saldo di bilancio primario nei primi due anni, come previsto dall'accordo con il FMI, superando l'obiettivo per il terzo anno. Verso la fine del 2005, il governo ha ripagato il suo debito con l'FMI per intero, due anni prima del previsto.[12] Tre anni dopo le elezioni, Lula aveva lentamente ma con fermezza guadagnato la fiducia del mercato, e gli indici di rischio sovrani sono scesi a circa 250 punti.

L'economia brasiliana non è stata generalmente influenzata dallo Scandalo del mensalão, che si riferiva all'acquisto di voti nel Congresso brasiliano.[13] All'inizio del 2006, tuttavia, Palocci ha dovuto rassegnare le dimissioni da Ministro a causa del suo coinvolgimento in uno scandalo di abuso di potere. Lula quindi nominò Guido Mantega, un membro del PT e un economista di professione, come Ministro delle Finanze. Mantega, un ex marxista che aveva scritto una tesi di dottorato (in sociologia) sulla storia delle idee economiche in Brasile da un punto di vista di sinistra, era noto per le sue critiche agli alti tassi di interesse, qualcosa che rivendicava interessi bancari soddisfatti. Mantega sosteneva anche un più alto livello di occupazione da parte dello stato.

Poco dopo l'inizio del suo secondo mandato, il governo di Lula ha annunciato il già nominato Programa de Aceleração do Crescimento (PAC, Programma di accelerazione della crescita), un programma di investimenti per risolvere molti dei problemi che hanno impedito all'economia brasiliana di espandersi più rapidamente. Le misure comprendevano investimenti nella creazione e nella riparazione di strade e ferrovie, la semplificazione e la riduzione della tassazione e la modernizzazione della produzione energetica del paese per evitare ulteriori carenze. L'obiettivo era rafforzare le infrastrutture del Brasile e, di conseguenza, stimolare il settore privato e creare più posti di lavoro. Il denaro impegnato per essere speso per questo programma è stato considerato pari a circa 500 miliardi di real (oltre 250 miliardi di dollari) per quattro anni. Prima di entrare in carica, Lula era stato un critico della privatizzazione. Nel suo governo, tuttavia, la sua amministrazione ha creato concessioni di partenariato pubblico-privato per sette strade federali.

Il PAC aveva un budget totale di $ 646 miliardi di real (353 miliardi di dollari) entro il 2010 ed era il principale programma di investimento dell'amministrazione Lula. Il settore delle infrastrutture sociali e urbane avrebbe ricevuto $ 84,2 miliardi di real (46 miliardi di dollari).

Dopo decenni con il maggiore debito estero tra le economie emergenti, il Brasile è diventato un creditore netto per la prima volta nel gennaio 2008. A metà del 2008, sia Fitch Ratings che Standard & Poor's avevano elevato la classificazione del debito brasiliano da speculativo a investment grade. Le banche hanno realizzato profitti record sotto il governo di Lula.

Il secondo mandato di Lula fu molto più sicuro essendo non solo il padrone indiscusso dell'affetto popolare, come il primo presidente a portare un modesto benessere a molte persone, ma anche a controllare completamente la propria amministrazione. I suoi due ministri principali erano spariti. Palocci non era più necessario per calmare i nervi degli investitori stranieri e Lula non aveva mai voluto o in qualche modo temuto José Dirceu, un esperto del freddo calcolo politico e intrigo coinvolto anche nello Scandalo del mensalão. La loro eliminazione congiunta ha stabilito Lula come unica guida a Brasilia. Quando, a metà del suo secondo mandato, arrivò un momento di grave crisi dovuta alla crisi di Wall Street nel 2008, lo gestì con disinvoltura. Il Brasile ha goduto di buona salute economica per combattere la crisi finanziaria globale con un grande stimolo economico durato fino alla crisi del 2014.

Le politiche economiche dell'amministrazione Lula hanno anche contribuito a migliorare significativamente il tenore di vita, con la percentuale di brasiliani appartenenti alla classe media consumistica saliti dal 37% al 50% della popolazione.

