Francisco de Paula Rodrigues Alves

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Francisco de Paula Rodrigues Alves
Rodrigues Alves 3.jpg

Presidente del Brasile
Durata mandato 15 novembre 1902 –
15 novembre 1906
Predecessore Manuel Ferraz de Campos Sales
Successore Afonso Augusto Moreira Pena

Francisco de Paula Rodrigues Alves (Guaratinguetá, 7 luglio 1848Rio de Janeiro, 16 gennaio 1919) fu un avvocato e un uomo politico repubblicano paulista brasiliano.

Presidente del Brasile dal 15 novembre 1902 al 15 novembre 1906. Fu eletto nuovamente nel 1919 ma morì prima di entrare in carica. Deputato della provincia di São Paulo (1872), Rodrigues Alves ne fu poi governatore e divenne anche consigliere imperiale (1884-1889). Membro dell'Assemblea Costituente (1891), fu poi ministro delle Finanze sotto i presidenti Floriano Peixoto e Prudente de Morais (1891-1898) e senatore per il Partido Republicano Paulista (1897-1900 e 1916-1918).

Più volte eletto governatore del São Paulo (1900-1902 e 1912-1916), fu presidente della Repubblica dal 1902 al 1906. Il suo vice designato, Francisco Silviano de Almeida Brandão, morì il 25 settembre 1902 prima ancora di entrare in carica, e fu sostituito dall'avvocato Afonso Augusto Moreira Pena. Nel 1903 Rodrigues Alves concluse vittoriosamente una breve guerra con la Bolivia, annettendo al Brasile i distretti di Roraima e dell'Acre. La sua prima presidenza fu detta Quadriênio Progressista per la sua stabile politica amministrativa.

Nel 1904 promosse a Rio de Janeiro una campagna sanitaria, guidata da Osvaldo Cruz, che comportava la vaccinazione antivaiolosa obbligatoria: il senatore Lauro Sondré e il generale Silveira Travassos, suoi avversari politici e militari, ne approfittarono per fomentare la “Revolta da Vacina” (movimento di opposizione popolare), propagandola anche alle Scuole Militari di Plaia Vermelha e Realengo. Nuovamente eletto presidente nel 1919, morì di influenza spagnola prima di assumere la carica.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN16161540 · ISNI (EN0000 0000 2626 3264 · LCCN (ENn84026391 · GND (DE1053571658 · BNF (FRcb12416180j (data) · WorldCat Identities (ENn84-026391