Anthony Fauci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Anthony Fauci

Anthony Stephen Fauci (New York, 24 dicembre 1940) è un immunologo statunitense che ha fornito contributi fondamentali nel campo della ricerca sull'AIDS e altre immunodeficienze, sia come scienziato che come capo dell'istituto statunitense National Institute of Allergy and Infectious Diseases.

Fauci è membro della National Academy of Science, della "American Academy of Arts and Sciences", dello "Institute of Medicine" (Membro del concilio), della American Philosophical Society, e della Accademia Reale Danese di Scienze e Lettere, così come di molte altre associazioni professionali, tea tra cui il Collegio di Medici Americano, la "American Society for Clinical Investigation", la "Association of American Physicians", la "Infectious Diseases Society of America", la "American Association of Immunologists", e la "American Academy of Allergy Asthma and Immunology".

Nel 2020, durante la pandemia di COVID-19, Fauci è divenuto uno dei volti più importanti nella lotta al virus Sars CoV-2, tanto da essere stato chiamato, dal presidente Donald Trump, a far parte della task force dedicata ad affrontare l'emergenza. In tale veste, ha spesso contraddetto o rettificato delle affermazioni pronunciate dal presidente durante la gestione della crisi sanitaria, tra cui la fiducia da questi manifestata nei confronti dell'efficacia dell'idrossiclorochina nel combattere la COVID-19.[1]

Ha lavorato per i comitati editoriali di molte riviste scientifiche; come editore del Harrison's Principles of Internal Medicine; ed è autore, coautore, o curatore, di più di mille pubblicazioni scientifiche, tra cui molti libri di testo. Relativamente al suo livello accademico e di rilevanza nel mondo scientifico, basandosi sull'H-index viene considerato tra i personaggi più rilevanti durante la gestione della pandemia da COVID-19.[2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fauci nacque in una famiglia di origini italiane da Stephen A. Fauci e Eugenia L. Abys, che possedevano una farmacia. I suoi nonni paterni, Antonino Fauci e Calogera Guardino, erano di Sciacca. Sua nonna materna, Raffaella Trematerra, proveniva da Napoli, mentre suo nonno materno, Giovanni Abys, nacque ad Atripalda (AV). Il bisnonno materno era originario di Coira, Svizzera.[3][4]

Percorso di studi e primi incarichi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1958 Fauci si diploma alla Regis High School, una scuola privata cattolica di New York[5].

Sempre nel 1958 si iscrive al College of the Holy Cross, dove si laurea nel 1962 ottenendo un Bachelor of Science in lettere classiche. Nello stesso anno si iscrive alla Cornell University, dove riceve la laurea in medicina (M.D. degree), nel 1966[6]. Successivamente completa l'internato e la specializzazione al New York Hospital-Cornell Medical Center. Nel 1968, Fauci è ammesso al National Institutes of Health (NIH) come ricercatore clinico nel Laboratory of Clinical Investigation (LCI) dello NIAID.

Nel 1974, diventa capo della Clinical Physiology Section, LCI, e nel 1980 viene nominato capo del Laboratory of Immunoregulation, una posizione che attualmente mantiene.

Direzione del National Institute of Allergy and Infectious Diseases[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1984 Fauci diventa il direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases, da dove supervisionerà un esteso programma di ricerche di base ed applicate, con lo scopo di prevenire, diagnosticare, e trattare malattie infettive ed immuno-mediate, includendo lo HIV/AIDS ed altre malattie sessualmente trasmessibili.

Inoltre si occupa di ricerche immunologiche per la terapia di malattie causate da potenziali agenti biologici del bioterrorismo, della tubercolosi, la malaria le malattie autoimmunitarie, l'asma e le allergie.

Nel 2003, uno studio dello "Institute for Scientific Information" indicava che nel periodo di 20 anni dal 1983 al 2002, Anthony Fauci si era classificato al 13º posto tra gli scienziati più citati tra i circa 2,5 a 3 milioni di autori in tutte le discipline nel mondo intero, che avevano pubblicato articoli in giornali scientifici durante quel lasso di tempo. Nel campo dell'immunologia Anthony Fauci è stato il nono scienziato più citato (gennaio 1993 a 30 giugno, 2003).

