Brusaporto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Brusaporto
comune
Brusaporto – Stemma Brusaporto – Bandiera
Brusaporto – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia/Città metropolitana Provincia di Bergamo-Stemma.png Bergamo
Amministrazione
Sindaco Roberto Giuseppe Rossi (lista civica Rinnovamento Continuità) dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate 45°40′00″N 9°46′00″E / 45.666667°N 9.766667°E45.666667; 9.766667 (Brusaporto)Coordinate: 45°40′00″N 9°46′00″E / 45.666667°N 9.766667°E45.666667; 9.766667 (Brusaporto)
Altitudine 255 m s.l.m.
Superficie 4,99 km²
Abitanti 5 364[1] (31-12-2011)
Densità 1 074,95 ab./km²
Comuni confinanti Albano Sant'Alessandro, Bagnatica, Seriate
Altre informazioni
Cod. postale 24060
Prefisso 035
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 016042
Cod. catastale B223
Targa BG
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanti brusaportesi
Patrono santa Margherita
Giorno festivo 26 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Brusaporto
Posizione del comune di Brusaporto nella provincia di Bergamo
Posizione del comune di Brusaporto nella provincia di Bergamo
Sito istituzionale

Brusaporto (Brüsa in dialetto bergamasco[2][3]) è un comune italiano di 5.393 abitanti della provincia di Bergamo, in Lombardia.

Adagiato sugli ultimi colli della Val Cavallina, dista circa 11,5 chilometri a est dal capoluogo orobico.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I primi insediamenti umani che riguardarono il territorio comunale risalgono all’epoca preistorica, testimoniabili dai resti umani rinvenuti nella zona collinare del paese. Tale tesi è suffragata da analoghi ritrovamenti effettuati nei paesi limitrofi, che confermano il fatto che la zona si addiceva particolarmente alle condizioni di vita di quel tempo.

Tuttavia per quanto concerne i periodi successivi, non ci sono arrivate documentazioni che potessero attestare l’esistenza di nuclei abitativi in epoca romana, tanto meno nei secoli ad essa seguenti.

Il medioevo invece è stato invece un periodo ricco di avvenimenti per il borgo. In tal senso la documentazione del tempo ci aiuta nello stabilire l’origine etimologica del nome del paese, che deriva da Bruggià-porco, poi traslato in Brusaporco, fino ad assumere l’attuale denominazione.

L’età medievale tuttavia fu un’epoca particolarmente cruenta anche in queste zone, tanto che si racconta che, nel 1380 le annose lotte tra guelfi e ghibellini portarono alla distruzione, da parte di questi ultimi, del castello posto sulla sommità del colle che sovrasta l'abitato, privando così Brusaporto di una delle sue più grandi costruzioni di difesa del paese. Di proprietà della locale famiglia guelfa dei Rivola, assunse la denominazione di Rocca del colle e, più volte restaurato, è arrivato fino ai giorni nostri.

Un altro evento riportato dalle cronache medievali è l’editto proclamato dal ghibellino Giovanni Castiglioni, secondo il quale erano proibiti a chiunque sia la residenza che il transito nei pressi della rocca stessa.

Successivamente il borgo seguì le sorti del resto della provincia e, nel 1428 venne sottoposto alla dominazione veneta.

La nuova suddivisione amministrativa portò Brusaporto a fare parte della quadra di Calcinate, che durò fino a quando intervenne la nuova dominazione napoleonica, sotto forma della Repubblica Cisalpina.

In quel periodo il paese venne inserito nel Cantone di Martinengo, realtà da cui si staccherà soltanto con l’avvento dell’unità d’Italia ed il conseguente |regno, ottenendo l’autonomia amministrativa.

Nel 1859 venne assegnato al mandamento di Martinengo nel circondario di Treviglio; nel 1897 passò al mandamento di Trescore nel circondario di Bergamo[4].

Questo fino al 1927, quando Brusaporto venne accorpato al vicino paese di Bagnatica, formando un comune denominato Rocca del Colle. I frequenti episodi di campanilismo portarono però alla nuova suddivisione delle due entità, avvenuta nel 1956[5].