Politiche ambientali[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 2004 e il 2012, grazie alle politiche della presidenza Lula, la deforestazione amazzonica è diminuita da 27.700 km² all'anno a 4.500 km² all'anno.[14]

Politica estera[modifica | modifica wikitesto]

Conducendo uno stato agricolo ampio e competitivo, Lula si è generalmente opposto ed ha criticato i sussidi agricoli, e questa posizione è stata vista come una delle ragioni per l'abbandono dei paesi in via di sviluppo e il successivo crollo dei colloqui dell'Organizzazione mondiale del commercio a Cancún nel 2003 rispetto ai sussidi agricoli del G8. Il Brasile ha svolto un ruolo importante nei negoziati riguardanti i conflitti interni in Venezuela e Colombia e ha concentrato molti sforzi per rafforzare il Mercosur.[15] Durante l'amministrazione Lula, il commercio estero brasiliano è aumentato drasticamente, passando da deficit a diverse eccedenze dopo il 2003. Nel 2004 l'eccedenza è stata di 29 miliardi di dollari, a causa di un sostanziale aumento della domanda globale di materie prime. Il Brasile fornì inoltre truppe alle Nazioni Unite e condusse una missione di peace-keeping ad Haiti.[16]

Secondo The Economist del 2 marzo 2006, Lula aveva una politica estera pragmatica, vedendosi come un negoziatore, non un ideologo, un leader abile nel riconciliare gli opposti. Di conseguenza, fece amicizia con il presidente venezuelano Hugo Chávez e con il presidente degli Stati Uniti George W. Bush.[17] Lula ha anche guadagnato una statura crescente nell'emisfero australe attraverso la crescita economica in Brasile. Nel 2008, si dice che sia diventato un "uomo di punta per la guarigione delle crisi regionali", come nell'escalation delle tensioni di quell'anno tra Colombia, Venezuela ed Ecuador.[18]

Ha viaggiato in oltre 80 paesi durante la sua presidenza.[19] Uno degli obiettivi della politica estera di Lula era che il paese ottenesse un seggio come membro permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. In questo non ha avuto successo.[19]

Il 9 maggio 2007 il Presidente Lula ha ricevuto Papa Benedetto XVI in visita ufficiale in Brasile, arrivato per proclamare santo il francescano Frei Galvão.

Il caso internazionale suscitato dalla condanna di Sakineh Mohammadi Ashtiani per il reato di adulterio, con una sentenza di esecuzione per lapidazione, ha portato a chiedere l'intervento di Lula a suo nome. Sulla questione, Lula ha commentato: "Ho bisogno di rispettare le leggi di un paese [straniero]. Se la mia amicizia con il presidente dell'Iran e il rispetto che ho per lui valgono qualcosa, se questa donna è diventata una seccatura, la riceverà il Brasile". Il governo iraniano, tuttavia, declinò l'offerta.[20][21] Le azioni e i commenti di Lula hanno suscitato polemiche. Mina Ahadi, politica comunista iraniana, ha accolto l'offerta di asilo di Lula per Ashtiani, ma ha anche ribadito un appello per la fine della lapidazione e chiedendo la cessazione del riconoscimento e del sostegno al governo iraniano a tale pratica.[22][23][24][25] Jackson Diehl, direttore editoriale del Washington Post, ha definito Lula "il miglior amico dei tiranni nel mondo democratico" e ha criticato le sue azioni.[20] Shirin Ebadi, attivista iraniana per i diritti umani e vincitore del Premio Nobel per la Pace, ha osservato l'intervento di Lula in una luce più positiva, definendolo un "potente messaggio alla Repubblica Islamica".[26]

Passaggio di testimone[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno del 2010, quattro mesi prima della fine del suo secondo mandato, non potendosi candidare per un terzo mandato consecutivo, ha indicato la politica ed economista Dilma Rousseff, ministro della Casa Civil nel suo governo, per il ruolo di candidata del PT alla presidenza della repubblica.

