Partito Socialismo e Libertà

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Partito Socialismo e Libertà
Partido Socialismo e Liberdade
Psol ziraldo.png
PresidenteLuiz Araújo
StatoBrasile Brasile
SedeSDS, Edificio Venâncio V, Loja 28, Brasilia
Fondazione6 giugno 2004
IdeologiaSocialismo
Anticapitalismo
CollocazioneSinistra
Seggi Camera
3 / 513
Seggi Senato
1 / 81
Iscritti11.000
Sito web

Il Partito Socialismo e Libertà (Partido Socialismo e Liberdade, PSOL) è un partito politico brasiliano.

È stato fondato nel 2004 da alcuni parlamentari del Partito dei Lavoratori in dissenso con la politica giudicata conservatrice, le alleanze troppo ampie, la corruzione e la mancanza di democrazia interna del partito di Lula. A loro si sono aggiunti intellettuali e militanti provenienti da diversi partiti di sinistra.

La caratteristica del PSOL è di essere un partito anticapitalista che raggruppa diverse tendenze politiche radicali di sinistra[1].

Alle elezioni presidenziali del 2006 la sua candidata Heloísa Helena, appoggiata a livello internazionale da intellettuali come Noam Chomsky, Ken Loach e Slavoj Zizek[2] a capo di una coalizione di estrema sinistra col Partito Comunista Brasiliano e il Partito Unificato Socialista dei Lavoratori[3] ottenne sei milioni e mezzo di voti (6,85%). Il PSOL elesse 3 deputati e un senatore.

Alle successive elezioni del 2010 il risultato del candidato Plínio de Arruda Sampaio è stato assai più modesto (0.87%) ma il partito ha mantenuto la medesima rappresentanza parlamentare.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Brasile Portale Brasile: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Brasile