Curiosità etimologica: Il bizzarro nome attribuito al borgo pare, secondo una storia popolare, sia nato nel XIII secolo circa quando la Rocca del paese era sede dell'abitazione di un ricco signorotto che obbligava i suoi sudditi a lavori estenuanti retribuendo loro solamente una piccolissima parte del prodotto. Leggenda vuole che una notte la popolazione insorse contro lo strapotere e mise a ferro e fuoco la Rocca, rapendo il suo abitante. Tale signorotto fu portato in piazza e messo al rogo, con la popolazione euforizzata che gli urlava "brüsa porco", che in dialetto bergamasco significa letteralmente "brucia maiale". Tutt'oggi non esiste nessuna prova documentata né dell'esistenza della rivolta né tantomeno della tragica fine del Signorotto, ma la popolazione più anziana del paese, legata ancora a vecchie storie tramandate oralmente dai loro predecessori, è convinta della veridicità del fatto.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Lo sport a Brusaporto è una realtà attiva e dinamica, ben radicata sul territorio, sostenuta e organizzata da gruppi sportivi ottimamente allestiti, dove ragazzi, adulti e anziani possono praticare la disciplina sportiva a loro più affine. In questo contesto lo sport assume quindi anche una valenza sociale: infatti l’attività sportiva, soprattutto in età giovanile, ha un ruolo di primaria importanza nel contesto sociale e scolastico per la crescita personale di ciascuno. Per permettere lo svolgimento di queste attività Brusaporto è attrezzato con diversi luoghi adibiti ad uso sportivo. I principali sono 3: Palestra Comunale di via Tognoli, Palestrina del "Centro Sociale" di via Regina Elena ed il Centro Sportivo Comunale di via Belvedere.

Vengono svolte numerose discipline:

  • Calcio con le squadre A.C. Brusaporto e APDO Oratorio Brusaporto
  • Pallavolo con la squadra A.S.D. Volley Brusaporto
  • Tennis con l'associazione A.S. Tennis Brusaporto
  • Atletica
  • Bocce, con l'U.S. Bocce Brusaporto
  • Gruppo Arcieri "04 Luna"
  • Gruppo Amatori Pesca
  • Associazione Sportiva Dilettantistica Brusabasket
  • Gruppo sportivo Pedale Brusaporto
  • Associazione Dilettantistica Ginnastica Brusaporto

Associazioni di volontariato operanti nel paese[modifica | modifica wikitesto]

  • L.A.D.S. Sezione di Brusaporto (Libera Associazione Donatori Sangue)

Presidente: Carminati Dott. Fabio - e-mail: brusaporto@lads.it - www.lads.it

  • A.I.D.O. Sezione di Brusaporto (Associazione Italiana Donatori Organi)

Presidente: Federici Marco

  • A.V.I.S. Sezione di Brusaporto (Associazione Volontari Italiani del Sangue)

Presidente: Rossi Giovanni

Da visitare[modifica | modifica wikitesto]

Il monumento di maggior richiamo è indubbiamente il sopra citato castello medievale. Posto sul colle che domina il borgo, chiamato anche Rocca del colle, ormai non sfoggia più la sua originale imponenza, dato che alcune devastazioni prima, e l’incuria poi, hanno fatto pervenire ai nostri giorni soltanto la cinta muraria e ruderi del l’edificio principale. Un altro edificio degno di nota è villa Belvedere di origine medievale, che possiede una caratteristica torre merlata.

Nell’ambito degli edifici sacri, merita menzione la chiesa parrocchiale, dedicata a Santa Margherita. Ricostruita su un precedente edificio di culto nel corso del XVIII secolo, custodisce opere del Frangipane, del Palazzano e del Peverada.

A questa attigua si trova una seconda chiesa, dedicata alla Sacra famiglia, risalente all’inizio del XX secolo, in stile gotico.

Molto caratteristica è la chiesetta, in stile romanico, intitolata a San Martino, risalente al XIV-XV secolo. Questa possiede affreschi di notevole importanza, raffiguranti immagini della Madonna e di santi, risalenti al XV secolo. Grazie ai recenti restauri della chiesetta in stile romanico, ora è possibile rivedere gli affreschi in tutta la loro maestosità e singolarità, oltre che al loro grandissimo valore storico e artistico.

Resti di un'antica fortificazione medievale sono tuttora visibili sul colle Tomenone (247mt slm), sul lato est del paese. Tra i boschi del colle si trova infatti ancora un vecchio muro in pietra, forse originariamente costruito per dividere il paese da Bagnatica, ed i resti di un posto di guardia con annesso un pozzo ormai prosciugato. Sulla sommità del colle si trova un osservatorio dal quale si può godere di una bellissima vista della Città Alta di Bergamo, distante in linea d'aria 10km.

Brusaporto Retrocomputing[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 2007 viene organizzata annualmente una mostra di retrocomputing a carattere nazionale di computer, calcolatori e console di generazioni passate, che ripercorre la storia dell'informatizzazione, dalla "preistoria dell'informatica" ai giorni nostri.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]


Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2004 2014 Claudio Rossi lista civica sindaco
2014 in carica Roberto Giuseppe Rossi lista civica sindaco

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Il toponimo dialettale è citato nel libro-dizionario di Carmelo Francia, Emanuele Gambarini (a cura di), Dizionario italiano-bergamasco, Torre Boldone, Grafital, 2001, ISBN 88-87353-12-3.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 104.
  4. ^ Legge n° 330 del 23 luglio 1896, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia n° 180 del 30 luglio 1896
  5. ^ Decreto del presidente della Repubblica 16 marzo 1956, n. 314, in materia di "Ricostituzione del comune di Brusaporto (Bergamo)."
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
Bergamo Portale Bergamo: accedi alle voci di Wikipedia su Bergamo e sul suo territorio