Partenariato pubblico-privato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il partenariato pubblico-privato (abbrev. PPP) è una forma di cooperazione tra i poteri pubblici e i privati, con l'obiettivo di finanziare, costruire e gestire infrastrutture o fornire servizi di interesse pubblico. Tale forma di cooperazione con soggetti privati consente alla pubblica amministrazione di attrarre maggiori risorse di investimento e competenze non disponibili al suo interno.

Il PPP non rappresenta, attualmente, né una categoria giuridica né tanto meno un istituto, quanto piuttosto una nozione descrittiva di un modello di organizzazione e di azione amministrativa, esprimentesi in figure ed istituti sia tipici che atipici.

Non esistono d'altro canto, a livello comunitario, definizioni normative esatte di PPP.

Il “Libro Verde relativo ai Partenariati Pubblico-Privati ed al diritto comunitario degli appalti pubblici e delle concessioni (Comunicazione Commissione UE 30 aprile 2004, COM 2004 n.327) chiarisce che, con tale termine ci si riferisce, in generale, a forme di cooperazione tra le autorità pubbliche e il mondo delle imprese che mirano a garantire il finanziamento, la costruzione e la gestione o la manutenzione di un'infrastruttura oppure la fornitura di un servizio e che presentano le seguenti caratteristiche:

  1. Durata relativamente lunga della collaborazione pubblico-privata (la partnership deve estendersi normalmente anche alla condivisione dei profili progettuali dell'attività da realizzare);
  2. Modalità di finanziamento sostanzialmente privato (è tollerata una limitata partecipazione pubblica);
  3. Ruolo strategico del privato e rilevante in ogni fase del progetto (il partner pubblico si concentra invece, principalmente, sulla definizione degli obiettivi da raggiungere in termini di interesse pubblico, di qualità dei servizi offerti, di politica dei prezzi, e garantisce il controllo del rispetto di questi obiettivi);
  4. Ripartizione del rischio dell'attività tra soggetto pubblico e privato.

Tipologie di PPP[modifica | modifica wikitesto]

Il Libro Verde individua, in particolare, due macro categorie di partenariati, in base agli strumenti di realizzazione delle operazioni:

  • Partenariato contrattuale: è basato sulla natura negoziale del legame di cooperazione (concessione di costruzione e gestione o concessione di servizi, affidamento a contraente generale, project financing, global service, locazione finanziaria etc.) e della relativa disciplina;
  • Partenariato istituzionalizzato: consiste nella creazione di un soggetto originale e nuovo, un'entità ad hoc (società mista o fondazione di partecipazione), detenuta congiuntamente dal partner pubblico e dal partner privato, cui è demandato il compito di assicurare la fornitura di un'opera o di un servizio a favore della collettività.

Il trattamento contabile del PPP ed Eurostat Test[modifica | modifica wikitesto]

Con la Decisione EUROSTAT n. 4 del 11 Febbraio 2004 “Treatment of public-private partnerships”, l'oggetto del contratto di PPP può essere classificata da un'amministrazione come “non government”, e contabilizzata off balance, nei casi in cui il partner privato sopporti il rischio di costruzione e almeno uno tra il rischio di disponibilità e il rischio di domanda.

Analisi dei rischi nelle PPP[modifica | modifica wikitesto]

Il risk management o gestione dei rischi nelle PPP altro non è che un processo, su base continuativa e per tutta la durata temporale del progetto,che consente l'identificazione e l'analisi dei rischi legati ad determinato intervento e del relativo insieme delle azioni di controllo, di prevenzione e di correzione da mettere in campo nel caso in cui i rischi si presentino realmente, sulla base di responsabilità ben definite tra le parti.

La corretta allocazione dei rischi nelle operazioni di PPP contribuisce in maniera sostanziale alla modalità di contabilizzazione di queste operazioni, ovvero se si tratta di contabilizzazioni di tipo on/off balance.

Esistono diversi possibili schemi di classificazione dei rischi in ambito PPP. Tali classificazioni possono essere estese in funzione dello specifico settore d'intervento mediante l'utilizzo di prassi consolidate (nazionali ed internazionali) o di norme internazionali specifiche. Tra queste classificazioni sicuramente non si può non annoverare quella contenuta nella Determinazione n. 2 dell'11 Marzo 2010 dell'AVCP e nella già citata Decisione 11 febbraio 2004 dell'Eurostat, in cui si individuano tre principali tipologie di rischio nei rapporti di PPP:

  1. rischio di costruzione: è il rischio legato ai ritardi nella consegna, ai costi addizionali, a standard inadeguati;
  2. rischio di disponibilità: è il rischio legato alla performance dei servizi che il partner privato deve rendere;
  3. rischio di domanda: è il rischio legato ai diversi volumi di domanda del servizio che il partner privato deve soddisfare).

Ordinamento italiano[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ordinamento italiano, a differenza di quanto accade in altri stati membri dell'Unione europea (ad esempio, Francia e Spagna), non esiste una normativa specifica per il partenariato pubblico-privato. Di volta in volta, invece, vengono selezionati alcuni particolari istituti giuridici che sono ritenuti adatti al tipo di cooperazione che si intende mettere in atto. Alcuni di questi istituti sono: la concessione di opere e di servizi pubblici, il project financing, il leasing finanziario, la compartecipazione a società mista (con o senza scopo di lucro). L'affidamento a società miste di contratti di esecuzione di opere o prestazioni di servizi, è ritenuto legittimo se il socio privato è selezionato con un sistema che ammette la libera concorrenza tra i diversi attori interessati alla partecipazione nel nuovo soggetto a cui sarà successivamente affidata la convenzione.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Federica Fabi, Renato Loiero, Francesco Saverio Emmanele Profiti, Il partenariato pubblico-privato nell'ordinamento giuridico nazionale, comunitario ed europeo - Dike giuridica, 2015

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Link[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND: (DE4337462-1