Nel corso degli anni, Fauci è stato un "Visiting Professor" chiamato da alcuni tra i maggiori centri medici degli USA. Ha dettato lezioni magistrali nelle aule dei più famosi atenei di tutto il mondo, ed ha ricevuto molti prestigiosi premi e riconoscimenti accademici per le sue scoperte scientifiche, includendo 30 titoli onorari di dottorato di varie università negli Stati Uniti ed all'estero.

Ricerche e scoperte[modifica | modifica wikitesto]

Anthony Fauci ha dato molti contributi alla ricerca clinica e di base sulla patogenesi e terapia delle malattie immuno-mediate (controverso).

Sistema immunitario[modifica | modifica wikitesto]

È stato un pioniere nel campo della immunoregolazione umana, realizzando un certo numero di osservazioni scientifiche che sono servite come base per la comprensione della regolazione della risposta immune umana. In aggiunta, si riconosce ad Anthony Fauci l'aver delineato i meccanismi precisi con i quali gli agenti immunodepressori modulano la risposta immune.

Ha sviluppato terapie efficaci per malattie che un tempo erano fatali, come la poliarterite nodosa, la granulomatosi di Wegener, e la granulomatosi linfomatoide. Un'indagine della Stanford University Arthritis Center del 1985, commissionata dalla American Rheumatism Association, classificò il lavoro di Fauci sulla terapia della poliarterite nodosa e sulla granulomatosi di Wegener come uno dei più importanti progressi nella gestione dei pazienti reumatologici nei 20 anni precedenti.

AIDS[modifica | modifica wikitesto]

Fauci ha dato contributi fondamentali alla comprensione di come il virus dell'AIDS distrugga le difese immunitarie del corpo portando ad una maggiore suscettibilità a una serie di infezioni fatali. Ha anche delineato il meccanismo di induzione dell'espressione del virus HIV da parte di citochine endogene. Inoltre, ha partecipato allo sviluppo di strategie per la terapia e ricostituzione dell'immunità di pazienti affetti da questa malattia, partecipando, inoltre, allo sviluppo di un vaccino per prevenire l'infezione da HIV.

Continua a dedicare gran parte del suo tempo nella ricerca all'identificazione della natura dei meccanismi immunopatogenici dell'infezione da HIV e alla portata delle molteplici risposte immuni del corpo al retrovirus dell'AIDS.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia Presidenziale della Libertà - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia Presidenziale della Libertà
— 2008

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Trump retweets #FireFauci after coronavirus scientist comments, in Reuters UK, 13 aprile 2020.
  2. ^ Burioni, Pregliasco e Brusaferro Gli esperti più scarsi del mondo - Foto 1 di 19 - Il Tempo, su web.archive.org, 1º maggio 2020. URL consultato il 3 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 1º maggio 2020).
  3. ^ John I. Gallin, Introduction of Anthony S. Fauci, MD, in Journal of Clinical Investigation, vol. 117, n. 10, 1º ottobre 2007, pp. 3131–3135, DOI:10.1172/jci33692, PMC 1994641, PMID 17909634.
  4. ^ Fauci89: Transcription of oral history interview (PDF), NIH, 7 marzo 1989 (archiviato dall'url originale il 9 aprile 2016).
  5. ^ Dr. Anthony Fauci '58 Visits Regis, su www.regis.org. URL consultato il 26 marzo 2020.
  6. ^ College of the Holy Cross | Holy Cross Magazine, su www.holycross.edu. URL consultato il 26 marzo 2020.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Peter Paul Franco. "Anthony Stephen Fauci". In Italian Americans of the Twentieth Century, ed. George Carpetto and Diane M. Evanac (Tampa, FL: Loggia Press, 1999), pp. 140-141.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN85152313 · ISNI (EN0000 0001 2282 5159 · LCCN (ENn82011496 · ORCID (EN0000-0002-7865-7235 · GND (DE1102147176 · BNE (ESXX1374648 (data) · NLA (EN35505683 · NDL (ENJA01186190 · WorldCat Identities (ENlccn-n82011496