Luzzana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la frazione di Molteno in provincia di Lecco, vedi Luzzana (Molteno).
Luzzana
comune
Luzzana – Stemma Luzzana – Bandiera
Luzzana – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Bergamo-Stemma.png Bergamo
Amministrazione
SindacoIvan Beluzzi (lista civica Diamo vita a un sogno) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate45°43′N 9°53′E / 45.716667°N 9.883333°E45.716667; 9.883333 (Luzzana)Coordinate: 45°43′N 9°53′E / 45.716667°N 9.883333°E45.716667; 9.883333 (Luzzana)
Altitudine310 m s.l.m.
Superficie3,48[2] km²
Abitanti918[3] (30-4-2017)
Densità263,79 ab./km²
Frazioninessuna[1]
Comuni confinantiAlbino, Borgo di Terzo, Entratico, Trescore Balneario
Altre informazioni
Cod. postale24069
Prefisso035
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT016130
Cod. catastaleE770
TargaBG
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)
Cl. climaticazona E, 2 510 GG[4]
Nome abitantiluzzanesi
PatronoSan Bernardino da Siena
Giorno festivo20 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Luzzana
Luzzana
Luzzana – Mappa
Posizione del comune di Luzzana nella provincia di Bergamo
Sito istituzionale
Panorama

Luzzana (Lössana in dialetto bergamasco[5]) è un comune italiano di 918 abitanti[3] della provincia di Bergamo, in Lombardia. Situato alla destra orografica del fiume Cherio, in val Cavallina, dista circa 18 chilometri ad est dal capoluogo orobico.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Storia della Lombardia.

A Luzzana è stata rinvenuta un'iscrizione su un masso ovoidale risalente al neolitico, databile attorno al 2000 a.C., su cui probabilmente è riportato un primordiale calendario.[senza fonte]

I primi documenti in cui appare il nome di Luzzana risalgono all'anno 886 quando, in alcuni atti di vendita di terreni, viene fatta menzione del nome del paese.

Ma i resti principali risalgono all'epoca medievale, in cui vi furono cruente lotte tra le fazioni guelfe e ghibelline.

La principale opera di quel periodo risulta essere il castello Giovannelli, risalente al XIII secolo, acquistato dal Comune nel 1989 ed attuale sede del Municipio, della Biblioteca dell'Unione dei Comuni della Media Valcavallina (Luzzana, Borgo di Terzo e Vigano S.Martino), del Gruppo di Protezione Civile Comunale e del "Museo d'Arte Contemporanea Donazione Meli", che svetta sul paese con la sua torre e le murature con feritoie. Altri monumenti risalenti a quel periodo sono casa Mazzi e casa Gobetti, sul confine con Trescore Balneario.

Nel XIX secolo venne edificata la chiesa parrocchiale, intitolata a San Bernardino da Siena, contenente numerosi dipinti di notevole pregio, tra cui la Madonna in trono e la Crocifissione di Francesco Zucco, e diverse opere degli Scultori Luzzanesi Giosuè Meli (1816 - 1893) ed Alberto Meli (1921 - 2003).

Il paese venne unificato con il confinante comune di Entratico dal 1927 fino al 1948, quando riacquistò la sua autonomia.

In passato il paese era famoso per la produzione ed il commercio delle castagne, raccolte sulle pendici del monte Misma.

Oggi ci sono alcune aziende manifatturiere che lavorano pietre, marmi ed un importante studio di design, che progetta e realizza su misura arredamenti sia per interni che per esterni; oltre che diverse attività operanti nel settore dei servizi e degli autotrasporti.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1º luglio 1985 22 giugno 1990 Italo Ghilardi Democrazia Cristiana Sindaco [7]
22 giugno 1990 24 aprile 1995 Italo Ghilardi Democrazia Cristiana Sindaco [8]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Mario Brigo Lista civica Sindaco [9]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Mario Brigo Lista civica Sindaco [10]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Lionello Valenti Lista civica "Insieme" Sindaco [11]
8 giugno 2009 25 maggio 2014 Ivan Beluzzi Lista civica Sindaco [12]
26 maggio 2014 in carica Ivan Beluzzi Lista civica "Continuità e innovazione" Sindaco [13]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Fra il 1908 e il 1931 la località ospitò una fermata lungo la tranvia della val Cavallina[14].

Nel territorio comunale passa la Strada statale 42 del Tonale e della Mendola

Sport e Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Associazioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Luzzana - Statuto
  2. ^ Comune di Luzzana (BG) su Tuttitalia.it, su tuttitalia.it. URL consultato il 9 ottobre 2012.
  3. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 aprile 2017.
  4. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  5. ^ Il toponimo dialettale è citato nel libro-dizionario di Carmelo Francia, Emanuele Gambarini (a cura di), Dizionario italiano-bergamasco, Torre Boldone, Grafital, 2001, ISBN 88-87353-12-3.
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ amministratori.interno.it, http://amministratori.interno.it/amministratori/.
  8. ^ amministratori.interno.it, http://amministratori.interno.it/amministratori/.
  9. ^ elezionistorico.interno.it, http://elezionistorico.interno.it/.
  10. ^ elezionistorico.interno.it, http://elezionistorico.interno.it/.
  11. ^ elezionistorico.interno.it, http://elezionistorico.interno.it/.
  12. ^ elezionistorico.interno.it, http://elezionistorico.interno.it/.
  13. ^ elezionistorico.interno.it, http://elezionistorico.interno.it/.
  14. ^ Francesco Ogliari e Franco Sapi, Albe e tramonti di prore e binari, a cura degli autori, Milano, 1963.
Controllo di autoritàVIAF (EN239681385 · GND (DE7592099-2
Bergamo Portale Bergamo: accedi alle voci di Wikipedia su Bergamo e sul suo territorio