Gustavo Petro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gustavo Petro
Gustavo Petro Mayor of Bogota.jpg
Gustavo Petro nel 2013

Sindaco di Bogotà
Durata mandato 1 gennaio 2012 –
19 marzo 2014
Predecessore Clara López Obregón
Successore Rafael Pardo

Durata mandato 23 aprile 2014 –
31 dicembre 2015
Predecessore María Mercedes Maldonado
Successore Enrique Peñalosa

Dati generali
Partito politico Polo Democratico Alternativo, Movimiento Progresistas (izquierda), Alternative Way e Regional Integration Movement
Università External University of Colombia, Graduate School of Public Administration, Pontifical Xavierian University, University of Salamanca
Professione economista
Firma Firma di Gustavo Petro

Gustavo Francisco Petro Urrego (Ciénaga de Oro, 19 aprile 1960) è un economista e politico colombiano, candidato alla presidenza colombiana durante le elezioni del 2010 e 2018 e in precedenza sindaco di Bogotá tra il 2012 e il 2015.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni 80 è stato membro del gruppo di guerriglieri M-19, che in seguito si trasformò nel partito Alianza Democrática M-19 a cui Petro partecipò diventandone membro. Alle elezioni legislative del 2006, è stato eletto senatore per il partito Polo democratico alternativo. Nel 2009 ha rassegnato le dimissioni per potersi candidare alle elezioni presidenziali colombiane del 2010, arrivando quarto.

Dopo alcune divergenze ideologiche con i leader del Polo democratico alternativo, ha fondato il movimento Progresistas per partecipare alle elezioni come sindaco di Bogotà. Il 30 ottobre 2011 è stato eletto sindaco di Bogotá, assumendo la carica il 1º gennaio 2012.[1]

Il 27 maggio 2018 è arrivato secondo nel primo turno delle elezioni presidenziali con oltre il 25% dei voti, perdendo al ballottaggio del 17 giugno contro Iván Duque Márquez.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Former rebel elected Bogota mayor, 31 ottobre 2011. URL consultato il 26 novembre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN68340372 · ISNI (EN0000 0000 3668 2809 · LCCN (ENn2005062488 · GND (DE130825948 · WorldCat Identities (ENlccn-n2005062488