Manuel Deodoro da Fonseca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Manuel Deodoro da Fonseca
Deodoro da Fonseca (1889).jpg

Presidente del Brasile
Durata mandato 15 novembre 1889 –
23 novembre 1891
Predecessore carica creata
Successore Floriano Vieira Peixoto

Manuel Deodoro da Fonseca (Alagoas, oggi Marechal Deodoro, 5 agosto 1827Rio de Janeiro, 23 agosto 1892) è stato un militare e politico brasiliano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu il primo presidente della Repubblica del Brasile, prima provvisoriamente dal 15 novembre 1889 al 26 febbraio 1891, poi regolarmente fino alle sue dimissioni il 23 novembre 1891.

Ufficiale dell'esercito imperiale brasiliano, Da Fonseca combatté nella guerra della Triplice Alleanza contro il Paraguay (1864-1870), fu promosso maresciallo e fu nominato vicegovernatore della provincia del Rio Grande do Sul (1887-1889).

Il 15 novembre 1889 Da Fonseca rovesciò l'imperatore Pietro II con un pronunciamento incruento dell'esercito appoggiato da repubblicani, conservatori e schiavisti, proclamando la repubblica degli Stati Uniti del Brasile. Eletto presidente provvisorio dalla Camera Comunale di Rio de Janeiro, sciolse l'Assemblea Generale (il Parlamento dell'Impero), le Assemblee provinciali e le Camere comunali, e inviò interventores (ispettori con poteri straordinari) in tutte le province. Convocò un'Assemblea Costituente (1890-1891) che promulgò una Costituzione presidenziale e federalista sul modello statunitense (presidente della Repubblica capo dell'esecutivo, Congresso Nazionale bicamerale formato da Senato e Camera dei deputati, divisione amministrativa in Stati con propri organi di governo) e introdusse il matrimonio civile e la separazione della Chiesa dallo Stato. Eletto presidente dal Congresso Nazionale (26 febbraio 1891), volle sciogliere il Senato, ostile alla sua politica, per governare con poteri dittatoriali. L'insurrezione della marina militare, capeggiata dall'ammiraglio de Melo, e dello Stato del Rio Grande do Sul (che si trascinò fino al 1894), lo convinsero a dimettersi il 23 novembre 1891, lasciando il governo al vicepresidente Floriano Peixoto. Fu membro della Massoneria[1]

Sposò nel 1860 Mariana Cecília de Sousa Meirelles.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Massoni presidenti del Brasile sul sito ufficiale del Grande Oriente del Brasile.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN77696410 · ISNI (EN0000 0000 2381 979X · LCCN (ENn83185256