Durante la campagna per le elezioni presidenziali dell'ottobre 2010, si è speso in prima persona per sostenere la Rousseff e l'ha accompagnata in molte manifestazioni ufficiali del partito. Prima di passare il testimone alla nuova Presidente si oppone all'estradizione dell'ex terrorista italiano Cesare Battisti, condannato all'ergastolo, con sentenza passata in giudicato, per quattro omicidi.[27]

A fine ottobre del 2011 viene rivelato che Lula soffre di un tumore alla laringe e che si sarebbe perciò sottoposto a trattamenti chemioterapici.[28]

Vicende giudiziarie[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2016 Lula viene coinvolto nella Operação Lava Jato (Operazione Autolavaggio), con l'accusa di aver ricevuto denaro dalla Petrobras, oltre a favori da parte di imprese, come la costruzione di un ranch e di un appartamento fronte mare.[29] La presidente Dilma Rousseff ha tentato di nominare Lula ministro, secondo alcuni per sottrarlo all'inchiesta, ma la nomina è stata bloccata dalla giustizia.[30]

Il 4 marzo 2016 è stato fermato e interrogato per tre ore nell'ambito di un'inchiesta sui rapporti di Petrobras: Lula ha respinto le accuse di corruzione. A giudizio dopo un anno, Lula è stato condannato per aver accettato tangenti del valore di 3,7 milioni di reais (1,2 milioni di dollari), è stato condannato il 12 luglio 2017 dal giudice Sérgio Moro, in primo grado, a nove anni e mezzo di prigione[31], ma è rimasto libero in attesa dell'appello. Quando questo è stato deciso, in secondo grado la pena è stata aumentata a 12 anni[32] e la Corte suprema ha respinto il suo appello contro la provvisoria esecutività della sentenza.

Il 7 aprile 2018 Lula si consegna alla polizia e viene condotto a Curitiba a scontare la pena inflittagli[33]. In ragione della condanna, i suoi diritti politici risultano sospesi in conformità con la "legge Foglio Pulito".

Passione calcistica[modifica | modifica wikitesto]

Lula con Ronaldinho prima di Brasile-Inghilterra del 1º giugno 2007.

Noto tifoso del Corinthians, nel novembre 2004 nominò Kaká ambasciatore contro la fame del PAM, il programma alimentare mondiale dell'ONU.[34][35] Nell'autunno 2008, durante una visita in Italia, il presidente rossonero Berlusconi lo accolse facendogli incontrare i calciatori brasiliani che - all'epoca - facevano parte della squadra.[36]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze brasiliane[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro e Gran Collare dell'Ordine Nazionale della Croce del Sud - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Gran Collare dell'Ordine Nazionale della Croce del Sud
— 2003
Gran Maestro e Gran Croce dell'Ordine del Rio Branco - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Gran Croce dell'Ordine del Rio Branco
— 2003
Gran Maestro e Gran Croce dell'Ordine al Merito Militare - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Gran Croce dell'Ordine al Merito Militare
— 2003
Gran Maestro e Gran Croce dell'Ordine al Merito della Marina Militare - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Gran Croce dell'Ordine al Merito della Marina Militare
— 2003
Gran Maestro e Gran Croce dell'Ordine al Merito dell'Aviazione Militare - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Gran Croce dell'Ordine al Merito dell'Aviazione Militare
— 2003
Gran Maestro e Gran Croce dell'Ordine al Merito della Magistratura Militare - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Gran Croce dell'Ordine al Merito della Magistratura Militare
— 2003

