Luzzana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luzzana
comune
Luzzana – Stemma Luzzana – Bandiera
Luzzana – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Bergamo-Stemma.png Bergamo
Amministrazione
Sindaco Ivan Beluzzi (lista civica Diamo vita a un sogno) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 45°43′N 9°53′E / 45.716667°N 9.883333°E45.716667; 9.883333 (Luzzana)Coordinate: 45°43′N 9°53′E / 45.716667°N 9.883333°E45.716667; 9.883333 (Luzzana)
Altitudine 310 m s.l.m.
Superficie 3,48[1] km²
Abitanti 914[2] (30-11-2016)
Densità 262,64 ab./km²
Comuni confinanti Albino, Borgo di Terzo, Entratico, Trescore Balneario
Altre informazioni
Cod. postale 24069
Prefisso 035
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 016130
Cod. catastale E770
Targa BG
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Cl. climatica zona E, 2 510 GG[3]
Nome abitanti luzzanesi
Patrono San Bernardino da Siena
Giorno festivo 20 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Luzzana
Luzzana
Luzzana – Mappa
Posizione del comune di Luzzana nella provincia di Bergamo
Sito istituzionale
Panorama

Luzzana (Lössana in dialetto bergamasco[4]) è un comune italiano di 914 abitanti[2] della provincia di Bergamo, in Lombardia. Situato alla destra orografica del fiume Cherio, in val Cavallina, dista circa 20 chilometri ad est dal capoluogo orobico.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Storia della Lombardia.

A Luzzana è stata rinvenuta un'iscrizione su un masso ovoidale risalente al neolitico, databile attorno al 2000 a.C., su cui probabilmente è riportato un primordiale calendario.[senza fonte]

I primi documenti in cui appare il nome di Luzzana risalgono all'anno 886 quando, in alcuni atti di vendita di terreni, viene fatta menzione del nome del paese.

Ma i resti principali risalgono all'epoca medievale, in cui vi furono cruente lotte tra le fazioni guelfe e ghibelline.

La principale opera di quel periodo risulta essere il castello Giovannelli, risalente al XIII secolo, ed attuale sede dell'Unione dei comuni della media Val Cavallina e della biblioteca, che svetta sul paese con la sua torre mozza e le murature con feritoie. Altri monumenti risalenti a quel periodo sono casa Mazzi e casa Gobetti, sul confine con Trescore Balneario.

Nel XIX secolo venne edificata la chiesa parrocchiale, intitolata a San Bernardino da Siena, contenente numerosi dipinti di notevole pregio, tra cui la Madonna in trono e la Crocifissione di Francesco Zucco.

Il paese venne unificato con il confinante comune di Entratico dal 1927 fino al 1948, quando riacquistò la sua autonomia.

Oggi il paese è famoso per la produzione ed il commercio delle castagne, raccolte sulle pendici del monte Misma.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1 luglio 1985 22 giugno 1990 Italo Ghilardi Democrazia Cristiana Sindaco [6]
22 giugno 1990 24 aprile 1995 Italo Ghilardi Democrazia Cristiana Sindaco [7]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Mario Brigo Lista civica Sindaco [8]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Mario Brigo Lista civica Sindaco [9]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Lionello Valenti Lista civica "Insieme" Sindaco [10]
8 giugno 2009 25 maggio 2014 Ivan Beluzzi Lista civica Sindaco [11]
26 maggio 2014 in carica Ivan Beluzzi Lista civica "Continuità e innovazione" Sindaco [12]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Fra il 1908 e il 1931 la località ospitò una fermata lungo la tranvia della val Cavallina[13].

Nel territorio comunale passa la Strada statale 42 del Tonale e della Mendola

Sport e Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Associazioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Luzzana (BG) su Tuttitalia.it, tuttitalia.it. URL consultato il 9 ottobre 2012.
  2. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2016.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ Il toponimo dialettale è citato nel libro-dizionario di Carmelo Francia, Emanuele Gambarini (a cura di), Dizionario italiano-bergamasco, Torre Boldone, Grafital, 2001, ISBN 88-87353-12-3.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ amministratori.interno.it, http://amministratori.interno.it/amministratori/ .
  7. ^ amministratori.interno.it, http://amministratori.interno.it/amministratori/ .
  8. ^ elezionistorico.interno.it, http://elezionistorico.interno.it/ .
  9. ^ elezionistorico.interno.it, http://elezionistorico.interno.it/ .
  10. ^ elezionistorico.interno.it, http://elezionistorico.interno.it/ .
  11. ^ elezionistorico.interno.it, http://elezionistorico.interno.it/ .
  12. ^ elezionistorico.interno.it, http://elezionistorico.interno.it/ .
  13. ^ Francesco Ogliari e Franco Sapi, Albe e tramonti di prore e binari, a cura degli autori, Milano, 1963.
Controllo di autorità VIAF: (EN239681385 · GND: (DE7592099-2
Bergamo Portale Bergamo: accedi alle voci di Wikipedia su Bergamo e sul suo territorio