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav (Norvegia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav (Norvegia)
— 2003
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Norvegese al Merito (Norvegia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Norvegese al Merito (Norvegia)
— 2003
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Sole del Perù (Perù) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Sole del Perù (Perù)
— 2003
Collare dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna)
— 11 luglio 2003[37]
Premio Principe delle Asturie per la cooperazione internazionale (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Premio Principe delle Asturie per la cooperazione internazionale (Spagna)
— Oviedo, 18 giugno 2003[38]
Ordine di Jaroslav il Saggio di I Classe (Ucraina) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Jaroslav il Saggio di I Classe (Ucraina)
«Per il rilevante contributo allo sviluppo della cooperazione ucraino-brasiliana»
— 2003
Gran Collare dell'Ordine della Libertà (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine della Libertà (Portogallo)
— 23 luglio 2003
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Stella Equatoriale (Gabon) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Stella Equatoriale (Gabon)
— 2004
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Amílcar Cabral (Capo Verde) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Amílcar Cabral (Capo Verde)
— 2004
Gran Collare dell'Ordine di Boyacá (Colombia) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine di Boyacá (Colombia)
— 2005
Compagno dell'Ordine della Stella del Ghana (Ghana) - nastrino per uniforme ordinaria Compagno dell'Ordine della Stella del Ghana (Ghana)
— 2005
Gran Collare dell'Ordine Nazionale del Condor delle Ande (Bolivia) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine Nazionale del Condor delle Ande (Bolivia)
— 2007[39]
Collare dell'Ordine dell'Aquila Azteca (Messico) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine dell'Aquila Azteca (Messico)
— 2007
Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca)
— 12 settembre 2007
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Torre e della Spada (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Torre e della Spada (Portogallo)
— 5 marzo 2008
Collare dell'Ordine del Re Abd al-Aziz (Arabia Saudita) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine del Re Abd al-Aziz (Arabia Saudita)
— maggio 2009[40]
Ordine della Libertà (Ucraina) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Libertà (Ucraina)
«Per il rilevante contributo allo sviluppo della cooperazione ucraino-brasiliana»
— 2009
Membro di I Classe dell'Ordine degli Omayyadi (Siria) - nastrino per uniforme ordinaria Membro di I Classe dell'Ordine degli Omayyadi (Siria)
— 2010
Medaglia di Amílcar Cabral (Guinea Bissau) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di Amílcar Cabral (Guinea Bissau)
— 2010[41]
Collare dell'Ordine dell'Aquila (Zambia) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine dell'Aquila (Zambia)
— 2011
Ordine dei Compagni di O.R. Tambo in Oro (Sudafrica) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine dei Compagni di O.R. Tambo in Oro (Sudafrica)
«Per il suo straordinario contributo al progresso dell'agenda del Sud e per la creazione di un sistema giusto ed equo della governance globale.»
— 27 aprile 2011[42]
Cavaliere di Gran Croce Onorario dell'Ordine del Bagno (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce Onorario dell'Ordine del Bagno (Regno Unito)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lopes Marina,"Lula verdict plunges Brazil into political chaos ahead of presidential election". The Washington Post (5 April 2018).
  2. ^ Caetés: formação administrativa (in portoghese)
  3. ^ a b c d Luis Inacio Lula da Silva, su educacao.uol.com.br. URL consultato l'8 maggio 2013.
  4. ^ Lula demorou 13 dias para ir de PE a SP e quatro eleições para chegar a presidencia, su www1.folha.uol.com.br. URL consultato l'8 maggio 2013.
  5. ^ Luis Inacio Lula da Silva, su educacao.uol.com.br. URL consultato l'8 maggio 2013.
  6. ^ Oposição e guinada ao centro fazem Lula e PT vencerem a primeira eleição presidencial, su www1.folha.uol.com.br. URL consultato l'8 maggio 2013.
  7. ^ (EN) Lula - Brazil's Lost Leader. URL consultato il 25 aprile 2018.
  8. ^ Brasile su Enciclopedia Treccani
  9. ^ (EN) Brazil hit by debt downgrade, 21 giugno 2002. URL consultato il 25 aprile 2018.
  10. ^ a b Banco Central do Brasil, su bcb.gov.br, 27 settembre 2007. URL consultato il 25 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2007).
  11. ^ IEDI, su iedi.org.br, 22 dicembre 2008. URL consultato il 25 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2008).
  12. ^ (EN) Brazil to pay off IMF debts early, 14 dicembre 2005. URL consultato il 25 aprile 2018.
  13. ^ O Chefe, de Ivo Patarra, su www.escandalodomensalao.com.br. URL consultato il 25 aprile 2018.
  14. ^ (FR) Le Brésil prend un tournant négatif sur l'environnement et la déforestation, in Reporterre, le quotidien de l 'écologie. URL consultato il 25 aprile 2018.
  15. ^ (EN) Interview transcript: Luiz Inácio Lula da Silva, su Financial Times, 11 luglio 2006. URL consultato il 25 aprile 2018.
  16. ^ Tropas brasileiras ainda lideram missão no Haiti, diz Jobim, in Folha de S.Paulo. URL consultato il 25 aprile 2018.
  17. ^ (EN) Lula's leap, su The Economist. URL consultato il 25 aprile 2018.
  18. ^ (EN) Chris Kraul e Patrick J. Mcdonnell, Lula's stature grows in S. America, in Los Angeles Times, 05 ottobre 2008. URL consultato il 25 aprile 2018.
  19. ^ a b Rhodri Davies, The axis of Brazil, su www.aljazeera.com. URL consultato il 25 aprile 2018.
  20. ^ a b PostPartisan - Lula: Stonewalled by Iran. URL consultato il 25 aprile 2018.
  21. ^ (EN) Saeed Kamali Dehghan, Tom Phillips, Rory Carroll, Iran stoning woman offered asylum by Brazil's president Lula, su the Guardian, 1° agosto 2010. URL consultato il 25 aprile 2018.
  22. ^ Press Release 29: On Brazilian offer of asylum to Sakineh Mohammadi Ashtiani | International Committee Against Stoning, su stopstonningnow.com, 11 maggio 2011. URL consultato il 25 aprile 2018 (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2011).
  23. ^ Open letter to the Brazilian president Luiz Inácio Lula da Silva A regime of stoning should not be recognised | International Committee Against Stoning, su stopstonningnow.com, 11 maggio 2011. URL consultato il 25 aprile 2018 (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2011).
  24. ^ (PT) Porta voz do Comitê Internacional contra Apedrejamento envia carta aberta a Lula, in VEJA.com. URL consultato il 25 aprile 2018.
  25. ^ (PT) Lula pode ajudar a libertar condenada a apedrejamento, diz ativista iraniana, in Mundo, 30 luglio 2010. URL consultato il 25 aprile 2018.
  26. ^ (EN) Shirin Ebadi, When Adultery Means Death, su Huffington Post, 07 agosto 2010. URL consultato il 25 aprile 2018.
  27. ^ Articolo del britannico The Guardian del 29 dicembre 2010
  28. ^ Articolo de Il Sole 24 ORE del 29 ottobre 2011
  29. ^ Brasile, scandalo Petrobras: Lula rilasciato dopo l'interrogatorio. L'ex presidente: "Non ho nulla da temere", su repubblica.it. URL consultato il 18 marzo 2016.
  30. ^ Brasile, bloccata la nomina di Lula, su ilsole24ore.com. URL consultato il 17 marzo 2016.
  31. ^ Former Brazilian President Lula found guilty of corruption, Reuters, 12 luglio 2017. URL consultato il 10 luglio 2017.
  32. ^ E. Guanella, Brasile, prigione per Lula: “Colpevole di corruzione”, La Stampa, 5 aprile 2018
  33. ^ http://www.bbc.com/news/world-latin-america-43686174
  34. ^ Comunicato Stampa: La star del calcio Kakà contro la fame nel mondo, wfp.org, 30 novembre 2004. URL consultato il 6 marzo 2011.
  35. ^ Calcio, Milan: Kakà nominato Ambasciatore contro la Fame, su sport.repubblica.it, 26 novembre 2004.
  36. ^ Berlusconi a Villa Madama con Lula in prima fila i brasiliani del Milan, su repubblica.it, 11 novembre 2008.
  37. ^ Bollettino Ufficiale di Stato
  38. ^ Acta del Jurado
  39. ^ Articolo[collegamento interrotto]
  40. ^ Саудовская Аравия и Бразилия заключили соглашение о сотрудничестве, ВЗГЛЯД.РУ, 17 мая 2009. URL consultato il ??? (archiviato dall'url originale il 22 giugno 2012).
  41. ^ [1] President of Guinea Bissau decorates Brazilian President
  42. ^ Sito web della Presidenza della Repubblica: dettaglio decorato. Archiviato il 12 novembre 2014 in Internet Archive.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Cristiano Zanin Martins, Valeska Teixeira Zanin Martins, Rafael Valim, O caso Lula. A luta pela afirmação dos direitos fundamentais no Brasil [1 ed.], Editora Contracorrente, 2016.
  • Marco Sommariva, Lula, edizioni Malatempora , 2003.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN98020187 · ISNI (EN0000 0001 2144 7694 · LCCN (ENn82021520 · GND (DE120309858 · BNF (FRcb12505169r (data) · NLA (EN35761290